10-03-2017

Architetture per una estate

Escobedo Soliz Studio, Jenny Sabin Studio,

Jenny Sabin Studio,

Roma, Londra,

Padiglioni, Installazione, Gallery,

Escobedo Soliz Studio, Jenny Sabin Studio,

La primavera è alle porte e alcune istituzioni internazionali rendono noti gli esiti dei concorsi di progettazione per le strutture temporanee estive. Padiglioni e installazioni che accompagneranno gli eventi e le programmazioni estive.



Architetture per una estate

A fine inverno diverse istituzioni internazionali tra cui la Serpentine Gallery di Londra e il MoMA di New York rendono noti gli esiti dei concorsi di progettazione per le strutture temporanee estive. Si tratta di installazioni temporanee e padiglioni realizzati per ospitare gli eventi e le programmazioni estive che ampliano l'offerta culturale in vista del maggior afflusso di turisti.

Progetti di dimensioni contenute che si rivelano occasioni di sperimentazione per materiali, forme e soluzioni. Architetture che vivono ormai solo nell'eterno presente del web e nelle riproduzioni fatte sui diversi media. Nelle pagine di Floornature ne abbiamo segnalati diversi e, in occasione delle recenti presentazioni per l'estate 2017, vi riproponiamo i più significativi.

Posto d'onore per le installazioni della Serpentine Gallery di Londra, un appuntamento da non perdere, per il 2017 il progetto è firmato da Diébédo Francis Kéré, preceduto nel 2016 da BIG e nel 2015 dagli architetti spagnoli José Selgas e Lucía Cano di Selgascano.

Il MoMA PS1 di New York festeggia il ventennale di YAP, il programma riservato ai giovani architetti. Per l'estate 2017 l'installazione temporanea è firmata da Jenny Sabin Studio, nel 2016 era degli architetti Lazbent Pavel Escobedo e Andres Solíz di Escobedo Soliz Studio, nel 2015 dell'architetto Andrés Jaque (Office for Political Innovation).

Al programma YAP partecipa anche il museo MAXXI di Roma nel 2016 con “MAXXI Temporary School: The museum is a school. A school is a Battleground” l'installazione progettata dallo studio Parasite 2.0, nel 2015 con Great Land, uno scorcio di campagna in città progettato dallo studio Corte. Per il 2017 il MAXXI non avrà una nuova installazione esterna perché il progetto è diventato biennale e l'appuntamento è rinviato al 2018.


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×