27-08-2019

La ventesima edizione dell’International Garden Festival di Grand-Métis

Martin Bond,

Quebec, Canada,

Mostre, Parco giochi, Architecture/Landscape/Urbanism,

Paesaggio, Evento,

Il Festival Internazionale del Giardino di Grand Métis, località vicina a Quebec in Canada, festeggia la sua ventesima edizione divertendosi un po'. Il tema scelto, Terrains de jeu - Playgrounds è un terreno fertile per la creatività, introducendo nei progetti selezionati sia la nozione di spazio compatto che quella di gioco. 



  1. Blog
  2. Landscaping
  3. La ventesima edizione dell’International Garden Festival di Grand-Métis

La ventesima edizione dell’International Garden Festival di Grand-Métis L'International Garden Festival è il principale festival nordamericano dedicato al giardino contemporaneo. Dalla sua prima edizione, nel 2000, sono stati esposti più di 175 giardini presso Les Jardins de Métis, situato alle porte della penisola di Gaspéi, nel Québec orientale, nonché sulle rive dei fiumi San Lorenzo e Mitis. Il Festival si svolge accanto ai giardini storici creati dall’appassionata vivaista, imprenditrice visionaria e collezionista di piante Elsie Reford, diventando così un ponte tra storia e modernità, nonché aprendo un dialogo tra conservazione, tradizione e innovazione. 
Da vent'anni il Festival mantiene la promessa di rinnovare l'arte del giardino. E lo ha fatto esponendo capricciosi e coloratissimi giardini concettuali che hanno entusiasmato i visitatori, nonché illustrato la notevole creatività e fantasia di architetti paesaggisti, architetti e artisti, sia canadesi che provenienti da tutto il mondo.
Quest’anno, per celebrare la sua 20a edizione, l'International Garden Festival Festival si diverte un po’ con un tema particolare, ovvero i parchi gioco. Così Terrains de jeu - Playgrounds è un terreno fertile per la creatività, dove i progettisti scelti possono sperimentare, sulle piccole parcelle a disposizione, soluzioni sostenibili e di grande impatto. 
In effetti per questa edizione 2019 il sito del Festival è stato a sua volta trasformato in un gigantesco parco giochi dedicato all'esplorazione e al divertimento, poiché in un mondo in cui l'uomo abita in torri urbane e vive sempre più lontano dai fenomeni naturali, "uscire a giocare" diventa sempre più imperativo. Allora i giardini interattivi del Festival 2019, scelti dalla giuria perché a misura di bambino, senza essere infantili, e avventurosi, senza essere insicuri, sono spazi curati che invitano a interagire con la natura. Il tutto tenendo presenti le attuali grandi sfide planetarie, come la necessità di limitare la crescita, di svilupparsi in modo sostenibile e di ridurre al minimo l'impatto ecologico. Per tutti questi motivi i progetti selezionati sono all’insegna della semplicità e offrono al contempo tutto il necessario per il divertimento, restando però fedeli alla missione del Festival: esplorare, sperimentare e festeggiare
Questa edizione 2019 presenta anche installazioni  a Montreal, Quebec City e in luoghi pubblici vicino ai giardini.
Il Festival Internazionale dei Giardini è stato realizzato con il contributo finanziario di numerosi partner pubblici e privati: Canada Council for the Arts, Canadian Heritage, Conseil des arts et des lettres du Québec, Emploi-Québec, Emplois d'été Canada e la Fédération des chambres de commerce du Québec. Hydro-Québec è sponsor principale dei Reford Gardens dal 1999.

Christiane Bürklein

International Garden Festival - http://www.refordgardens.com/
Luogo: Québec, Canada
fino al 6 ottobre 2019 ai Jardins de Métis
Immagini: vedi leggende
1: Reford Gardens - view of Saint Lawrence river, Photo credit: Jean-Christophe Lemay
2 + 4: Le dernier petit cochon. APPAREIL Architecture – Montréal (Québec) Canada, Photo credit: Martin Bond
3: Dirt Ground, Silvia Bachetti & Agnese Casadio – Bologna, Italy, Photo credit: Martin Bond
5: Forêt, Mathilde Leveau & Ronan Virondaud– Québec (Québec) Canada, Photo credit: Martin Bond
6: The Colours of Métis,SOWATORINI Landshaft [Sébastien Sowa & Gianluca Torini] & sevengardens [Isabelle Smolin] – Berlin et Essen, Germany, Photo credit: Martin Bond
7 +8: Making Waves, Ted Kesik, Cornel Campbell, Thevishka Kanishkan, Reesha Morar & Anton Skorishchenko– Toronto (Ontario) Canada, Photo credit: Martin Bond
9 +10: Ici et ailleurs, José Luis Torres – Montmagny (Québec) Canada, Photo credit: Martin Bond
11+12: Dirt Ground, Silvia Bachetti & Agnese Casadio – Bologna, Italy, Photo credit: Martin Bond

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×