27-07-2021

American Framing, il Padiglione USA alla 17a Biennale Architettura

Paul Andersen and Paul Preissner,

Venezia, Italia,

Biennale di Venezia,

Legno,

Mostra,

Il Padiglione degli Stati Uniti alla 17a Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia presenta con American Framing una ricerca sull'ubiquità e il potere estetico delle costruzioni in legno nell'architettura americana. Tra installazione, modelli e fotografie possiamo scoprire l’architettura che ha dato forma agli Stati Uniti d’America.



  1. Blog
  2. Eventi
  3. American Framing, il Padiglione USA alla 17a Biennale Architettura

American Framing, il Padiglione USA alla 17a Biennale Architettura Per la 17a Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, il Padiglione degli Stati Uniti American Framing, organizzata dalla University of Illinois Chicago (UIC) con il supporto del Bureau of Educational and Cultural Affairs del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d’America, commissionato da Paul Preissner, Associate Professor alla UIC, e co-curato da Preissner e Paul Andersen, Clinical Associate Professor alla UIC, propone un’accoglienza scenografica. Si tratta di un’installazione abitabile ancora prima di entrare nel padiglione stesso, ovvero della mezza sezione di una casa con struttura in legno in scala reale su quattro piani. È stata concepita come invito a sperimentare le forme e le tecniche della costruzione in legno stile statunitense in prima persona. 
All’interno dell’installazione e nel cortile del padiglione troviamo mobili progettati dagli studenti della UIC che richiamano grandi icone del passato, tra cui gli arredi Shaker e i mobili Crate di Gerrit Rietveld, rivisto in comune legname.
Gli ambienti interni del padiglione invece presentano due serie di fotografie commissionate di recente. Entrambe esplorano la cultura che circonda l'intelaiatura del legno in dialogo con nove modelli in scala, a loro volta progettati e costruiti dagli studenti dell'UIC durante i seminari condotti da Preissner e Andersen. Questi modelli sono esempi storici, tra cui la Sears Hillsboro House degli anni ‘30, una casa mobile degli anni ’50 del secolo scorso, e abitazioni per gli sfollati del terremoto di San Francisco del 1906. In questo senso American Framing si collega alla presenza finlandese, New Standards, dove però si parla di prefabbricazione.
La serie di fotografie realizzate dal fotografo e allievo della UIC, Daniel Shea documenta le foreste di abeti e pini dove crescono gli alberi che sono la materia prima, dall’Alaska al Texas. 
Le immagini di Chris Strong mostrano invece l’intera filiera di lavoro che è collegato alle costruzioni in legno, dalla raccolta e preparazione del legname al processo di costruzione. Vediamo i volti di coloro che realizzano queste case emblematiche dell’ideologia americana, uno spaccato della società stessa. 
Sviluppatosi nei primi anni del XIX secolo durante la rapida espansione degli Stati Uniti verso ovest, la costruzione in telaio di legno è stata introdotta come soluzione pragmatica per sopperire alle necessità infrastrutturali impellenti. Grazie alla grande disponibilità di legname, alla semplicità e rapidità di costruzione, il telaio ligneo è diventato simbolo di convenienza nell’architettura americana. La sua adattabilità offre un ampio potenziale progettuale ancora oggi. Proprio per questo motivo che American Framing porta all’attenzione un elemento architettonico largamente trascurato dal dibattito storico e contemporaneo che potrebbe invece dare ancora ora un contributo importante alla domanda “How will we live together”. 
Perché non bisogna dimenticare che infatti, il 90% delle case negli Stati Uniti sono costruite in questo modo come abbiamo imparato durante la nostra visita al padiglione.

Christiane Bürklein

US Pavilion at the 17th International Architecture Exhibition, La Biennale di Venezia
American Framing
22 May - 23 November 2021
Giardini della Biennale, Venice, Italy
Commissioner: Paul Andersen, Paul Preissner, and The University of Illinois at Chicago
Collaborators: The Bureau of Educational and Cultural Affairs (ECA) and The National Endowment for the Arts
Curators: Paul Andersen and Paul Preissner
Sponsors: Glen-Gery Corporation/Brickworks and Alphawood Foundation
Media Sponsors: Architectural Record
Additional Sponsorship: Joseph G. Burns, Brooklyn PrintWorks, and Thornton Tomasetti Foundation
Exhibitors: Ania Jaworska, Norman Kelley, Daniel Shea, and Chris Strong
Photography: Daniel Shea and Chris Strong
Furniture Designers: UIC Students and UIC School of Architecture faculty: Clinical Assistant Professor Ania Jaworska, Assistant Professor Thomas Kelley, co-founder of Norman Kelley, and his design partner Carrie Norman.
Models: UIC Students
Images: Courtesy the Pavilion of the United States at the 17th International Architecture Exhibition at La Biennale di Venezia. 
Find out more: http://americanframing.org/

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature