11-02-2021

b210 e il micro-hotel Nature Villa per Maidla Nature Resort

b210 Architects,

Priidu Saart, Tönu Tunnel, Feeliks Volož,

Hotel,

Legno,

La Nature Villa nel Maidla Nature Resort in Estonia, su progetto dell’architetta estone Mari Hunt, è un micro-hotel in legno su palafitte, probabilmente il più piccolo edificio mai nominato per il premio Mies van der Rohe. Un esempio di architettura sostenibile di alta qualità e in scala ridotta.



  1. Blog
  2. News
  3. b210 e il micro-hotel Nature Villa per Maidla Nature Resort

b210 e il micro-hotel Nature Villa per Maidla Nature Resort In questi giorni è uscita la long list per il Mies van der Rohe Award, il più importante riconoscimento dell’Unione Europea per l’architettura. Tra le ben 449 architetture candidate al premio (link news Agnese), si trova anche questo piccolo volume di soli 28 m2, progettato dall'architetta Mari Hunt dello studio di architettura b210 e costruito dai proprietari del Maidla Nature Resort. Si tratta di un complesso alberghiero, immerso nella foresta, a una cinquantina di chilometri a sud di Tallinn. Un luogo in cui si trovano edifici padronali del XV° secolo, ora affiancati dall’ultima aggiunta: Nature Villa. Un intervento, dalle dimensioni minuscole, sul limitare di una palude e nella natura incontaminata dell’Estonia, che nasce dal desiderio di mostrare quanto l’architettura contemporanea e il design possono ideare anche sulla piccola scala, dove ogni millimetro è prezioso non sottratto per la natura.
L'idea per questo micro-hotel costruito in una zona completamente isolata, dove l'ospite può sperimentare il paesaggio incontaminato delle torbiere estoni, nonché avvistare alci e volpi più che persone, è venuta a Ragnar Sass, il proprietario del resort. Quest’ultimo, infatti, durante i suoi viaggi ha visto come l’architettura di qualità sia in grado di migliorare la percezione e la fruibilità di un luogo. La scelta per realizzare la sua idea è quindi ricaduta su Mari Hunt dello studio estone b210. Un’opzione logica per Sass, in quanto questa progettista da anni è nota in Estonia per le opere che esaltano il paesaggio attraverso l’architettura, come nel caso dei megafoni della foresta a Pähni o il progetto della sauna galleggiante a Soomaa
Nel dettaglio la Nature Villa Maidla, realizzata in legno locale, poggia su palafitte di 7 metri conficcate nel terreno della palude, al preciso scopo di rendere la struttura stabile su un terreno fluttuante. In questo modo la terrazza inferiore dell'hotel e il pavimento sono a un metro dal terreno, così in caso di acqua alta, a seconda delle stagioni, l’edificio non viene inondato. In più, il tetto piatto è accessibile e funge da solarium e belvedere, mentre le grandi finestre, dell'unica stanza del piccolo hotel, si aprono su un paesaggio paludoso ricco di piante, uccelli e animali.
Tutto questo poiché, in un mondo in cui il 75% delle persone vive in contesti urbani, oramai il vero lusso è la natura incontaminata. 
L’architetta Mari Hunt è particolarmente felice per la nomina del Maidla Nature Resort al Mies van der Rohe Award e afferma che: “normalmente vengono nominati grandi edifici pubblici per il premio, per rappresentare il volto pubblico e noto dell'architettura europea. Credo che siamo stati scelti perché con Nature Villa siamo riusciti a catturare qualcosa che è di importanza critica nell'Europa di oggi - abbiamo cercato di creare uno spazio che ricordasse alle persone il loro legame con la natura, la fragilità e il valore di questo legame che sta già scomparendo in molti luoghi." 
Una riflessione importante, specialmente in vista della pandemia che ha radicalmente cambiato il nostro modo di vivere, in quanto spesso il rinnovato contatto con la natura, meglio se in solitudine per rispettare le norme del distanziamento fisico, è il nostro unico svago.
Il Maidla Nature Resort di Mari Hunt b210 è già stato insignito di due riconoscimenti importanti: lo SMALL 2020 Award dell’associazione degli architetti estoni e il titolo di People’s Favorite nel concorso Wooden Building of the Year 2020.

Christiane Bürklein

Project: Mari Hunt, co-authors Aet Ader, Kadri Klementi, Karin Tõugu (b210 architects)
Engineering: Peter Stumbur, Veiko Koppe (Production House)
Builder: Otto Ehitab
Location: Maidla, Estonia
Year: 2020
Images: Tönu Tunnel, Priidu Saart, Feeliks Volož
Find out more: https://www.maidlaresort.com/nature-villa

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature