23-11-2018

Stadium, la partecipazione del Cile alla 16a Biennale di Architettura a Venezia Freespace

Alejandra Celedón,

Ken Schluchtmann, Gonzalo Puga,

Santiago del Cile, Venezia, Italia,

Biennale di Venezia, Padiglioni,

Biennale di Venezia,

Anche se siamo a pochi giorni dalla chiusura della 16a Mostra Internazionale di Architettura - La Biennale di Venezia dal tema Freespace, proposto dalle curatrici irlandesi Yvonne Farrell e Shelley McNamara (Grafton Architects), diamo uno sguardo su STADIUM.



  1. Blog
  2. Eventi
  3. Stadium, la partecipazione del Cile alla 16a Biennale di Architettura a Venezia Freespace

Stadium, la partecipazione del Cile alla 16a Biennale di Architettura a Venezia Freespace Anche se siamo a pochi giorni dalla chiusura della 16a Mostra Internazionale di Architettura - La Biennale di Venezia dal tema Freespace, proposto dalle curatrici irlandesi Yvonne Farrell e Shelley McNamara (Grafton Architects), diamo uno sguardo su STADIUM. An event, a building, a city, la partecipazione del Cile. Un esempio del ruolo essenziale dell'architettura nella storia e nella politica di un paese.


La partecipazione del Cile alla Biennale di Architettura 2018, curata dall’architetto cilena Alejandra Celedón con il Commissario Cristóbal Molina (Ministero della Cultura, Arte e Patrimonio) è incentrata su di un particolare evento storico datato 29 settembre 1979, quando lo Stadio Nazionale di Santiago si trasformó in un gigantesco ufficio dell’amministrazione urbana. In quel giorno, nello stadio si sono riunite 37.000 persone, i cosiddetti pobladores che avevano occupato dei terreni a Santiago e ivi costruito le loro abitazioni, per lo più di fortuna, a cui si voleva dare un titolo di proprietà, rispondendo alla massiccia crisi abitativa della capitale cilena. Per facilitare le operazioni di messa in regola venne preparato un progetto dello stadio con la sagoma delle baraccopoli al posto delle gradinate, trasferendo quindi l'attuale assetto di Santiago all'interno del disegno di un edificio pubblico, lo stadio appunto.
A prima vista il padiglione colpisce per la sua apparente semplicità. Il visitatore è accolto all’ingresso da muro nero su cui campeggiano un breve testo esplicativo e la pianta dello stadio adottata del 1979. 
La sala principale ospita invece un gigantesco modello dello stadio stesso realizzato in terra battuta e alto oltre 1 metro. Una scelta oculata della curatrice Alejandra Celedón, perché allude a quello che effettivamente venne dato alle persone presenti quel giorno allo stadio, un pezzo di terra senza grande valore, se non quello della propria creatività nel realizzarvi un’abitazione. La terra battuta scelta per il modello è stata studiata in modo tale che in questi mesi abbia vissuto una lenta trasformazione. Mentre la griglia urbana era ben visibile le prime settimane della Biennale, man mano si è andata sgretolando.
L’installazione è completata da due file di schermi sulle pareti dello spazio: una, in alto, riproduce video di diversi eventi che si sono svolti nello Stadio Nazionale, mentre un'altra, vicino al pavimento, mostra filmati di interviste con gli abitanti di Santiago venuti in contatto con lo stadio attraverso uno dei suoi molteplici usi. Così davanti ai nostri occhi si dipana la complessa storia del Cile, con i suoi protagonisti, da Salvador Allende ad Augusto Pinochet, fino a Papa Giovanni Paolo II. Una storia anche dolorosa che viene approfondita nel catalogo Stadium, An event, a building, a city edito da Park Books, Zurigo e nel sito dedicato.
La partecipazione cilena mostra con grande chiarezza il ruolo politico dell’architettura e il suo inevitabile intreccio con le strutture di potere, perché questo non è mai uno spazio libero da connotazioni, siano esse sociali, politiche o storiche. 

Christiane Bürklein

STADIUM. An event, a building, a city
curatrice Alejandra Celedón
Commissario Cristóbal Molina (Ministero della Cultura, Arte e Patrimonio)
http://stadium-pavilion.cl
16.Mostra Internazionale di Architettura
26 maggio - 25 novembre 2018
a cura di Yvonne Farrell e Shelley McNamara
#BiennaleArchitettura2018
Immagini: vedi leggende: Gonzalo Puga e ken schluchtmann - diephotodesigner.de

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×