09-11-2021

Warming Huts, l'iniziativa festeggia i suoi primi 10 anni

Installazione,

Evento, Paesaggio,

Warming Huts, l'installazione annuale di metà inverno di arte e architettura sui fiumi ghiacciati di Winnipeg in Canada, festeggia i suoi primi 10 anni. Un anniversario collegato a quello del concorso Next Landmark, promosso da Floornature, dove il progetto vincitore della prima edizione 2012 era stato realizzato, appunto per Warming Hut, da Kevin Erickson.



  1. Blog
  2. News
  3. Warming Huts, l'iniziativa festeggia i suoi primi 10 anni

Warming Huts, l'iniziativa festeggia i suoi primi 10 anni Siamo consapevoli del potere trasformativo dell’intervento architettonico, dove un gesto costruttivo può cambiare non solo la nostra percezione di un luogo, ma soprattutto il rapporto che si instaura con esso. Un esempio interessante in tal senso è Warming Huts, l'installazione annuale di metà inverno di arte e architettura sui fiumi ghiacciati di Winnipeg in Canada.
Fin dalla sua prima edizione nel 2010 questo progetto ha attirato professionisti da tutto il mondo, ovvero quando ancora c'erano solo cinque capanne, ognuna realizzata grazie alla collaborazione tra un architetto e un artista. In seguito, nel 2012, il progetto è stato ampliato, trasformandolo in un concorso internazionale di design. Ogni anno vengono infatti scelte tre capanne da aggiungere al progetto complessivo, così oggi sono presenti più di 30 e queste, durante l'inverno, favoriscono un uso attivo dei fiumi ghiacciati per il piacere e il benessere degli utenti.  
L’anniversario è stato pure l’occasione per fare una retrospettiva in forma di libro, un’ampia rassegna completa di analisi grafica e scritti critici intitolata Warming Huts: a decade + of art and architecture on ice e pubblicata da Dalhousie Architectural Press. Questa include tutte le capanne costruite nell’arco degli anni e, oltre ai vincitori del concorso, vi è presentato anche il lavoro di artisti visivi come Patkau Architects, Frank Gehry Associates, Rojkind Arquitectos, Luca Roncoroni e Anish Kapoor invitati a partecipare. La pubblicazione include anche capanne e palchi di ghiaccio costruiti con artisti di altre discipline, tra cui la cantante di gola Inuk, Tanya Tagaq, il regista Guy Maddin, il musicista di ghiaccio norvegese Terje Isungset e la band canadese Royal Canoe. Non mancano neppure le capanne degli studenti della Facoltà di Architettura dell'Università di Manitoba (FAUM) e delle scuole superiori locali, così come le capanne di guerriglia che nel corso degli anni si sono intrufolate nella mostra. 
In sei capitoli di scrittura critica le capanne vengono esaminate da diversi punti di vista: in merito al loro significato sociale, al loro giusto posto nella storia di Winnipeg e all’interno del panorama dell'arte pubblica internazionale. Grande enfasi viene inoltre posta sulla poetica e la politica dello spazio pubblico, evidenziando così la varietà di narrazioni architettoniche espresse. Perché proprio di questo si tratta: valutare lo spazio pubblico, in questo caso il fiume ghiacciato, in modo che la comunità possa usufruirne al meglio.
Raccontano i creatori dell’evento, Sputnik Architecture Inc. e The Forks Renewal Corporation, che il significato della loro iniziativa supera il mero gesto architettonico, comunque sempre di grande appeal, come abbiamo avuto l’occasione di constatare nel 2012 con il Rope Pavilion, creato da Kevin Erickson, e vincitore del primo Next Landmark. Lasciamo però a loro la parola: questo è "Un grande esempio di collaborazione e creatività della comunità. ... L'impatto trasformativo che il programma Warming Huts ha avuto nel convertire i fiumi di Winnipeg in un attivo spazio civico invernale è impressionante - ancora di più date le sue umili radici basate sul volontariato. La portata del programma è ambiziosa e regala a Winnipeg un’importante esposizione internazionale”. 
Ora speriamo che i fiumi del Winnipeg continuano a ghiacciare, così potranno continuare a ospitare questo evento anche nella seconda decade di Warming Hut.

Christiane Bürklein

Warming Huts: a decade + of art and architecture on ice
Christine Macy, Susanne Marshall  
Format: Paperback
Product dimensions: 140 pages, 11 X 11.1 X 0.5 in
Published: May 7, 2021
Publisher: Dalhousie Architectural Press
Language: English
ISBN: 9780929112749
Images: see captions

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature