29-03-2019

Verde Prato. Sperimentazioni urbane tra ecologia e riuso

Fosbury Architecture,

Delfino Sisto Legnani, Fernando Guerra, OKNO Studio, Maurizio Montagna,

Prato,

Mostre, Parco urbano,

Evento, Recupero, Fotografia,

A Prato, Italia, ha aperto una mostra che indaga le iniziative di sperimentazione urbana della città toscana tra ecologia e riuso.



  1. Blog
  2. Eventi
  3. Verde Prato. Sperimentazioni urbane tra ecologia e riuso

Verde Prato. Sperimentazioni urbane tra ecologia e riuso A Prato, Italia, ha aperto una mostra che indaga le iniziative di sperimentazione urbana della città toscana tra ecologia e riuso. Le esperienze pratesi, ottenute con l’attuazione di un piano operativo dedicato, sono quindi raccontate da un'esposizione allestita presso il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, arricchita dalle immagini, realizzate in loco, da rinomati fotografi di architettura.


Mettere in scena le politiche urbane non è un compito facile e così la mostra Verde Prato. Sperimentazioni urbane tra ecologia e riuso, a cura di Elisa Cristiana Cattaneo ed Emilia Giorgi, allestita presso il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci a Prato, è un bellissimo esempio di come parlare degli interventi nella città in maniera accattivante. 
Il Piano Operativo del Comune di Prato, un innovativo documento di Pianificazione Urbanistica, redatto dall’Ufficio di Piano e adottato nel settembre 2018, si basa sulle elaborazioni dell’urbanista Bernardo Secchi, il quale ha lavorato al piano regolatore di Prato tra i 1993 e il 1996. Un piano che vede Prato nella sua dimensione metropolitana, alle porte di Firenze, e con l’intenzione di rilanciare, da un lato il patrimonio manifatturiero e dall’altro di rivalutare il patrimonio naturale. Il tutto con lo scopo di superrare la divisione tra città e spazi agricoli. 
Il Piano ha visto importanti contributi di esperti di fama internazionale, come l’architetto Stefano Boeri e lo scienziato Stefano Mancuso, coinvolgendo anche tutti i cittadini attraverso un ampio programma di partecipazione. Lo scopo? Promuovere il riuso della città con risposte sostenibili alle sfide globali, come il cambiamento climatico, e locali, legate al benessere degli abitanti. La mostra si snoda così in 3 aree tematiche; Ecology, Re-use e Going Public
L’allestimento, progettato dal collettivo milanese Fosbury Architecture, utilizza un sistema di ponteggi. Questo è pensato come una macchina scenica atta a presentare materiali eterogenei, come disegni, mappe, elaborati progettuali, fotografie d’archivio e video. Un racconto che si sviluppa attraverso l'uso di testi e immagini, mostrando temporalmente lo stesso processo ideativo che mira a trasformare Prato in una città verde in grado di integrare natura e costruito. 
Oltre al focus tecnico sul piano urbanistico l’esposizione propone un’installazione ideata per l’occasione da Stefano Mancuso e i progetti fotografici di Fernando Guerra, Maurizio Montagna e Delfino Sisto Legnani. Il tutto completato da una macchina robotica interattiva che permette al pubblico di navigare nei diversi ambiti progettuali che compongono il Piano stesso. 
Molto interessante l’indagine fotografica svolta alla fine del 2017 dal fotografo di architettura portoghese Fernando Guerra, il quale interpreta la fase di trasformazione che sta attraversando la città. E lo fa allo scopo di rivelare la stratificazione del paesaggio i molteplici tipi di città che Prato sta costruendo e facendo attenzione al riuso e alla rigenerazione del patrimonio manifatturiero. Mentre il fotografo milanese Maurizio Montagna, con il suo progetto Paregon (2018), rivolge la sua attenzione al mondo vegetale, le cui dinamiche sembrano suggerire la strada per un nuovo agire collettivo, mutando così, dopo secoli di visione antropocentrica, le nostre nuove coordinate prospettiche.
Completa la mostra un’area immaginata per incontrarsi e prendere parte ad attività didattiche, conferenze e tavole rotonde, affinché la mostra diventi un luogo di dibattito, una piazza viva dentro il museo. 

Christiane Bürklein

Mostra Verde Prato. Sperimentazioni urbane tra ecologia e riuso
a cura di Elisa Cristiana Cattaneo e Emilia Giorgi
dal 19 marzo al 11 aprile 2019
Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato (Italia)
Ulteriori informazioni: https://www.centropecci.it
Immagini: vedi leggende
Foto allestimento: OKNO Studio

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×