07-09-2018

WORKac The Stealth Building abitare sui tetti di New York

Bruce Damonte,

New York, USA,

Residenze, Loft, Appartamenti,

The Architects Series, SpazioFMGperl'Architettura,

In uno dei quartieri più glamour di New York, Tribeca, lo studio WORKac ha progettato una nuova residenza sul tetto di un edificio storico dall'imponente facciata in ghisa. Nel rispetto dei vincoli imposti dalla New York City Landmark Commission gli architetti non hanno alterato la facciata storica ma sono riusciti ugualmente ad aggiungere un nuovo volume residenziale sul tetto.



WORKac The Stealth Building abitare sui tetti di New York

Il 13 settembre Dan Wood, fondatore con Amale Andraos dello studio d'architettura WORKac, sarà l'ospite d'onore del nuovo appuntamento di The Architects Series, il format culturale curato da The Plan per SpazioFMGperl'architettura. La galleria showroom, dei brand Iris Ceramica e FMG Fabbrica Marmi e Graniti della holding Iris Ceramica Group, ci permette di conoscere da un punto di vista privilegiato alcuni dei più importanti e innovativi studi d'architettura internazionali. Per il quarto incontro della serie andremo a New York nello studio di WORKac, acronimo di Work Architecture Company, per conoscere lo spazio di lavoro degli architetti e il loro modus operandi.

Sono oltre 60 i progetti sviluppati da WORKac negli ultimi quindici anni. Lo studio ha firmato progetti di architettura, urbanistica e interior design in diversi paesi del mondo: Stati Uniti, Europa, Africa, Asia e Medioriente. In attesa dell'incontro in SpazioFMGperl'architettura con l'architetto Dan Wood scopriamo un recente progetto dello studio: The Stealth Building. Una residenza contemporanea realizzata in un edificio storico e nel rispetto dei forti vincoli imposti dalla New York City Landmark Commission.
Nel quartiere Tribeca di New York, gli architetti di Workac sono intervenuti su un edificio storico, la cui facciata in ghisa è una delle più belle e antiche della città. La facciata realizzata nel 1857 è stata completamente restaurata. Gli architetti ne hanno scelto il nuovo colore carbone con riferimento alla storia dell'edificio, da sempre di colore diverso e in contrasto con quello delle costruzioni adiacenti, più chiare. Il restauro ha riguardato anche il rifacimento dei capitelli delle colonne corinzie presenti in facciata e completamente rovinati dal tempo. I nuovi capitelli sono stati realizzati in collaborazione con l'artista Michael Hansmeyer. L'artista ha creato una versione digitale dei disegni e utilizzando una metodologia frattale ha ingrandito i motivi floreali, ottenendo un disegno che rispetta le vecchie proporzioni ma è costituito da forme nuove.

La New York City Landmark Commission chiedeva di non alterare l'immagine della facciata dell'edificio, rendendo quindi invisibile dalla strada ogni ampliamento. Rispettando le prescrizioni della commissione gli architetti sono riusciti ugualmente ad aggiungere un nuovo volume in copertura per completare la nuova e moderna residenza.
Il nuovo volume è stato realizzato dopo uno studio approfondito sui coni visivi, l'edificio è infatti tra due costruzioni della stessa altezza e il suo tetto è visibile fino a tre isolati di distanza. Sfruttando le caratteristiche degli edifici adiacenti, e in particolare l'ombra di due frontoni e del locale tecnico dell'ascensore già presente, gli architetti sono riusciti a celare alla vista dei passanti una zona sufficientemente grande del tetto dove è stato realizzato l'ampliamento. Nel progetto degli interni di questo nuovo volume scultoreo e scenografico, gli architetti hanno usato elementi ispirati alla natura mentre il rapporto con il verde all'esterno è affidato al giardino verticale della lobby e ai grandi balconi del secondo, sesto e settimo piano.
L'edificio ha vinto numerosi premi tra cui l'AIANY Merit per il 2017 e il premio ARCHMARATHON 2017 nella categoria "Living".

(Agnese Bifulco)

Project: The Stealth Building, New York
Client/Construction Manager: Knightsbridge Properties
Architect/Interior Designer/Landscape Architect: WORK Architecture Company, New York. Dan Wood, FAIA, Amale Andraos (principals); Sam Dufaux (associate principal); Karl Landsteiner (construction administration project architect); Chris Oliver (design project architect); Maggie Tsang, Timo Otto, Patrick Daurio.
Mechanical/Electrical Engineer: Plus Group Consulting Engineering
Structural Engineer: Robert Silman Associates
Lighting Designer: Tillotson Design Associates
Restoration Architect: CTS Group
Artist, Column Capitals: Michael Hansmeyer
Code Consultant: CCBS Consulting
Size: 14,000 SF (building, including addition); 3,400 SF (penthouse unit)

Images courtesy of WORK AC, photos by Bruce Damonte


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×