05-11-2019

Apertura del LMCC Arts Center di Pei Cobb Freed & Partners a New York

Pei Cobb Freed & Partners,

Nicole Saraniero / Untapped Cities, Zachary Tyler Newton, Brian J. Green,

New York, USA,

Edifici Pubblici, Ristrutturazione, Architettura e Cultura,

Recupero,

A Governors Island, nel porto di New York, ha aperto la nuova sede dell’Arts Center del Lower Manhattan Cultural Council (LMCC). Il progetto pro bono, di Pei Cobb Freed & Partners, è l'ultimo tassello della trasformazione dell’isola da ex base militare in vivace destinazione culturale.



  1. Blog
  2. Architettura Sostenibile
  3. Apertura del LMCC Arts Center di Pei Cobb Freed & Partners a New York

Apertura del LMCC Arts Center di Pei Cobb Freed & Partners a New York Il Lower Manhattan Cultural Council (LMCC), fondato nel 1973 per servire gli artisti locali e la comunità con borse di studio, spazi di studio, mostre pubbliche ed eventi, ha ora una sede permanente: un magazzino di munizioni del diciannovesimo secolo sulla Governors Island nel porto di New York. Ha aperto le sue porte come LMCC Arts Center, concludendo la trasformazione dell'isola da un'ex base militare in una vivace destinazione culturale. Il programma di recupero mira a far crescere Governors Island quale centro creativo per i newyorkesi di tutti e cinque i distretti, allo scopo di sbloccare il suo potenziale investendo in arte, cultura ed educazione,
Lo studio di architettura newyorkese Pei Cobb Freed & Partners ha quindi guidato un team in grado di fornire i servizi di progettazione pro bono alla LMCC, al fine di restaurare e rinnovare la struttura, situata sulla riva settentrionale dell'isola, vecchia di quasi 150 anni.
Per accogliere l'eclettico programma dell'organizzazione, gli architetti hanno aperto gli interni e rimodellato l’edificio su due piani, precedentemente un labirinto di uffici militari. Inoltre, hanno riportato a vista, restaurandola, la struttura originale a tralicci, creando oltre 3.700 metri quadrati di spazio flessibile simile a un loft.
La struttura ora comprende una galleria principale al livello superiore con annessa area reception, inserita dietro una parete in vetro trasparente, al fine di lasciare inalterato l’impatto spaziale dell’ambiente. Nell’intervento a giocare un ruolo importante è la luce naturale. In effetti, le sale più piccole, dedicate a spettacoli, prove e mostre, così come gli studi d'arte disposti su entrambi i livelli, per le loro attività godono di un’abbondante luce diurna. Il tutto è completato da una nuova scala e un nuovo ascensore, i quali permettono una maggiore inclusione e accessibilità, mentre una caffetteria al piano inferiore, incorniciata da un muro in mattoni a vista, offre una splendida vista sul Lower Manhattan e il porto. 
Il progetto, del premiato studio newyorkese Pei Cobb Freed & Partners leader nella progettazione architettonica e nella sostenibilità, ha conservato l'acciaio, il legno e i mattoni dell'edificio esistente, implementando al contempo i sistemi ad alta efficienza energetica e riducendo l’impatto ambientale del nuovo LMCC Arts Center.
In linea con la mission del Lower Manhattan Cultural Council (LMCC), ovvero servire gli artisti attraverso residenze, finanziamenti e opportunità di presentazione per condividere il loro lavoro e il processo creativo con il pubblico, la stagione inaugurale del nuovo centro prevede due mostre: The Power of Two Suns, di Yto Barrada con ospite l'artista Bettina, Extinct in New York, di Michael Wang, e un'installazione speciale di Yoko Ono. Quest'autunno, i diciassette artisti selezionati per il primo programma di residenza annuale presso LMCC partecipano a un weekend open-studio, allo scopo di dare ai visitatori la possibilità di esplorare sia i loro lavori che i nuovi spazi, gli stessi che mostrano il grande potenziale delle preesistenze storiche anche in contesti metropolitani.

Christiane Bürklein

Progetto: Pei Cobb Freed & Partners - https://www.pcf-p.com/
Luogo: Governors Island, New York
Anno: 2019
Immagini: Nicole Saraniero / Untapped Cities, Brian J. Green, Zachary Tyler Newton, David Gonsier

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×