07-06-2019

Brenac & Gonzalez & Associés Archimede un progetto urbano

Brenac & Gonzalez & Associés,

Sergio Grazia,

Parigi,

Scuole & Università, Uffici,

Gres Porcellanato,

Interventi Urbani, Iris Ceramica Group, Fiandre Architectural Surfaces,

Nel quartiere di Bercy a Parigi, in un'area che si sviluppa lungo il percorso ferroviario, lo studio Brenac & Gonzalez & Associés ha realizzato il progetto Archimède. L'edificio con nuovi uffici e un ginnasio occupa solo una parte del lotto, lasciando un nuovo spazio verde inatteso per tutto il quartiere. All'interno le grandi lastre Calacatta Maximum di Fiandre Architectural Surface contribuiscono ad amplificare la luminosità degli spazi di passaggio e delle hall d'ingresso.



Brenac & Gonzalez & Associés Archimede un progetto urbano

Archimede non è solo un edificio, quello progettato dallo studio Brenac & Gonzalez & Associés per il ZAC Bercy-Charenton è infatti un interessante progetto urbano, realizzato con grande cura di ogni dettaglio e scelta dei materiali. Ad esempio l'uso di grandi lastre Calacatta Maximum di Fiandre Architectural Surface, che contribuiscono ad amplificare la luminosità degli spazi di passaggio e delle hall d'ingresso.
Il programma prevedeva uffici e due edifici scolastici: la ristrutturazione di un edificio esistente e un nuovo ginnasio. L'area di intervento, un lotto in prossimità della linea ferroviaria e che si sviluppa intorno a una strada chiusa, ha determinato importanti riflessioni sulla gestione del vuoto urbano. Gli architetti si sono trovati di fronte a un interessante problematica da un lato un quartiere del 19° secolo caratterizzato da edifici che rispettano l'allineamento stradale e palazzi pubblici monumentali, una caratteristica generale del patrimonio urbano di Parigi, dall'altro le spinte di una città contemporanea dove si promuove la condivisione e l'uso del “vuoto” urbano. Il risultato è un edificio che risponde alle richieste della committenza e allo stesso tempo offre un nuovo spazio verde e inatteso per tutto il quartiere.

Gli architetti hanno dato un esempio pratico di come una buona architettura possa inserirsi in modo armonico in un contesto urbano denso e problematico, migliorandolo sensibilmente per tutti. Attraverso il progetto di un edificio si è realizzato un nuovo spazio urbano che dà valore al contesto a cui appartiene scogliendo alcuni nodi irrisolti.
Gli esempi sono innumerevoli e come in un grande puzzle, tutti gli elementi si combinano perfettamente. L'edificio, ad esempio, si sviluppa parallelo alla linea ferroviaria, diventando un fronte urbano, uno schermo acustico che protegge gli edifici residenziali retrostanti dai rumori dei treni. Allo stesso tempo lo skyline della strada chiusa, la rue Gerty Archimède, non è ostruito dal nuovo volume perchè in corrispodenza di questo asse gli architetti hanno collocato il corpo dei collegamenti verticali, realizzato interamente in vetro. Ancora il movimento degli utenti, attraverso questi percorsi trasparenti, crea visivamente delle linee cinetiche che si sovrappongono a quelle dei treni delle sottostanti linee ferroviarie.

La forma dell'edificio è proprio la risultante di quest'opera di ricucitura urbana operata dagli architetti. Le facciate sono differenziate in base agli orientamenti. A Sud ci sono grandi aperture, dove la protezione dall'irraggiamento solare è affidata a una doppia pelle in vetro serigrafato che allegerisce il volume. La facciata viene percepita come una rete evanescente e continua che gioca con la luce, riflettendola nel giardino sottostante. Sul fronte Nord, le facciate sono rivestite da profili metallici estrusi che con il loro ritmo verticale riprendono quello delle facciate a Sud, dando un'immagine coerente all'insieme e allo stesso tempo recuperando in facciata proporzioni evocatrici dello stile Haussmann che caratterizza Parigi.

(Agnese Bifulco)

Project: ARCHIMEDE
Program: tertiary building + public sports equipment
Competition 2014
Delivery 2017
Client: OGIC
Execution management: Builders & Partners
Architect: Brenac & Gonzalez et Associés
BET Fluids: THOR
Acoustics: CAPRI Acoustique
Control office: BTP Consultant
BET Structure: SCYNA 4
BET Facades: VSA
Landscape Architect: Babylone
AMO HQE: THOR
Artistic intervention: Visual System
Surface offices: 14500 m² + gymnasium: 1500 m²
Sustainability High environmental quality
Project Manager Pierre Martin Saint Etienne

Images courtesy of Brenac & Gonzalez et Associés, Photos Sergio Grazia


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×