16-06-2022

Martin Goya X PIG, uno spazio rigenerato per artisti

PIG DESIGN,

Qi Shuoqian,

Hangzhou, Cina,

Studio,

Legno, Pietra, Metallo,

Recupero, Interior Design,

Lo studio cinese PIG DESIGN ha firmato per Martin Goya Business, fondata dall'artista Cheng Ran, la co-creazione dello spazio artistico Martin Goya Pig a Hangzhou. Si tratta di uno spazio d'arte indipendente che sostiene i giovani artisti locali e incoraggia attività pubbliche spontanee.



  1. Blog
  2. News
  3. Martin Goya X PIG, uno spazio rigenerato per artisti

Martin Goya X PIG, uno spazio rigenerato per artisti Per sostenere gli artisti ci vogliono degli spazi dedicati dove potersi esprimere e accrescere la propria arte. Uno di questi è Martin Goya.Pig, nella Xiangshan Art Commune, nel distretto di Xihu, a Hangzhou, la metropoli e capitale dello Zhejiang. Qui, Martin Goya Business, una realtà fondata dall'artista Cheng Ran, ha invitato PIG DESIGN, guidato da Li Wenqiang, a co-creare un luogo dove fare arte. 
È sorto così Martin Goya.Pig, uno spazio d'arte indipendente pensato per il supporto dei giovani artisti locali, ma che si rivolge anche ai cittadini. Questo sorge all’interno di una struttura preesistente, il cui riuso rientra nelle logiche post-pandemiche per uno rinnovato sviluppo culturale. Il budget molto ristretto, come spesso succede, ha inoltre favorito la ricerca di soluzioni innovative e sostenibili.
I creativi di PIG DESIGN, ben consapevoli del fatto che il “troppo stroppia”, hanno proposto uno spazio che colpisce per la “natura selvaggia, non sofisticata e rustica”, come scrivono in una nota stampa. Complice la posizione in pendenza del terreno sul quale si inserisce la preesistenza dove si trova l’atelier. PIG DESIGN ha così mantenuto l'ossatura di base dell'edificio esistente, inserendo in questo spazio vuoto di 270 metri quadrati su due livelli degli elementi strutturali "rigenerati". Il tutto per lasciare la massima libertà espressiva a chi vi pratica la propria arte.
Tra i materiali utilizzati spiccano quelli riciclati come legno secco, pietre, tela e metallo. Qui però ricombinati, al fine di raffigurare una riflessione sulla civiltà commerciale in continua evoluzione quale fonte di ispirazione. Molto interessante anche il riuso di una tela resistente all'usura e impermeabile per avvolgere le facciate dell'edificio e le pareti interne. Questa è stata cucita e fissata con delle pistole a punti durante la rigenerazione, richiedendo così un solo mese di lavoro. Il soffitto è invece rifinito con una vernice a base d'acqua, semplice ed ecologica, mentre il pavimento è stato realizzato con ghiaia nera e lastre di pietra, sfumando il confine tra interno ed esterno. Inoltre, delle aste metalliche riciclate, usate per evidenziare l'identità visiva dell'ingresso, formano un'installazione triangolare che conduce allo spazio denominato “nido d’uccello”. Infine, gli interni sono stati arredati attraverso una progettazione meticolosa con oggetti riciclati, riadattati, elementi stampati in 3D e colori semplici, seguendo la logica della massima libertà per gli utenti.
L’impatto visivo finale di Martin Goya.Pig è garantito, proprio per le scelte progettuali dettate dalla volontà di limitare l’impatto economico e ambientale di un intervento che rigenera uno spazio un tempo inutilizzato, ma ora restituito all'uso quotidiano. 
Sul piano funzionale questa nuova destinazione, che esplora nuove possibilità di combinare arte e commercio nella geografia urbana di Hangzhou, integra una galleria, una sala da tè e un salone. Spazi dove vengono organizzati regolarmente eventi artistici, al fine di offrire opportunità di networking e dotare i giovani artisti di una piattaforma gratuita, superando di fatto il sistema convenzionale delle gallerie d'arte. 
Una particolarità da non dimenticare del Martin Goya.Pig è data dal caffè interno, in quanto aiuta a creare profitti per sostenerlo economicamente. Una sfida che, come dicono i designer: “lascia più possibilità future per lo spazio che rappresenta un esempio di creazione spaziale dell'era post-pandemica”.

Christiane Bürklein

Project: PIG DESIGN (pigdesign.art)
Chief designer: Li Wenqiang
Design team: Liu Chao, Zhao Lili, Yang Zhiwei, Yan Junjun, Qian Mengmeng Location: Hangzhou, China
Location: Hangzhou, China
Year: 2021
Photography: Qi Shuoqian
Video: Martin Goya X PIG