02-11-2021

Primo Cornelia Hahn Oberlander International Landscape Architecture Prize

Julie Bargmann,

Parco urbano, Paesaggio,

Premio, Recupero, Paesaggio,

La fondazione statunitense The Cultural Landscape Foundation, TCLF, ha indetto per la prima volta il premio biennale Oberlander. Un premio intitolato alla recente scomparsa dell’architetta del paesaggio Cornelia Hahn Oberlander e conferito a un progettista "eccezionalmente talentuoso, creativo, coraggioso e visionario”. La vincitrice della prima edizione è Julie Bargmann.



  1. Blog
  2. Landscaping
  3. Primo Cornelia Hahn Oberlander International Landscape Architecture Prize

Primo Cornelia Hahn Oberlander International Landscape Architecture Prize L’architettura del paesaggio passa spesso in secondo piano, in quanto l’interesse del pubblico è facilmente attratto da architetture iconiche piuttosto che da quanto lo circonda, anche se la maggior parte di noi viene coinvolto più direttamente da una buona architettura del paesaggio e un’urbanistica ben fatta, anziché che da qualche grattacielo slanciato ed elegante, oppure da un progetto residenziale per un numero limitato di utenti. Ancora troppe volte dimentichiamo di guardare al contesto, anche se è proprio quello di cui abbiamo bisogno, in particolare se vogliamo rendere le nostre città a prova di cambiamento climatico e inclusive. 
Da qui parte l’iniziativa di The Cultural Landscape Foundation, TCLF, fondazione no profit, creata nel 1998, per collegare le persone ai luoghi, nonché educare e coinvolgere il pubblico, al preciso scopo di rendere il nostro patrimonio paesaggistico condiviso più visibile e palesarne il valore. Il tutto con il preciso scopo di responsabilizzare i suoi amministratori. Spiega Charles A. Birnbaum, Presidente e CEO del TCLF: ”L'obiettivo dell'istituzione del Premio Oberlander era quello di aumentare la visibilità, la comprensione, l'apprezzamento e la conversazione sull'architettura del paesaggio. La scelta di Julie Bargmann come vincitrice inaugurale, provocatrice e innovatrice, è un modo eccellente per coinvolgere il pubblico e inaugurare la prossima fase del Premio”.
Julie Bargmann, originaria di Westwood nel New Jersey, è professoressa di architettura del paesaggio all'Università della Virginia a Charlottesville, VA, e fondatrice dello studio D.I.R.T. ("Dump It Right There"). Ha conseguito un Bachelor of Fine Arts in Scultura, presso la Carnegie Mellon University, e un Master in Architettura del paesaggio, presso la Graduate School of Design di Harvard nel 1987. Nel 1989-90 è stata Fellow in Architettura del Paesaggio all'Accademia Americana di Roma. Da oltre 30 anni, sia come insegnante che quale architetta del paesaggio, Julie Bargmann si è concentrata principalmente su siti urbani e post-industriali contaminati, trascurati e dimenticati. Dice la stessa Bargmann: "Scoprire gli ingredienti grezzi del design dai rifiuti e dalle terre incolte definisce il lavoro della mia vita. Sia la pedagogia del mio insegnamento che la mia metodologia come designer si rivolgono agli imperativi sociali ed ecologici per recuperare i terreni degradati. Integrare tecnologie rigenerative con proposte di design e paesaggi costruiti incarna il mio contributo alla disciplina dell'architettura del paesaggio". Da quando ha iniziato a insegnare e ha fondato lo studio D.I.R.T., ha infatti creato alternative per contrastare le limitazioni della tipica bonifica (definita come "correzione di un difetto"), offrendo modalità più dinamiche di rigenerazione (o, "creazione di nuovo”). Non a caso la giuria del premio di 100mila dollari dice che Bargmann “incarna il tipo di attivismo richiesto agli architetti del paesaggio in un'epoca di gravi sfide ambientali e di persistenti disuguaglianze sociali.”
Le immagini qui riportate mostrano alcune delle sue opere. Il Vintondale Reclamation Park in Pennsylvania,1995-2002, che coinvolge un sito di 21 ettari nella regione carbonifera di questo stato. Qui Bargmann e i suoi collaboratori hanno progettato un sistema di filtraggio naturale, al fine di affrontare anni di inquinamento dovuto al deflusso delle miniere. Tra le sue nuove opere segnaliamo il Core City Park, a Detroit, del 2019, che parte dal riuso dei materiali trovati sul sito per creare qualcosa di nuovo. Perché, come dice Julie Bargmann: “Esiste un enorme potenziale e una bellezza sublime in luoghi che possono sembrare, a prima vista, compromessi e distrutti. Siti, quartieri, intere città, sono pieni di energia che aspetta di essere riconosciuta, liberata e data nuova forma”. 

Christiane Bürklein

Cornelia Hahn Oberlander International Landscape Architecture Prize 2021
Winner: Julie Bargmann
Images: Courtesy of TCLF - see captions
Core City Park Detroit, MI, Spring 2021. Photo courtesy Prince Concepts and The Cultural Landscape Foundation
Portrait: Julie Bargmann, 2021 Oberlander Prize laureate. Photo ©Barrett Doherty courtesy The Cultural Landscape Foundation
Find out more:  D.I.R.T. Studio
TCLF

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature