15-11-2018

Alla ricerca delle più belle architetture della Toscana

Firenze, Pistoia, Italia, Siena, Arezzo, Lucca, Italia, Pisa, Italia,

Mostre,

Evento, Mostra, Premio,

Al via la seconda edizione del Premio Architettura Toscana organizzato da Consiglio Regionale, Ordini degli Architetti e Ance toscani, con la collaborazione della Fondazione Architetti Firenze. Il premio regionale è riservato alle opere realizzate negli ultimi cinque anni in Toscana.



Alla ricerca delle più belle architetture della Toscana

I concorsi d'architettura si confermano come lo strumento più consono per: monitorare la trasformazione di un territorio, stimolare la riflessione intorno ai temi dell'architettura contemporanea e alle trasformazioni del paesaggio, inteso sia come paesaggio naturale che urbano. La validità di queste iniziative non si ferma qui perché permettono di diffondere la cultura del progetto e con essa la ricerca di una qualità ambientale ed etica, portando all'attenzione non solo dei professionisti del settore ma anche dei cittadini e delle istituzioni temi importanti e urgenti anche in tema di risparmio energetico e sostenibilità. Concorsi “regionali” come quello organizzato da Consiglio Regionale, Ordini degli Architetti e Ance toscani, con la collaborazione della Fondazione Architetti Firenze, permettono di concentrare l'attenzione su un'area di territorio ristretta mettendone a fuoco i punti di forza e le criticità.

Il Premio Architettura Toscana (PAT) punta a diventare un appuntamento fisso e un mezzo per promuovere e monitorare il territorio toscano dopo i lusinghieri risultati raggiunti con la prima edizione che ha visto la partecipazione di oltre 140 progetti. Le cinque opere vincitrici della prima edizione, una per ciascuna categoria del premio, più altri 15 progetti menzionati e selezionati hanno dato vita a una mostra itinerante che dalla Palazzina Reale di Firenze, dove è stata inaugurata, ha viaggiato in molte città toscane (Siena, Pistoia, Piombino, Pisa, Pontremoli, Lucca, Arezzo) per concludersi al Centro Pecci di Prato.

La seconda edizione è stata presentata l'8 novembre a Firenze, il premio come per la precedente edizione è organizzato da: Consiglio regionale della Toscana, Ordine degli Architetti PPC di Firenze, Federazione degli Architetti della Toscana, Ordine degli Architetti PPC di Pisa, Fondazione Architetti Firenze e Ance Toscana, con il patrocinio del Consiglio Nazionale degli Architetti. Il bando è già disponibile online nel sito dedicato e dal 3 dicembre fino all'8 febbraio 2019 sarà possibile candidare le opere di architettura realizzate negli ultimi cinque anni dal 2013 al 2018 nel territorio della regione. Il premio si articola in cinque categorie: opera prima; opera di nuova costruzione; opera di restauro o recupero; opera di allestimenti o interni; opera su spazi pubblici, paesaggio o rigenerazione. Ogni partecipante o gruppo può candidare una sola opera per ciascuna categoria, una singola opera può concorrere in più categorie. La giuria del premio nominata dal Comitato organizzatore è composta: dall’architetto Massimo Alvisi, dal professore e sociologo Giandomenico Amendola, dall’architetto Fabrizio Barozzi, dal professore e architetto Luca Molinari e dal professore e architetto Francesca Torzi. I risultati saranno resi noti il 29 maggio 2019 e il 30 maggio si terrà la cerimonia di premiazione e mostra dei progetti vincitori a Firenze presso la Palazzina Reale di piazza Stazione, sede di Ordine e Fondazione Architetti Firenze.

Le cinque opere vincitrici della prima edizione del Premio Architettura Toscana sono: (Opera Prima) Piazza dell'immaginario a Prato di ECOL, (Opera di Allestimento o di Interni) il Nuovo Museo delle Statue Stele Lunigianesi Augusto C. Ambrosi a Castello del Piagnaro Pontremoli di Canali Associati, (Opera di Nuova Costruzione) la Cantina Bulgari a Podernuovo- San Casciano dei Bagni di Alvisi Kirimoto + Partners, (Opera di Restauro e Recupero) il nuovo Museo degli Innocenti Firenze di Ipostudio Architetti, (Opera su Spazi Pubblici, Paesaggio e Rigenerazione) la riqualificazione urbana di Piazza dei Tre Re a Firenze di Chiara Fanigliulo.

(Agnese Bifulco)

Informazioni e bando: www.premio-architettura-toscana.it.


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature