13-08-2020

MO de Movimiento, una trasformazione a regola d’arte a Madrid

Proyectos Conscientes, Gonzalo Machado and Mafalda Muñoz, Lucas Muñoz,

Madrid,

Bar, Tempo Libero,

Recupero, Interior Design,

MO de Movimiento è un progetto di trasformazione intelligente del Teatro Espronceda che parte della vecchia sede della EFE News Agency di Madrid. Di proprietà dell’azienda Proyectos Conscientes, che si basa su valori come la sostenibilità, la responsabilità e l'inclusione sociale, è un’idea curata da Gonzalo Machado e Mafalda Muñoz con il designer Lucas Muñoz.



  1. Blog
  2. Architettura Sostenibile
  3. MO de Movimiento, una trasformazione a regola d’arte a Madrid

MO de Movimiento, una trasformazione a regola d’arte a Madrid MO de Movimiento è una nuova realtà a Madrid, uno spazio per il tempo libero che riflette la trasformazione di cui tutti parlano: il futuro che sta arrivando. Nasce come iniziativa di Proyectos Conscientes, un'azienda fondata nel 2018 da Javier Antequera e Felipe Turell, con l'obiettivo di ridefinire il concetto di successo negli affari e di guidare una trasformazione culturale in città, basandosi su valori come sostenibilità, responsabilità e inclusione sociale. I due imprenditori, infatti, intendono cambiare il modo di fare business, scegliendo nuovi e diversi tipi di redditività, nonché proponendo un nuovo modus operandi.
Così, quando si è presentata la possibilità di trasformare l’ex Teatro Espronceda e parte della vecchia sede della EFE News Agency di Madrid, si sono rivolti al designer spagnolo Lucas Muñoz (Eindhoven/Madrid), un team multidisciplinare e la curatela di Gonzalo Machado e Mafalda Muñoz, al preciso scopo di dare una seconda possibilità a tale preesistenza situata in una posizione strategica nel centro di Madrid. L’obiettivo per Proyectos Conscientes è stato quello di creare uno spazio conviviale accogliente e inclusivo, dove passare del tempo libero di qualità e a basso impatto ambientale. 
Utilizzando, ove possibile, materiali di recupero, secondo le idee dell’economia circolare, tecnologie tradizionali e nuove soluzioni non ancora consolidate sul mercato, la materializzazione del progetto ha implicato anche la rivitalizzazione dei mestieri e il recupero di manodopera specializzata. Ed è così che le macerie della demolizione sono state utilizzate come panche, la cucina è stata piastrellata con elementi provenienti da altre opere e il legno del vecchio locale è stato recuperato per realizzare gli arredi. Dove è stato necessitavano inserire nuovi materiali, sono stati scelti accuratamente, usando materie prime e prodotti artigianali, ecologici e di alta qualità, al preciso scopo di sostenere e aumentare il lavoro dei piccoli produttori spagnoli. Grazie al sapiente mix di riuso e scelte responsabili, i progettisti sono riusciti a ridurre l'impronta ecologica dell’intervento di oltre il 70% rispetto a una trasformazione convenzionale. Per esempio, il riscaldamento diffuso da termosifoni e pavimenti radianti avviene tramite due caldaie artigianali, alimentate con legna proveniente da potatura. Degno di nota è pure l’innovativo sistema di raffreddamento adiabatico, costituito da diverse brocche di argilla forata che pendono dal soffitto. Dotate di ventilatori e acqua, raffreddano e umidificano l'aria calda e secca di Madrid.
Il lavoro, durante i 16 mesi della realizzazione, è stato una continua evoluzione, segnata dalla poetica di un processo che è passato dalla demolizione parziale e recupero della preesistenza all'articolazione delle nuove funzionalità, in alcuni casi improvvisando in tempo reale e innovando, sulla base di test, reinterpretazione e sperimentazione.

La sostenibilità è ovviamente manifestata anche in cucina. Infatti, MO de Movimiento propone un consumo più consapevole, sostenendo piccoli produttori a km0 e offrendo prodotti artigianali ed ecologici di qualità. MO de Movimiento di Proyectos Conscientes contribuisce, inoltre, all'integrazione e sviluppo professionale di chi ha difficoltà ad accedere al mercato del lavoro, nonché sostiene i professionisti e gli artigiani o chi vive nelle vicinanze. 
In conclusione, questo nuovo hub del tempo libero consapevole a Madrid, proprio per il suo essere così avant-garde nelle soluzioni applicate, è già in regola con la maggior parte delle misure post-COVID-19, come l’eliminazione del contante, la presentazione del menu in formato digitale e offre, in più di 1000 metri quadrati tra cui una terrazza con tanto di tetto removibile, sufficiente spazio per garantire il distanziamento tra i clienti.

Christiane Bürklein

Project: Proyectos Conscientes (Javier Antequera, Felipe Turell)
Designer: Lucas Muñoz
Curator: Gonzalo Machado and Mafalda Muñoz
Location: Madrid, Spain
Year: 2020
Images: courtesy of MO de Movimiento
Find out more: https://www.modemovimiento.com/

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature