10-02-2011

Centro anziani con biblioteca a Saragozza

Santiago Carroquino Larraz,

© Jesus Granada,

Saragozza, Spagna,

Istituti, Biblioteche,

contemporaneo,

Legno, Vetro, Cemento,

A Saragozza trovano sede una biblioteca e un centro anziani in una stessa architettura dal linguaggio contemporaneo. Con la sua geometria flessibile, l’opera dona rigore alle facciate e ordine alla pianta, simboleggiando l’unione tra storia raccontata, quella dei libri, e storia custodita, quella delle memorie della terza età.



Centro anziani con biblioteca a Saragozza Unire valori sociali e valori culturali. Coniugare in un’architettura spazi ricreativi dedicati agli anziani e spazi di studio aperti a tutti. Il progetto, indicativo di un atteggiamento progressista da parte di un’amministrazione pubblica, ha un valore intrinseco che l’architettura costruita per ospitarlo è riuscita a trasmettere e potenziare.
In occasione del trasferimento della biblioteca Benjamin Jarnés, reso necessario dal suo ampliamento e dall’inadeguatezza degli ambienti della vecchia sede, è stato attuato il progetto di unirla al nuovo centro anziani della città, costruendo un edificio che fosse in grado di ospitare entrambe le attività, dando testimonianza della completa e reciproca integrazione. Eretto all’incrocio tra la via Pedro Laín Entralgo e la via Gertrudis Gómez de Avellaneda, il nuovo complesso, progettato dall’architetto Santiago Carroquino Larraz, sorge in un contesto periferico insolitamente ordinato, ricco di verde, nel quale si integra valorizzandolo. La sua pianta quadrata, scandita da una suddivisione degli ambienti, articolata intorno ad un patio vetrato con facciate continue, restituisce la stessa regolarità negli alzati che su quattro fronti si interfacciano con il quartiere. La scansione materica con cui tali fronti sono disegnati corrisponde alla scansione planimetrica degli interni, segnalando all’esterno l’organizzazione di spazi e relative attività. I prospetti sono scanditi orizzontalmente su tre livelli fuori terra, a cui si aggiunge un interrato, e verticalmente dal ritmo dei diversi rivestimenti: l’uso delle facciate ventilate in pannelli di legno cemento (tipo Viroc) e di sistemi di brise soleil sono non soltanto peculiari soluzioni compositive, ma anche tecniche, finalizzate a limitare lo scambio termico, cui si aggiunge, in un’ottica di bioedilizia, l’impiego di un impianto solare per il riscaldamento e la climatizzazione estiva. Tale scelta si conferma all’interno nel patio completamente vetrato su quattro livelli che, pur fungendo da pozzo di luce, garantisce l’adeguato scambio termico grazie all’impiego di vetri basso emissivi.
La sfida principale del progetto di Santiago Carroquino, stabilire la corretta relazione tra gli spazi e le attività della biblioteca e quelli del centro anziani, che i prospetti con il loro superiore ordine fanno intuire, si ritrova negli interni organizzati secondo una griglia flessibile che si adatta alle funzioni. Per facilitare loro l’accesso, al centro per gli anziani è stato riservato il piano terra, suddiviso tra stanze polivalenti e il grande auditorium a doppia altezza, situato nella parte rivolta a ovest, mentre i due livelli superiori ospitano i laboratori, le aule consultazione e l’archivio della biblioteca, anch’esso a doppia altezza, situato nella parte nord e ben protetto, grazie alle limitate aperture sull’esterno. Molti ambienti sono stati progettati con partizioni mobili in modo da garantire ai due istituti la massima flessibilità per l’integrazione delle attività.
L’accesso principale all’edificio si trova al piano terreno all’angolo nord-est ed è concepito con un portico che vuole esprimere continuità tra il contesto esterno e gli ambienti interni, ugualmente pubblici.

di Mara Corradi

Progetto: Santiago Carroquino Larraz
Capiprogetto:  Santiago Carroquino, Hans Finner
Committente: Ayuntamiento de Zaragoza, Suelo y Vivienda de Aragón
Luogo: Saragozza (Spagna)
Supervisione tecnica:  Juan José Vera Villamayor, Lara Gimenez Albero, Jeronimo Moya, José Iturralde Navarro (Municipal Supervisor)
Inizio Progetto: 2005
Fine lavori: 2009 (Elderly centre), 2010 (Library)
Impresa costruttrice: UTE EASA-Ebrosa
Facciate ventilate con pannelli di legno cemento (tipo Viroc) e sistemi di brise soleil
Facciate continue nel patio
Fotografie: © Jesus Granada

www.carroquinoarquitectos.com

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×