26-02-2014

Shirish Beri: casa sulle rive del lago a Andur

Shirish Beri,

Paesaggio, Bar, Sport & Wellness,

Legno,

Shirish Beri progetta la casa per la sua famiglia come un’oasi dalla vita professionale in città. Ogni forma sembra essere declinazione del paesaggio. Il materiale strutturale, la laterite, contribuisce a creare il legame con la terra. Il progetto, che sorge sulle colline che fronteggiano il lago di Andur in India, è un dialogo prospettico tra l’architettura e il luogo.



Shirish Beri: casa sulle rive del lago a Andur

La ricerca architettonica di Shirish Beri guarda alla relazione che si stabilisce tra opera costruita dall’uomo e opera naturale e ne ricava le regole più attuali del buon progetto. I materiali sono accuratamente selezionati per far sì che la forma dell’architettura sia percepita quale presenza discreta e non invasiva sul territorio.
La casa di famiglia dell’architetto indiano Shirish Beri a Andur è una delle sue realizzazioni più riuscite, una di quelle che riescono a incarnarne la poetica e gli studi di una vita.

La scelta della laterite per la muratura (blocchi di roccia sedimentaria ricca di ferro e alluminio dal caratteristico colore terroso) avvicina immediatamente all’immaginario dell’India, dove è ancora molto usata in edilizia. I muri alti e segmentati infondono all’architettura un aura di misteriosa sacralità, sia per la loro disposizione e forma che ricorda una sequenza di dolmen, sia perché la stessa laterite fu molto usata negli antichi templi Khmer nel Sudest asiatico.

L’abitazione sorge su un appezzamento collinare che fronteggia il lago di Andur, a un’ora di macchina da Kolhapur dove ha sede lo studio del progettista, e che è diviso in due da una strada. Riferisce Beri che il primo problema fu decidere se costruire sull’area che la strada separa dal lago oppure su quella oltre la strada in prossimità dello specchio d’acqua. La scelta cadde sul primo appezzamento sia per una questione di ampiezza, sia per le potenzialità prospettiche che l’inclinazione della collina poteva offrire alla casa.

Nella definizione della pianta, il lago e la collina diventano fondamentali punti di riferimento. Disegnata a semicerchio, favorisce la prospettiva sul lago di fronte da numerosi punti di vista. Le principali pareti interne sono disposte a raggiera, volendo suggerire tali scorci, mentre i segmenti di muri all’esterno ne sono il prolungamento. A nord-est dove poggia sul pendio, la pianta disegna un vuoto riempito dal terreno, in cui la rigogliosa vegetazione entra nelle stanze grazie alle ampie aperture. Caratteristico il bagno padronale completamente spalancato sulla nicchia di vegetazione ricavata sul retro: la cura del corpo è intesa come ritorno alla natura senza barriere o filtri. Secondo lo stesso principio di integrazione e comunicazione tra gli ambienti e tra interni ed esterni si sviluppano tutti gli spazi. Al piano terra la cucina e la zona pranzo a doppia altezza comunicano con il piano superiore. Una scala a giorno sale dalla cucina e sbarca dove comincia il ponte che conduce allo studio, superando la sala da pranzo sottostante.


La ricerca di armonia con la terra guida verso basilari e fondamentali criteri di sostenibilità. La ventilazione è migliorata dalla compenetrazione degli ambienti e dalla creazione di flussi d’aria favoriti dalla presenza della vegetazione in ogni stanza. L’orientamento degli ambienti living verso sud-ovest non è solo voluto in funzione della direzione del lago, ma anche per sfruttare al massimo le ore di luce e calore.
Se la visione è un linguaggio, Shirish Beri utilizza un lessico preciso: l’alternanza dei pieni e dei vuoti, le finestre spalancate sul verde, il vantaggio della pendenza del sito, la terrazza aggettante e la grande veranda protesa verso il giardino, come a volerlo catturare e portare all’interno, il rispetto dell’orientamento per ottenere più luce naturale, l’impiego di parapetti vetrati per tutti gli ambienti protesi verso il giardino e il lago, allo scopo di spezzare il confine visivo tra interno ed esterno, e così via.

Mara Corradi

Progetto: Shirish Beri
Committente: Manasi & Shirish Beri
Luogo: Andur, Kolhapur (India)
Progetto delle strutture: Sadanand Sabnis
Progetto elettrico: Upendra Deuskar
Interior design: Narayan Mistry & team
Superficie costruita: 140 mq
Area del lotto: 9000 mq
Inizio Progetto:
Fine lavori: 2007
Copertura in lamiera con isolamento su struttura in acciaio
Struttura in muratura di blocchi di laterite
Pavimenti in sterco di mucca e fango (piano terra), legno (piano primo)

www.shirishberi.net


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×