13-03-2020

Zaha Hadid Architects One Thousand Museum un grattacielo con esoscheletro a Miami

Zaha Hadid Architects,

Hufton+Crow,

Miami, USA,

Residenze, Grattacielo,

Hufton+Crow ha recentemente realizzato un bel servizio fotografico dell'One Thousand Museum di Miami, una delle ultime opere progettate da Zaha Hadid prima della sua scomparsa. Si tratta di un grattacielo di 62 piani per 216 m di altezza con un esoscheletro in cemento armato che permette di liberare le superfici interne dall'ingombro degli elementi strutturali.



Zaha Hadid Architects One Thousand Museum un grattacielo con esoscheletro a Miami

A Miami, di fronte al Museum Park, svetta il grattacielo One Thousand Museum, una torre residenziale di 62 piani, si tratta di uno degli ultimi progetti iniziati da Zaha Hadid. Dopo la scomparsa del celebre architetto iracheno, il 31 marzo 2016, è stato completato dal direttore del progetto Chris Lepine e dallo studio Zaha Hadid Architects. Questa elegante torre residenziale, 62 piani per 216 m di altezza, gode di una suggestiva veduta panoramica sulla Baia di Biscayne e si trova proprio di fronte al Museum Park, un popolare parco pubblico che, come indica il suo nome, nella sua superficie di 30 acri comprende anche musei d'arte e di scienze. Riqualificato nel 2013, il parco è diventato in breve tempo uno degli spazi pubblici più importanti e frequentati del centro città.

L'One Thousand Museum, fa parte di una ricerca progettuale sui grattacieli condotta dallo studio Zaha Hadid Architects che ha prodotto tra gli altri progetti come la Torre Generali a Milano, il Wangjing Soho e il Leeza Soho a Pechino. Le fotografie di Hufton+Crow mettono in evidenza la particolarità dell'One Thousand Museum: il suo esoscheletro in cemento armato con fibra di vetro, composto da una rete di linee morbide e fluide che avvolge il grattacielo per tutta la sua altezza. Il progetto realizzato da Zaha Hadid Architects è un sistema strutturale estremamente coerente con l'immagine dell'architettura.
La scelta di realizzare un esoscheletro esterno in cemento armato consente di liberare le superfici interne dall'ingombro di elementi strutturali, limitando ad esempio il numero dei pilastri. Allo stesso tempo si crea in facciata un opportuno rinforzo laterale che resiste ai carichi dei forti venti della zona, soggetta anche a importanti uragani.
"Il design esprime una fluidità che è allo stesso tempo strutturale e architettonica", spiega Chris Lepine e ancora "La struttura diventa sempre più spessa e sottile a seconda delle necessità, portando una continuità tra architettura e ingegneria".
Sono proprio queste le caratteristiche messe in evidenza dal bel servizio fotografico di Hufton+Crow: il grattacielo appare come un'unica struttura continua con alla base delle colonne che si aprono a ventaglio per aumentare la resistenza ai carichi dovuti al vento e agli uragani. Il grattacielo offre 84 residenze di lusso ed è completato agli ultimi piani da SPA wellness, sala per eventi, piscina. La facciata sfaccettata e trasparente si sviluppa dietro l'esoscheletro, alleggerendo l'immagine dell'edificio, in contrasto con la matericità e la solidità della sua struttura. La leggera curvatura dell'esoscheletro determina delle differenze nei piani in termini di superfici. I piani inferiori, per esempio, hanno terrazze a sbalzo che nei piani superiori sono invece inglobate nella struttura. La piscina all'ultimo piano è avvolta da un soffitto curvo che nella geometria ricorda una grotta, ma è immerso in un ambiente futuristico con vetrate a tutta altezza da cui godere di un ampio panorama sul contesto.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of Zaha Hadid Architects photo by Hufton+Crow

Project Data
Height: 709 ft / 216 m
Gross Area: 911,027 sq ft
Levels: 62
Townhouse Units: 4
Half Floor Units: 70
Full Floor Units: 8
Penthouse: 1
Parking Spaces: 260

Project Credits
Architect: Zaha Hadid Architects https://www.zaha-hadid.com/
Design: Zaha Hadid and Patrik Schumacher
Project Director: Chris Lepine
Project Team: Alessio Constantino, Martin Pfleger, Oliver Bray, Theodor Wender, Irena Predalic, Celina Auterio, Carlota Boyer
Competiton Team: Sam Saffarian, Eva Tiedemann, Brandon Gehrke, Cynthia Du, Grace Chung, Aurora Santana, Olga Yatsyuk
Consultants
Local Architect: O’Donnell Dannwolf Partners
Structural: DeSimone Consulting Engineers
MEP: HNGS Consulting Engineers
Civil: Terra Civil Engineering
Landscape: Enea Garden Design
Fire Protection: SLS Consulting Inc
Vertical Transportation: Lerch Bates Inc
Wind Tunnel Consultant: RWDI Consulting Engineers & Scientists


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature