13-12-2018

Una palestra bioclimatica ad Abidjan di Koffi & Diabaté Architects

Koffi & Diabaté Architects,

François Xavier Gebré,

Abidjan, Costa d’Avorio,

Scuole & Università, Sport & Wellness, Scuola,

Metallo, Cemento,

World Architecture Festival,

La palestra del Liceo Blaise Pascal ad Abidjan, Costa d’Avorio, dello studio Koffi & Diabaté Architects fondato da Guillaume Koffi e Issa Diabaté, ha vinto al World Architecture Festival 2018 il premio come miglior edificio sportivo costruito.



  1. Blog
  2. Architettura Sostenibile
  3. Una palestra bioclimatica ad Abidjan di Koffi & Diabaté Architects

Una palestra bioclimatica ad Abidjan di Koffi & Diabaté Architects La palestra del Liceo Blaise Pascal ad Abidjan, Costa d’Avorio, dello studio Koffi & Diabaté Architects fondato da Guillaume Koffi e Issa Diabaté, ha vinto al World Architecture Festival 2018 il premio come miglior edificio sportivo costruito.


In un mondo globalizzato stupisce ancora quando a vincere degli importanti premi internazionali siano delle opere realizzate in Africa. Così è accaduto al World Architecture Festival WAF 2018 a fine novembre ad Amsterdam. In competizione con 10 finalisti selezionati tra più di cento progetti internazionali nella categoria degli edifici sportivi realizzati c’era la palestra del Liceo Blaise Pascal ad Abidjan, Costa d’Avorio, dello studio Koffi & Diabaté Architects. Questa ha vinto in quanto si tratta di un’architettura “esemplare, etica e magnificamente realizzata che coniuga perfettamente la progettazione tettonica e ambientale con un controllo spaziale e formale sorprendentemente maturo”.
Il progetto di Koffi & Diabaté Architects è un edificio iconico e sostenibile che unisce al meglio le necessità degli allievi con l’attenzione alla sostenibilità dell’intervento in questa particolare fascia climatica del mondo. Infatti lo studio, fondato nel 2001 dai due partner Guillaume Koffi e Issa Diabaté con un team di 50 persone, lavora su una vasta gamma di progetti, spaziando dall'edilizia abitativa agli uffici commerciali, fino all'urbanistica in Costa d'Avorio e nella regione limitrofa.
"In un'ottica di sostenibilità, la palestra del Liceo Blaise Pascal ad Abidjan offre un nuovo standard per gli impianti sportivi in un ambiente in cui i metodi di progettazione sono troppo spesso modellati su quelli delle zone temperate", dicono gli architetti Guillaume Koffi e Issa Diabaté.
L'edificio con la sua superficie di 3822m², ideale per la pratica sportiva dei 1500 studenti delle scuole superiori, è stato costruito interamente in calcestruzzo a vista. Questo presenta linee geometriche contemporanee e si inserisce dolcemente nella pendenza del sito in cui è inserito. Gli architetti sono partiti con un approccio marcatamente sostenibile attraverso l'utilizzo di soluzioni progettuali passive. Tra queste spicca in particolare il rivestimento in lamiera rossa, il quale ha senso nel contesto tropicale con alte temperature e umidità, in quanto permette una ventilazione e un'illuminazione naturale in tutto l'ambiente, eliminando così ogni necessità di condizionamento dell’aria. 
Questa scelta bioclimatica fa perdere all'imponente volume la sua materialità, per lasciare posto a una sensazione di comfort, enfatizzando però al contempo il dialogo tra interno ed esterno.
All’interno la palestra di Koffi & Diabaté Architects si distingue per l’attenzione all'aspetto funzionale, alla fluidità dei percorsi e alla facilità di manutenzione. Al piano terra troviamo gli spogliatoi, la sala insegnanti, il magazzino e la palestra. Al piano superiore la struttura in acciaio e il suo rivestimento, che funge da veneziana, ospita gradinate con una capienza di 200 spettatori e si apre su una piattaforma sportiva di 1000 mq, offrendo così uno spazio eccezionale per i vari eventi che animano la scuola secondaria. La parete d'arrampicata indoor, la prima in Africa occidentale, è larga 36 metri e alta 9. L'attrezzatura sportiva è pensata per garantire una maggiore flessibilità nell'uso degli spazi. 
Il risultato creato da Koffi & Diabaté Architects è funzionale, accogliente, sostenibile e iconico, un’architettura che vive gioiosamente il presente, senza dimenticare il passato, nonostante sia proiettata verso il futuro, essendo quindi anche in sintonia con un famoso aforisma dello scienziato e filosofo francese Blaise Pascal a cui il liceo è intitolato.

Christiane Bürklein

Progetto: Koffi & Diabaté Architectes - https://www.koffi-diabate.com
Luogo: Riviera 3, Abidjan, Costa d’Avorio
Committente: AGBP – Association Gestionnaire de Blaise-Pascal
Superficie: 3820m²
Anno: Maggio 2017
Immagini: François Xavier Gebré

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×