23-04-2018

AIA COTE Top Ten Awards 2018, Sawmill di Olson Kundig

Olson Kundig,

Kevin Scott,

Deserto del Mojave, California, Mojave Desert, California,

Ville,

Legno, Metallo, Pietra, Vetro,

The American Institute of Architects (AIA) Committee on the Environment (COTE) ha annunciato i dieci vincitori del COTE Top Ten Awards più il COTE Top Ten Plus.



  1. Blog
  2. Architettura Sostenibile
  3. AIA COTE Top Ten Awards 2018, Sawmill di Olson Kundig

AIA COTE Top Ten Awards 2018, Sawmill di Olson Kundig The American Institute of Architects (AIA) Committee on the Environment (COTE) ha annunciato i dieci vincitori del COTE Top Ten Awards più il COTE Top Ten Plus. Tra questi dieci presentiamo il progetto Sawmill di Olson Kundig, realizzato nel deserto del Mojave in California, quale nuovo modello di casa monofamiliare sostenibile.


Il COTE Top Ten Awards dell'AIA è il programma di premi per l'eccellenza negli Stati Uniti nella progettazione sostenibile. Tra i dieci vincitori troviamo anche lo studio di Seattle, Olson Kundig, con il progetto Sawmill, casa monofamiliare in un contesto ambientale bello, ma molto difficile: il deserto del Mojave in California.
La richiesta del committente era una casa autosufficiente che massimizzasse la connessione tra architettura e natura, nonché tra i membri della famiglia. L'architettura in cemento, acciaio e vetro è stata progettata per resistere al clima rigido delle montagne Tehachapi, freddo d'inverno e spesso soggette a incendi d'estate. 
Per la casa gli architetti di Olson Kundig sono partiti dall'idea delle tende attorno al falò e da tale intuizione derivano le tre ali della casa, con una superficie di oltre 480 metri quadrati, le quali si sviluppano a partire da un focolare centrale posizionato nella zona giorno. Qui una grande vetrata di 3,5x8 metri apre al patio, l’autentico quarto elemento compositivo. Per rispettare il contesto naturale dal passato minerario, che nonostante la sua apparente durezza è molto fragile, i progettisti hanno cercato di limitare l'impatto della casa utilizzando, per la costruzione, materiali di recupero e riciclo, nonché soluzioni per assicurare la sua totale autonomia energetica. In questo caso definita come net zero home, ovvero che si sostiene anche senza allacciamento alla rete elettrica. 
Il tema dell'acqua, dall'approvigionamento alla gestione, gioca un ruolo fondamentale nel progetto. Partendo dall'analisi specifica del sito gli architetti hanno deciso di lasciare la ricarica della falda all’'acqua piovana, piuttosto che raccoglierla e sfruttarla. Ed è questa la grande forza di Sawmill di Olson Kundig, dove l'attenzione è volta a tutto l'ecosistema del deserto e non alle sole soluzioni per l’uomo. 
Per comprendere meglio il progetto e il motivo per cui è stato premiato, bisogna tenere presente che il settore residenziale negli Stati Uniti continua a essere il più grande consumatore di energia. Infatti oggi la maggior parte degli americani risiede in case unifamiliari, rispetto a qualsiasi altro tipo di abitazione. Nel 2016 sono state costruite 750.000 nuove case monofamiliari, più del doppio rispetto alle unità multifamiliari. Questo spiega come la creazione di un nuovo modello per la casa unifamiliare ha il potenziale di cambiare radicalmente il panorama energetico negli Stati Uniti, dimostrando che una buona progettazione possa anche essere sinonimo di alte prestazioni, non solo ambientali.

Christiane Bürklein

Progetto: Olson Kundig
Luogo: Deserto del Mojave, USA
Anno: 2014
Immagini: Kevin Scott
Ulteriori informazioni: https://www.aia.org/showcases/185631-sawmill

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×