20-07-2018

Mostra Barcel/on/a/line. Green urban strategies from river to river

Barcellona, Spagna,

Paesaggio, Mostre, Piazze,

Interventi Urbani, Sostenibilità, riqualificazione,

Per il settimo anno consecutivo UIC Barcelona School of Architecture inaugura la mostra dei progetti di laurea dei suoi studenti negli spazi dei Cantieri Reali di Barcellona, attualmente sede del Museo Marittimo.



  1. Blog
  2. News
  3. Mostra Barcel/on/a/line. Green urban strategies from river to river

Mostra Barcel/on/a/line. Green urban strategies from river to river Per il settimo anno consecutivo UIC Barcelona School of Architecture inaugura la mostra dei progetti di laurea dei suoi studenti negli spazi dei Cantieri Reali di Barcellona, attualmente sede del Museo Marittimo. Barcel/on/a/line. Green urban strategies from river to river espone proposte di rigenerazione urbana tra il lungomare e i fiumi locali.


I Cantieri Reali di Barcellona, attualmente sede del Museu Marítim, dal 19 al 25 luglio ospitano la mostra dei progetti di laurea dell'UIC Barcelona School of Architecture, intitolata Barcel/on/a/line. Strategie urbane verdi da fiume a fiume. Il Museo Marittimo, certamente uno dei luoghi da visitare quando si va a Barcellona, è situato al margine meridionale del centro storico e alla fine della Rambla. Possiede una vasta collezione di navi e barche e una grande mostra sulla costruzione di velieri medievali.
La mostra dell’UIC Barcelona School of Architecture comprende progetti che ripensano il lungomare di Barcellona come sistema unitario, proponendosi di valorizzare le potenzialità della costa metropolitana per consentirle di assolvere più efficacemente alle sue funzioni sociali, ambientali ed economiche. Le idee si concentrano su come collegare e riprogettare gli spazi pubblici sul tratto di costa lungo 10 chilometri tra i fiumi Besòs e Llobregat, nonché di come rafforzare il ruolo del lungomare per gli abitanti, collegandolo con il tessuto urbano circostante.
Il tutto in un momento segnato da un crescente dibattito sul turismo di massa e le sue ricadute non solamente sul tessuto urbano, ma anche per quanto riguarda gli aspetti economici e sociali delle realtà toccate da questo fenomeno. Un tema caldo non solamente a Barcellona, ma anche in altre città del Mediterraneo quali Venezia.
Durante l'evento di apertura di Barcel/on/a/line. Green urban strategies from river to river, esperti come Itziar González, architetto e attivista che ha vinto il concorso internazionale per la ristrutturazione delle Ramblas a Barcellona insieme al suo team di 15 persone km-ZERO; Jordi Julià, presidente dell'Area della Conoscenza dell'Associazione degli Ingegneri Civili della Catalogna; Francesc Muñoz, docente di Geografia Urbana presso l'Universitat Autònoma de Barcelona dal 1995 e direttore dell'Osservatorio di Urbanistica dell'Università; e Maria Sisternas, co-fondatrice di Mediaurban, MSc City Design e Scienze Sociali della London School of Ecomomics (LSE) e collaboratrice regolare dei Diari Ara, hanno partecipato a un incontro mirato a incoraggiare una riflessione sul presente e sul futuro del tratto costiero di Barcellona. Un dibattito aperto su temi quali l'opportunità di coinvolgere il mondo accademico in azioni che forniscano un quadro reale dei problemi territoriali di oggi, oppure a possibili strategie da attuare per riprogettare e ripensare un lungomare minacciato da problemi come i crescenti livelli di privatizzazione, avvenuti in seguito dell'esorbitante aumento del turismo. L'evento è stato moderato dal designer e editore catalano Óscar Guayabero.

Christiane Bürklein

Mostra Barcel/on/a/line. Green urban strategies from river to river
Progetti di laurea dell’UIC Barcelona School of Architecture 
dal 19 al 25 luglio 2018
Museu Maritim, Barcellona
Immagini: courtesy of 
Ulteriori informazioni: http://www.uic.es/en/architecture-final-degree-exhibition

GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×