01-01-2021

Refuel works + Formafatal: Art Villa in Costa Rica

Formafatal,

BoysPlayNice , Jakub Skokan, Martin Tůma,

Costa Rica,

Ville,

Art Villa, progettata dagli studi Refuel works e Formafatal, fa parte di un lussuoso complesso per vacanze voluto da un investitore ceco nella giungla del Costa Rica. Strutture in cemento a vista nella foresta sconfinata guardano alla tradizione delle ville sudamericane del Novecento.



Refuel works + Formafatal: Art Villa in Costa Rica

La forza dell’uomo in relazione alla forza della natura. In questo modo si potrebbe sintetizzare l’esperienza progettuale che ha coinvolto più studi internazionali in Costa Rica, dove un investitore della Repubblica Ceca ha realizzato un resort composto da tre lussuose ville, immerse nella vegetazione a nord della Playa Hermosa.
Art Villas Resort è un complesso, oggi in corso di ultimazione, di tre magnificenti residenze per vacanze, collegate tra loro da percorsi creati in mezzo alla giungla costaricana, orientate verso l’Oceano Pacifico. Il sito su cui sono state costruite è una distesa in declivio pari a 2 ettari di terreno, completamente coperta dalla vegetazione. Tali dati ambientali sono stati fondamentali nella concezione di questi spazi di relax, dove il privilegio di offrire abitazioni “lontane dalla civiltà” è stato espresso da un livello di lusso difficilmente rapportabile ad altro.
Lo studio ceco Formafatal, diretto da Dagmar Štěpánová, si è in verità ispirato moltissimo alla concezione della villa sudamericana del XX secolo, dagli esempi di Oscar Niemeyer fino alle opere di Paulo Mendez da Rocha, dove il cemento è alleato nella costruzione di grandi spazi, di enormi vuoti, dove la materia grezza si esprime nella sua bellezza, a volte brutale, monumentale e intima allo stesso tempo e per questo inevitabilmente vicina alla natura. Vegetazione il cui rapporto con il costruito diventa dialogo fondamentale basato sull’integrazione. Formafatal si è occupato della concezione del masterplan del resort e poi in particolare di quella che è stata chiamata Atelier Villa, il più minimalista tra i volumi costruiti, e infine della concezione di tutti gli interni.
Art Villa, il cui progetto architettonico è dello studio Refuel works, con sede a Praga, è la maestosa realizzazione a tripla soletta di cemento, su due livelli con una superficie di utilizzo di ben 570 mq. Alla pianta quadrata si unisce, alla quota del piano più alto, la piscina aggettante verso ovest, in direzione dell’Oceano Pacifico. Qui, oltre alla generosa area comune (atrio, soggiorno principale, cucina con sala da pranzo e terrazza coperta a bordo piscina), la villa presenta 5 camere da letto con bagni privati. Al piano interrato si trovano una sala giochi per i bambini, una palestra, una sala da ballo, una cabina armadio, una lavanderia e i locali tecnici. La circolazione esterna consente di camminare lungo tutto il perimetro, allo scopo di sentire il contatto costante con la natura.
Osservando la pianta del piano principale, quello più alto, si nota come l’orientamento dell’intero volume sia stato posto a ovest, non solo in ragione dell’asse visivo tra la piscina esterna e il suggestivo specchio d’acqua circolare interno, ma anche in virtù delle vetrate a tutta altezza che offrono un costante sguardo nella direzione dell’oceano. Nello spazio abitativo interno, alle poche pareti divisorie si aggiungono differenze di quota superate dai pochi gradini, consentendo al grande open space centrale di essere più funzionale.
Muri grezzi, che esplicitano l’ormai tradizionale potenza del cemento, si ingentiliscono con finiture d’arredo, tessuti e cromatismi ricercati, che dichiarano apertamente la ricerca del lusso anche di fronte allo spettacolo della natura. Legno di teak, metallo e lino sono i materiali scelti per gli arredi, tutti su disegno e realizzati da artigiani locali o importati dalla Repubblica Ceca.
Le camere da letto e i bagni presentano pavimenti in piastrelle ornamentali in cemento, realizzati su misura oltre il confine, in Nicaragua. I modelli e i colori che si succedono sono un riflesso della natura ricca e sfuggente. Di particolare rilievo è l’acquerello dipinto a mano sulla parete retrostante le mensole della cucina: dicono gli architetti che, fungendo da specchio che riflette la vita dietro il muro, questo dipinto è come una finestra che permette di vedere la natura all'esterno. Dal punto di vista decorativo questo progetto è un grande omaggio allo spettacolo della giungla selvaggia circostante.
Dal punto di vista paesaggistico è stato poi coinvolto l’Atelier Flera che ha realizzato le terrazze e i percorsi di scale inseriti nella foresta tra una villa e l’altra. Alla vegetazione esistente sono state aggiunte altre piante locali, decorative, come l’albero nazionale del Costa Rica, l’Enterolobium cyclocarpu, e alberi da frutto, come banani, palme da cocco e papaya.

Mara Corradi

Principal Architect: Formafatal
Architectural concept of Art Villa: Refuel works (Jan Skoupý, Zbyněk Ryška) + Formafatal
Location: Bahia Ballena, Playa Hermosa, Costa Rica
Project years: 2017 - 2018
Completion years: 2016 - 2019 (completed in December 2019)
Built-up area: 618 sqm
Usable floor area : 570 sqm
Site size: 25 000 sqm
Client: Filip Žák
Collaborators: atelier Flera | landscape architect - greenery and garden elements | www.flera.cz
Different Design | realization of screed surfaces | www.different-design.cz
Můj Originál | jungle watercolor painting | www.mujoriginal.cz


Photography by Jakub Skokan and Martin Tůma / BoysPlayNice www.boysplaynice.com

www.formafatal.cz
www.artvillas.com
www.refuelworks.com


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature