15-02-2021

Roland Baldi Architects, Centro di protezione civile Renon

Oskar Da Riz,

Edifici Pubblici,

Cemento,

Lo studio di architettura Roland Baldi Architects ha realizzato, a Renon nell’Alto Adige, il nuovo centro di protezione civile. Un intervento architettonico che riunisce Vigili del Fuoco, Soccorso Alpino e Croce Bianca in un’unica struttura dall’aspetto scultoreo.



  1. Blog
  2. Materiali
  3. Roland Baldi Architects, Centro di protezione civile Renon

Roland Baldi Architects, Centro di protezione civile Renon Roland Baldi è noto ai nostri lettori per essere il vincitore del concorso internazionale Next Landmark 2018, nonché per le sue architetture che uniscono un’attenta ricerca formale e materica alla spiccata attenzione all’ambiente. Quest’ultima non solo in termini di certificazione, ma anche come rispetto del luogo in cui le sue opere si inseriscono. Un esempio: la sua caserma dei vigili a Fleres, dove il volume dalla facciata in gabbioni assume un ruolo attivo nella protezione del territorio soggetto a frane.
A Renon, sempre in Alto Adige, Baldi propone un intervento che sviluppa ulteriormente un tema a lui caro: l’interesse per architetture funzionali in contesti naturali importanti. Questa volta si tratta del nuovo centro di protezione civile che unisce, in un volume dalla forma semplice e scultorea, tre unità operative sul territorio: Vigili del Fuoco, Soccorso Alpino e Croce Bianca. Quello che apparentemente si pone in aperto contrasto contemporaneo con il linguaggio architettonico e rurale tipico della zona, in verità si rivela essere in sintonia con il sito in cui è stato inserito.
Tutto questo, perché la struttura a due piani, costruita secondo lo standard Casa Clima A, è stata integrata nel declivio naturale del terreno, nonché collegata, attraverso l'area d'ingresso, con la strada provinciale e la zona residenziale alle sue spalle. Tuttavia, la maggior parte del volume è stato disposto nel piano interrato, sotto il parcheggio comunale. Inoltre, sempre il piano interrato, unendo l’utile al dilettevole, funge sia da muro di cinta per il parcheggio che da muro di contenimento per il garage pubblico.
L'ingresso principale, al piano terra, conduce invece direttamente a un'ampia zona d’accoglienza con una sala di formazione aperta al pubblico e utilizzabile anche per eventi esterni. Gli spazi comuni dispongono di terrazze, mentre sul lato nord si trovano i magazzini e i dormitori. 
Concludo la disposizione planimetrica i garage dei mezzi di soccorso al piano inferiore, dotati di strada di accesso riservata. 
A sua volta l’organizzazione degli ambienti interni, dai percorsi della sala comune agli spogliatoi delle tre organizzazioni di protezione civile, mira alla massima efficienza funzionale e un’ottimale separazione delle diverse aree, ma senza pregiudicare la necessaria sinergia tra gli operatori. Così le sale di comando possono essere aperte e creare, in caso di bisogno, un unico ambiente.
Per contrastare l’aspetto lineare e geometrico del centro, dovuto sia alla sua funzione che alle preferenze dello studio Roland Baldi Architects, la scelta per il materiale della facciata è caduta sul cemento costipato a mano. Un materiale che, per l’andamento organico e irregolare degli strati, ammorbidisce il volume e togliere un po’ di durezza alla forma rigorosa del volume architettonico. Va segnalato che i progettisti per la grana e le sfumature si sono ispirati alle famose Piramidi di Terra del Renon, un fenomeno geologico, vecchio di 25mila anni, dalla spettacolare forma a pinnacolo. E in questo modo riescono pure a enfatizzare il legame con il territorio. 
Il Centro di Protezione Civile del Renon è completato da un nuovo parcheggio sotterraneo. Inoltre, il parcheggio pubblico e la stazione degli autobus, adiacenti alla nuova architettura, sono anch’essi progettati dallo studio Roland Baldi Architects. Un insieme di interventi, in unione alla vicina stazione ferroviaria, che forma il nuovo centro di mobilità di Collalbo. Ed è così che il nuovo centro non solo protegge il territorio, ma apporta un sostanziale miglioramento alle infrastrutture locali.

Christiane Bürklein

Project: Roland Baldi Architects
Location: Renon, Italy
Year: 2020
Images: Oskar Da Riz

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature