17-04-2018

TANDEM,spazio pubblico energeticamente autosufficiente

PEZestudio.org, TXP Todo X La Praxis, Creática ONG, ENORME Studio,

Javier de Paz García,

Madrid,

Tempo Libero, Padiglioni, Installazione, Parco urbano,

Interventi Urbani, Paesaggio,

Il tema dello spazio pubblico, esplorato in termini di autosufficienza energetica, è affrontato da TANDEM, un processo di trasformazione urbana che ha visto la collaborazione degli studi spagnoli Creática ONG, ENORME Studio, PEZestudio e TXP Todo X La Praxis a Madrid, allo scopo di creare arredi urbani sostenibili.



  1. Blog
  2. Architettura Sostenibile
  3. TANDEM,spazio pubblico energeticamente autosufficiente

TANDEM,spazio pubblico energeticamente autosufficiente Il tema dello spazio pubblico, esplorato in termini di autosufficienza energetica, è affrontato da TANDEM, un processo di trasformazione urbana che ha visto la collaborazione degli studi spagnoli Creática ONG, ENORME Studio, PEZestudio e TXP Todo X La Praxis a Madrid, allo scopo di creare arredi urbani sostenibili.

Place-making, la creazione e poi la fruizione dello spazio pubblico da parte dei cittadini, è uno dei grandi temi dell’attuale dibattito dell'urbanistica. Infatti sono tanti i progetti, da nord a sud, volti a migliorare la qualità della vita urbana, ma l'attenzione alla sostenibilità di tali interventi spesso è limitata al bando delle automobili da queste zone, all'introduzione di percorsi pedonali e ciclabili, senza affrontare aspetti pratici come l'autosufficienza energetica di certe attrezzature. 
Una questione che invece è stata affrontata a Madrid, in Spagna, dove l'amministrazione locale si è chiesta cosa accadrebbe se gli spazi pubblici potessero diventare autosufficienti in termini di consumo energetico. Seguita da un’altra domanda: cosa accadrebbe se uno spazio pubblico funzionasse come un laboratorio urbano per la gestione dell'energia da parte dei cittadini?
Riflessioni che hanno portato a TANDEM, esperimento urbano nel quartiere Malasaña di Madrid e alla realizzazione di tre piccole architetture da parte di quattro studi di architettura madrileni Creática ONG, ENORME Studio, PEZestudio e TXP Todo X La Praxis. Queste sono diventate arredi urbani per piazza Jardines del Arquitecto Ribera. Nello specifico si tratta di un'aula aperta, un palco e un info-point, tutti in grado di produrre energia grazie a panelli solari, rifornendo così l'intero complesso con 2KW/h di energia per il consumo quotidiano.
Inoltre i tre elementi sono collegati a una Twitter Machine, @plaza_tribunal, che controlla alcune interazioni, come la possibilità di cambiare il colore dell'illuminazione artificiale della piazza, la possibilità di fare selfies con una webcam o di lasciare messaggi su uno schermo a LED. 
Quest'ultimo è un “gadget” ludico che però ha una valenza più profonda, in quanto permette di sperimentare come l'autosufficienza energetica possa diventare il motore per l'attivazione, la promozione e la cogestione delle attività dei cittadini negli spazi pubblici. Infatti l'energia prodotta qui non è destinata solamente all'uso individuale, come ricaricare i dispositivi elettronici, ma per nuovi usi collettivi, dal cinema all'aperto all'illuminazione per concerti e altre attività condivise. L'autosufficienza energetica permette quindi ai cittadini di usare lo spazio pubblico per iniziative prima impensabili, in quanto mancava l'energia a costo zero per poterle realizzare nella piazza.
TANDEM è anche un laboratorio didattico, in quanto educa i cittadini a un uso responsabile dell'energia, ponendo domande tipo: “se ho 2KW/h a disposizione, come posso usarli al meglio?” Ed è così che l'accesso all'energia diventa un primo passo per rendere accessibile lo spazio pubblico a molte iniziative, sperimentando un modello ibrido di gestione tra Comune e quartiere e con nuove modalità di cogestione dello spazio pubblico.
Quanto descritto è un vero processo di trasformazione urbana, al quale hanno collaborato gli studi spagnoli Creática ONG, ENORME Studio, PEZestudio e TXP Todo X La Praxis. 
Infine ENORME Studio, vincitori del concorso Next Landmark 2015, sono anche presenti al Fuorisalone della Milano Design Week 2018 presso lo spazio di Rossana Orlandi, il quale quest'anno ospita un progetto multidisciplinare sulla Green Economy dedicato al tema del riciclo e del design sostenibile, intitolato Senso di colpa. Christiane Bürklein

Designers
Creática ONG https://www.creatica.ong/
ENORME Studio http://enormestudio.es/
PEZestudio.org http://pezestudio.org/
TXP Todo X La Praxis http://www.todoporlapraxis.es/
Collaborators
Créatica ONG:
ENORME Studio: Camille Bluin / Thomas Van Huffel / María Inés Pérez / Sara Urriza / Arkaitz Martínez / Jesús Sánchez
PEZestudio.org: Maé Durant Vidal / Elisa de los Reyes García / Urska Cernigoj
TXP Todo X La Praxis:
Agents and associations: Vecinos Haciendo Jardines / Somos Malasaña / COAM / Mercado de Barceló / Escuela de Música Creativa / Museo Municipal de Madrid / Colegio Isabel La Católica / Biblioteca Mario Vargas Llosa /
Builders: CARRSA / Creática ONG / ENORME Studio / PEZestudio.org / Viuda de Ramírez / TXP Todo X La Praxis
Client: Intermediae Matadero / Ayuntamiento de Madrid
PhotoJavier de Paz García http://www.estudioballoon.es/

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×