04-06-2018

Biennale di Architettura da Venezia a Berlino con FAB Architectural Bureau

GRAFT, Mario Cucinella Architects MCA,

Ken Schluchtmann,

Berlino, Germania, Venezia, Italia,

Mostre, Installazione,

Iris Ceramica Group, Biennale di Venezia, FAB Architectural Bureau,

Il 13 giugno il FAB Architectural Bureau ospiterà nei Sarotti Höfe di Mehringdamm a Berlino un incontro a più voci dedicato a FREESPACE la XVI Mostra Internazionale di Architettura di Venezia. Le esclusive immagini della Biennale, realizzate dal fotografo berlinese Ken Schluchtmann, accompagneranno l'evento che vedrà protagonisti: Mario Cucinella MCA, curatore del Padiglione Italia, Lars Krückeberg di GRAFT, curatore del Padiglione Germania, e Christine Edmaier, presidente dell'Ordine degli Architetti di Berlino.



Biennale di Architettura da Venezia a Berlino con FAB Architectural Bureau "Impressioni dalla Biennale di Architettura 2018" è il titolo scelto per la serata evento del 13 giugno 2018 che vede nuovamente gli spazi espositivi del FAB Architectural Bureau, nei Sarotti Höfe di Mehringdamm a Berlino, ospitare iniziative rivolte all'architettura internazionale.

Il FAB Architectural Bureau supera i limiti del tradizionale showroom per diventare uno spazio polifunzionale dei brand Fiandre, Porcelaingres e Ariostea di Iris Ceramica Group. Le piastrelle in gres porcellanato di alta qualità prodotte dai brand di Iris Ceramica Group diventano la cornice estetica di un ambiente flessibile dedicato a iniziative culturali e tecniche sui temi dell'architettura e del design. A Berlino il FAB è in una zona centrale nel vivace quartiere di Kreuzberg (stazione U-Bahn Mehringdamm). Lo spazio espositivo è ricavato in una struttura particolare e di grande pregio architettonico, con un “dolce” passato. Si tratta infatti della ex fabbrica di cioccolato: Sarotti, un marchio di cioccolata tedesca prodotta a Berlino tra fino ottocento e inizio novecento.

Il 13 giugno 2018 saranno le immagini esclusive della Biennale di Venezia realizzate dal fotografo berlinese Ken Schluchtmann a trasportare anche visivamente il pubblico presente nella città italiana per introdurre una tavola rotonda sul tema della XVI Mostra Internazionale di Architettura: FREESPACE, titolo scelto dalle due curatrici Yvonne Farrell e Shelley McNamara. Alla tavola rotonda parteciperanno l'architetto Mario Cucinella, curatore del padiglione italiano, e Lars Krückeberg dello studio di architettura GRAFT, architetto del team curatoriale del padiglione tedesco, sarà inoltre presente Christine Edmaier, presidente dell'Ordine degli architetti di Berlino. Iniziando dal titolo della biennale 2018 “freespace” da leggere nella sua doppia accezione e cioè di spazio libero da strutture architettoniche o da manufatti umani in genere e di spazio pubblico, l'incontro si preannuncia molto interessante anche alla luce dei temi specifici affrontanti nei due padiglioni nazionali.

La partecipazione della Germania alla XVI Mostra Internazionale di Architettura di Venezia, curata da GRAFT , si intitola "Unbuilding Walls" è incentrata su un “freespace” berlinese molto particolare oggetto di numerosi progetti d'architettura. I curatori del padiglione, gli architetti Lars Krückeberg, Wolfram Putz e Thomas Willemeit fondatori di GRAFT, e l'ex commissario federale per i documenti della Stasi Marianne Birthler hanno scelto di presentare una selezione di progetti realizzati per l'ex striscia della morte. L'area da Checkpoint Charlie allo Springer-Areal, che segnò dal 1961 al 1989 la divisione della Germania durante la Guerra Fredda. Teatro di rocambolesche fughe e spietate uccisioni, una ferita ancora aperta per molti, un segno tangibile di come l'architettura possa diventare strumento di guarigione dalle ferite geopolitiche.

Al ruolo dell'architettura come strumento e mezzo per ricucire pezzi di territorio e allo stesso tempo come volano per il loro futuro è legato anche il progetto “Arcipelago Italia”, curato dall'architetto Mario Cucinella per la partecipazione italiana alla Biennale di Architettura. L'area di territorio italiano in esame è quella dei piccoli centri interni, lontani dalle grandi città metropolitane e dalla fascia costiera. Un vasto territorio, circa il 60% del Paese, molto fragile e che coincide in molti punti con la dorsale dei terremoti e del rischio idrogeologico ma che allo stesso tempo rappresenta il DNA dell'Italia.

(Agnese Bifulco)

Titolo: Impressioni dalla Biennale di Architettura 2018
a cura di: Floornature
Luogo: FAB Architectural Bureau Berlin - Germania
Le fotografie che accompagnano il testo sono tutte relative al padiglione Italia
Fotografie: ken schluchtmann / diephotodesigner.de


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×