11-12-2018

35XV un grattacielo con paillette a Manhattan di FXCollaborative

FXCollaborative,

Chris Cooper, David Sunderberg-Esto,

New York, USA,

Loft, Appartamenti, Condomini, Grattacielo, Residenze,

The Architects Series, SpazioFMGperl'Architettura, Iris Ceramica, Iris Ceramica Group, FMG Fabbrica Marmi e Graniti,

Il grattacielo progettato a Manhattan da FXCollaborative ricorda uno scintillante abito con paillette. Scopriamo uno dei progetti più significativi dello studio protagonista del sesto appuntamento di The Architects Series la proposta culturale della galleria espositiva SpazioFMGperl'Architettura di Iris Ceramica Group.



35XV un grattacielo con paillette a Manhattan di FXCollaborative

Il 13 dicembre Dan Kaplan, senior partner dello studio FXCollaborative, terrà una conferenza in SpazioFMGperl'Architettura in occasione del sesto appuntamento di The Architects Series, il format culturale sviluppato in collaborazione con il magazine The Plan.
La galleria espositiva di Iris Ceramica e FMG Fabbrica Marmi e Graniti, brand di Iris Ceramica Group, per quello che è l'ultimo appuntamento del 2018 ci porta nel backstage di uno studio che incarna l'anima stessa di New York, come dice lo stesso Dan Kaplan nel trailer di presentazione: FXCollaborative è uno studio di 150 persone con sede a New York e “che nasce dall'ethos di New York”.
Il grattacielo 35XV progettato da FXCollaborative a Manhattan, ben incarna i tre principi cardine dello studio: “immaginazione, intuizione, interconnessione” e ci introduce a quelli che saranno anche i temi della conferenza: Urban Alchemies: Repair and Transformation, che Dan Kaplan terrà in occasione dell'inaugurazione del docu-film: The Architects Series – A documentary on: FXCollaborative e che permetterà il rilascio di crediti formativi professionali per gli architetti presenti.

Nel vivace quartiere commerciale di Chelsea a Manhattan e precisamente al n 35 di West 15th Street lo studio FXCollaborative ha progettato un grattacielo residenziale ibrido, non si tratta di una costruzione ex-novo ma dell'ampliamento a uso misto, residenziale e educativo, di un edificio esistente.
L'edificio storico è la Xavier High School, che diventa la base di granito a sei piani da cui si innalza la nuova costruzione: una torre a uso residenziale in vetro di diciannove piani. Il nuovo 35XV è un edificio quindi dalla doppia anima come ben sottolinea la scelta materica. La base rivestita in granito appartiene alla terra, la matericità di questo blocco edilizio lo lega immediatamente al paesaggio stradale e al contesto in cui è inserito. Il secondo elemento, la torre in vetro ha una forma inclinata che la fa assomigliare a una scultura in vetro e contribuisce a una progressiva smaterializzazione della costruzione. Il rivestimento trasparente disposto a squama di pesce, sembra ricordare le paillette di un vestito e gioca con la luce solare riflettendo le condizioni atmosferiche e cambiando colore nel corso della giornata e delle stagioni. Una condizione che sottolinea come questa parte della costruzione sia distinta dalla sua base e appartenga al cielo.

La nuova costruzione vetrata sfrutta i diritti di sopraelevazione della Xavier High School e soddisfa i requisiti imposti dai vincoli urbanistici, offrendo spazi abitativi luminosi e ariosi con viste panoramiche sul paesaggio urbano di Manhattan per tutte le cinquantacinque unità residenziali realizzate negli ultimi 18 piani di costruzione. Il settimo piano dell'edificio, che ha di fatto funzione di collegamento tra i sei piani della Xavier High School e la nuova costruzione, è dedicato ad attività comuni come: palestra, sala giochi per bambini, cantina condivisa, sala e terrazza comune. Con il suo sistema strutturale ibrido e questa doppia identità il grattacielo 35XV ha fissato un nuovo standard nel crescente sviluppo dei diritti di sopraelevazione di un quartiere denso e storico come quello di Chelsea. Il progetto ha ricevuto numerosi riconoscimenti, è stato selezionato per il Best Tall Building America 2018 del CTBUH e, ultimo in ordine di tempo, ha vinto l'American Architecture Awards 2018 del The Chicago Athenaeum.

(Agnese Bifulco)

Architects: FXCollaborative www.fxcollaborative.com
Team: Dan Kaplan, FAIA, LEED AP. Stephan Dallendorfer, RIBA, LEED AP. Daniel Schmitt, LEED AP. Toby Snyder, AIA, LEED AP BD+C
Location: New York City, USA
Structural Engineer Severud Associates
LEED Consultant Steven Winter Associates
MEP Engineer Dagher Engineering
Civil Engineer Langan Engineering
Interior Designer (Residential) BNO Design
Interior Architect (School fit-out) Beyer Blinder Belle

Images courtesy of FXCollaborative, photo by David Sundberg, Chris Cooper


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×