18-05-2020

Condominio realizzato da Summary, quando la prefabbricazione è creativa

Summary,

Fernando Guerra,

Condomini,

Cemento,

Samuel Gonçalves, dello studio di architettura portoghese Summary, con l'installazione “infrastructure-structure-architecture” aveva portato presso l'Arsenale della Biennale di Architettura di Venezia 2016 elementi prefabbricati provenienti da un progetto reale ed esistente: Gomos System. Quest’anno ha completato il suo primo condominio che unisce i vantaggi della prefabbricazione a un’estetica di grande impatto.



  1. Blog
  2. News
  3. Condominio realizzato da Summary, quando la prefabbricazione è creativa

Condominio realizzato da Summary, quando la prefabbricazione è creativa Nel 2016, quando abbiamo incontrato il giovane architetto Samuel Gonçalves dello studio Summary presso la Biennale di Venezia (link), autore dell’installazione “infrastructure-structure-architecture”, nonché invitato dall’allora curatore Alejandro Aravena proprio per la creatività della sua proposta, ci aveva affermato: “Quando si dice prefabbricazione, troppo spesso ancora si pensa a soluzioni abitative pratiche, ma di scarsa bellezza.”
Invece Summary aveva portato a Venezia tre elementi emblematici prodotti da Gomos System che, allineati sulla riva dell'Arsenale, avevano inquadrato scorci veneziani, diventando delle vere e proprie sculture. Un modo creativo e bello per affrontare una sfida importante dell'architettura contemporanea: accelerare e semplificare i processi costruttivi.
Ora possiamo ammirare un suo progetto multiresidenziale, realizzato appunto con questo sistema costruttivo prefabbricato e modulare. Si trova in Portogallo, a Vale de Cambra, comune nel distretto di Aveiro, nella regione del Norte e parte della Grande Area Metropolitana di Porto. 
Le richieste della committenza erano ambiziose: tempi di costruzione veloci, flessibilità d’uso e ovviamente un budget limitato. Tutto questo per un complesso costituito da un piano terra, dedicato a un programma di multiservizi collegati allo spazio pubblico, sul quale sono state erette sei unità abitative di 45m2 cadauna. A causa delle differenze tra questi due aspetti compositivi, pubblico e privato, è stato creato un accesso indipendente per ciascuno di essi, sfruttando la pendenza naturale del terreno e collocandoli su livelli diversi, come si evince dalle fotografie del fotografo di architettura Fernando Guerra.
Nel perimetro esterno il piano terra è stato realizzato con delle lastre prefabbricate e pannelli strutturali. Un’area concepita in modo flessibile, in quanto vi è possibile aggiungere o togliere vani, oppure lasciare che funzioni come un grande spazio aperto. In questo modo gli utenti possono adattare lo spazio in base alle proprie esigenze. Invece il primo piano è composto da sei unità Gomos System con tetto inclinato. In questa composizione architettonica, dato che la superficie massima consentita dalla legge era piuttosto ridotta, gli architetti di Summary hanno utilizzato lo spazio vuoto richiesto per separare le unità abitative. Un gesto che è anche servito a garantire la privacy necessaria agli abitanti delle singole abitazioni. 
Nonostante il progetto di Summary sia stato disegnato e autorizzato come edificio residenziale collettivo, in pratica un condominio orizzontale, con la caratteristica delle cabine-abitazioni separate, vengono qui offerti gli stessi vantaggi delle case singole, con ingressi individualizzati e una completa separazione acustica tra le diverse unità.
In tutto l'edificio il materiale strutturale, ovvero il calcestruzzo prefabbricato, è a vista e senza alcuna finitura aggiuntiva, riducendo notevolmente le spese e ovviamente i tempi del processo costruttivo. Infatti, tutti i componenti sono stati preparati in fabbrica e rapidamente assemblati in cantiere, fungendo contemporaneamente da elementi strutturali, isolanti e di rivestimento. L’estetica contemporanea ricercata del progetto di Summary con Gomos System, con le sue cabine-abitazione iconiche e in calcestruzzo, materiale molto amato per la sua texture e bellezza minimalista, fa comprendere quanto sia necessario superare i pregiudizi legati al tema della prefabbricazione. Con la giusta creatività, visibile anche negli interni illuminati da grandi aperture affacciate su ampi balconi con accenti colorati in giallo e azzurro, questa architettura, realizzata con elementi prefabbricati, può essere considerata decisamente affascinante.

Christiane Bürklein

Project: Summary (Architects - Samuel Gonçalves, Inês Rodrigues, João Meira, Gonçalo Vaz de Carvalho)
Engineering: FTS, Technical Solutions
Prefabrication and Assembly: Farcimar, Soluções em Pré-Fabricados de Betão
Construction Area: 998 m2
Predominant Material: Reinforced concrete
Location: Vale de Cambra, Portugal
Photographs: ©Fernando Guerra | FG+SG
Sketches: ©SUMMARY

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature