01-12-2017

Filippo Taidelli Campus Humanitas University Milano

Filippo Taidelli,

Andrea Martiradonna,

Milano,

Dipartimenti, Università,

Facciate Ventilate,

L'architetto Filippo Taidelli ha firmato il nuovo Campus Humanitas University, la facoltà internazionale di Medicina e Chirurgia, Infermieristica e Fisioterapia presso l’Humanitas Research Hospital alle porte di Milano.



Filippo Taidelli Campus Humanitas University Milano

Alle porte di Milano attiguo all’Humanitas Research Hospital, tra i capannoni industriali e il Parco agricolo Sud, l'architetto Filippo Taidelli ha progettato il nuovo Campus Humanitas University - facoltà internazionale di Medicina e Chirurgia, Infermieristica e Fisioterapia. Tre nuovi edifici, tre volumi dai toni caldi e materici grazie ai rivestimenti delle facciate ventilate, inseriti in un grande parco pedonale. Una formula che si ispira al modello dei campus anglosassoni ma che allo stesso tempo recupera la tipologia a corte, tipica delle cascine milanesi con i volumi disposti armoniosamente intorno all'aia comune.

Sono proprio gli spazi comuni ad avere un ruolo rilevante nel progetto del campus, teso a moltiplicare le occasioni di incontro, anche informale, per stimolare la contaminazione e condivisione dei saperi. Un compito in parte assolto anche dal verde che, declinato in diverse forme (filari di alberature, campi coltivati, verde spontaneo), diventa l'elemento di connessione visiva tra i nuovi edifici e il resto dell'ospedale, nonché l'estensione naturale degli spazi interni.

Il concetto di un green campus, reso possibile da un'organizzazione ottimale dei flussi carrabili ciclabili e pedonali, non è legato al solo aspetto di verde inteso come paesaggio ma si rivela anche nell'applicazione di una serie di scelte progettuali e di specifiche tecnologie. Una strategia tesa a contenere i consumi energetici massimizzando il comfort degli utenti.
Ad esempio l'orientamento degli edifici e la loro organizzazione con altezze degradanti riveste un ruolo fondamentale per la dispersione del calore, così come la presenza delle corti vetrate interne garantisce un'ottimale illuminazione naturale ai diversi piani mitigata dai brise-soleil o dal verde per evitare abbagliamento e surriscaldamento delle facciate.

(Agnese Bifulco)

Progetto: Filippo Taidelli Architetto - FTA www.filippotaidelli.com
Landscape: Area 68 www.areasessantotto.com
Luogo: Milano, Italia
Fotografie: Andrea Martiradonna


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×