21-08-2019

Cino Zucchi Architetti e RGAstudio Bistrot Lavazza Torino

RGAstudio, Cino Zucchi Architetti,

Michele Nastasi,

Torino,

Ristoranti, Bar, Pasticceria,

A distanza di un anno torniamo alla Nuvola Lavazza. Il progetto che a Torino, nel quartiere Aurora, ha trasformato l’area dismessa dell’ex centrale elettrica nel moderno e nuovo headquarter della famosa azienda italiana del caffè. L'interesse è per uno dei progetti che insieme agli uffici aziendali e al Museo Lavazza completa l'offerta per i collaboratori Lavazza: il Bistrot, il nuovo ristorante/caffetteria, un progetto realizzato da Cino Zucchi Architetti e RGAstudio.



Cino Zucchi Architetti e RGAstudio Bistrot Lavazza Torino

A Torino, nel quartiere Aurora, il progetto di Cino Zucchi Architetti per la Nuvola Lavazza ha trasformato l’area dismessa dell’ex centrale elettrica in un nuovo e moderno headquarter, dando forma architettonica ai valori e agli oltre 120 anni di storia del noto brand italiano. Un progetto complesso che si estende per oltre 30 mila metri quadrati in cui si producono idee e lavoro, cibo e cultura. Nella realizzazione della Nuvola Lavazza sono stati coinvolti professionisti di diversi campi (architettura, food, scenografia e design). Di questo “Golden Team” che unisce Cino Zucchi, Ferran Adrià e Federico Zanasi, Dante Ferretti e Ralph Appelbaum, fa parte anche RGAstudio che con Cino Zucchi Architetti ha firmato il progetto architettonico e di interior design del nuovo Bistrot Lavazza.

L’edificio monumentale dell’ex centrale elettrica Enel, con una superficie di più di 4.500 metri quadrati dove erano in funzione rumorosi macchinari, è stato trasformato da Cino Zucchi Architetti in un grande ambiente flessibile dove si produce un'energia diversa, quella fatta di idee e incontri tra le persone. La "ristorazione" è una delle destinazioni d'uso principali nel progetto di ristrutturazione dell'edificio. Il corpo principale è dedicato al grande spazio eventi della Nuvola Lavazza mentre la navata laterale, che affaccia sulla piazza giardino aperta verso la città, è dedicata al ristorante Condividere e al Bistrot.
Il Bistrot nella Nuvola Lavazza non è la classica “mensa” aziendale ma uno spazio innovativo di ristorazione collettiva aperto a tutti e ispirato alla filosofia di Slow Food.
In seguito ai risultati del concorso di progettazione a inviti, Cino Zucchi Architetti e RGAstudio che avevano presentato i progetti più convincenti e per diversi aspetti complementari sono stati chiamati a presentare una proposta operativa congiunta. All'esperienza e all'eleganza del progetto di CZA si è quindi aggiunta la cura artigianale dei dettagli e l'attenzione ai materiali che caratterizza i progetti degli architetti Raffaele Azzarelli e Giuliano Iamele di RGAstudio.
Il bistrot è situtato al primo e al secondo piano dell'edificio principale. Gli architetti lo hanno organizzato secondo un nuovo layout diverso dalla tradizionale distribuzione su un'unica linea delle mense. Il layout è costituito da tre isole gastronomiche, con nomi ispirati alla storia dell'azienda e tre diversi menù. Dalla hall di ingresso gli utenti accedono al primo piano con le aree di consumazione e le cucine, da qui possono passare al secondo e ultimo livello dedicato alle zone di consumazione più intime e illuminato dal grande lucernario industriale preesistente.
L'interior design degli spazi preserva il carattere industriale dell'edificio ma lo contamina con elementi che richiamano un'atmosfera più familiare e domestica, una scelta che nei materiali si traduce in ferro/vetro per le cucine e legno per gli arredi delle aree di consumazione. Le carte da parati con grafica e i disegni di Gianluca Biscalchin ispirate alle architetture piemontesi danno alle superifici texture ricercate e sofisticate. I colori scelti dagli architetti sono toni chiari e tenui che riflettono la luce naturale proveniente dal lucernario e dalle finestre storiche che danno sul giardino interno, contribuendo alla luminosità dell'ambiente.

(Agnese Bifulco)

Project Name: Bistrot Lavazza
Architectural and interior design: Cino Zucchi Architetti + RGAstudio
Architects in charge: Andrea Viganò, Valentina Zanoni, Raffaele Azzarelli, Giuliano Iamele with: Alberto Brezigia, Antonio Ciampoli, Enrica Mannelli, Olia Khvatova, Eva Kalisz
Location: Italy, Torino, via Bologna 22
Area: 1285 sqm
Project Year: 2018
Graphic project: Gianluca Biscalchin
Lighting project: LTD Lighting Design Team
General Contractor: Colombo Costruzioni
Client: Lavazza spa

Images courtesy of RGAstudio, photos by Michele Nastasi

 


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×