26-04-2019

GROUP A, ristrutturazione della Oostlijn a Amsterdam

GROUP A,

Digidaan,

Amsterdam,

Edifici Pubblici, metropolitana,

Ceramica, Cemento,

Lo studio di architettura GROUP A ha recentemente completato la ristrutturazione dell'Oostlijn della metropolitana di Amsterdam.



  1. Blog
  2. Materiali
  3. GROUP A, ristrutturazione della Oostlijn a Amsterdam

GROUP A, ristrutturazione della Oostlijn a Amsterdam Lo studio di architettura GROUP A ha recentemente completato la ristrutturazione dell'Oostlijn della metropolitana di Amsterdam. Il progetto comprende 5 stazioni sotterranee e 11 fuori terra. Un intervento durato quasi 10 anni che ha riportato nuova vita e funzionalità alla linea metropolitana.


Per chi arrivasse questo weekend a Amsterdam per festeggiare il King’s Day c’è una bella novità sostenibile: la rinnovata linea Oostlijn, che dalla stazione centrale porta ad Amsterdam Zuidoost. Con andamento sia sotterraneo che sopraelevato, la linea realizzata negli anni settanta in stile brutalista ha ben 11 stazioni fuori terra delle 16 stazioni complessive. 
Dopo tanti anni e successive modifiche, l’infrastruttura e le sue stazioni avevano perso l’originale luminosità? e i passeggeri lamentavano mancanza di sicurezza, vie di fuga troppo strette e ventilazione insufficiente. Il gestore del servizio? aveva inoltre bisogno di un restyling della grafica e della segnaletica, per offrire un’immagine coordinata al passo con i tempi e per attrezzare le stazioni in vista del futuro.
Gli architetti di GROUP A, studio olandese di architettura, interior, urbanistica e product design fondato nel 1996 e guidato da Adam Visser, Folkert van Hagen e Maarten van Bremen, hanno sviluppato una visione progettuale basata sull’adeguamento della sicurezza, del comfort e dell'identità. Il loro obiettivo era quello di creare un sistema metropolitano moderno e funzionante, che fosse ben organizzato e piacevole da usare. Gli architetti hanno proposto di raggiungere questo obiettivo senza negare il linguaggio brutalista originale, lavorando a partire dalla condizione preesistente dell’impianto.
Essendo le 16 stazioni della Oostlijn una diversa dall’altra, GROUP A ha sviluppato dapprima un generic design, cioè una serie di interventi generali di progettazione che comprendono la trasparenza, fondamentale per aumentare il senso di sicurezza dei passeggeri. Queste scelte progettuali hanno portato la luce diurna più in profondità nei padiglioni della stazione, consentendo un orientamento naturale. Il raggruppamento dei punti vendita e della segnaletica in cluster modulari ha facilitato sia la loro pulizia che i futuri adattamenti. 
L’uso dell’illuminazione indiretta invece ha sottolineato le qualità spaziali delle stazioni originali di impronta brutalista. A questo si aggiunge un uso strategico del colore, mirato a individuare i percorsi e applicato esclusivamente per richiamare l'attenzione dei passeggeri in punti strategici come ingressi, biglietteria, punto informazioni e collegamenti verticali. Combinando il calcestruzzo originale con nuovi materiali come vetro, legno duro e piastrelle smaltate, GROUP A ha valorizzato gli interni. Per creare una visual identity della Oostlijn che potesse rafforzarne l’immagine è stato creato un alfabeto specifico per la linea, realizzato con le piastrelle.
Un lavoro ingente, realizzato con un budget limitato e senza mai interrompere il traffico giornaliero di pendolari. Dopo quasi dieci anni di lavoro, l'Oostlijn è tornata ad essere un’infrastruttura funzionale nell’ambito del trasporto pubblico di Amsterdam. Pronta per i prossimi 30 anni, è sicuramente un plus per chi viaggiasse in Olanda in occasione del King’s Day, il prossimo 27 aprile. Perché tutto si può fare quel giorno, tranne andare in macchina!

Christiane Bürklein

Progetto: GROUP A  https://groupa.nl/
Luogo: Amsterdam, Paesi Bassi
Progettazione: 2009
Inizio lavori: 2016
Fine lavori: 2018
Immagini: Digidaan

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×