03-02-2020

Luuwit Park a Portland, Oregon di Skylab e 2.ink Studio

2.ink, skylab,

Stephen Miller, Brian Dalrymple,

Portland, Oregon,

Parco urbano,

Paesaggio,

Skylab ha lavorato in collaborazione con i paesaggisti di 2.ink Studio e l'istituzione Portland Parks and Recreation per rinnovare e arricchire un parco situato in un quartiere a nord-est di Portland. Il team di progettazione si è basato su una strategia integrata, in grado di creare tanto aree di prato autoctono dalla manutenzione limitata, quanto aree per aree dedicate all’attività sportiva.



  1. Blog
  2. Landscaping
  3. Luuwit Park a Portland, Oregon di Skylab e 2.ink Studio

Luuwit Park a Portland, Oregon di Skylab e 2.ink Studio I parchi urbani hanno un ruolo fondamentale nelle dinamiche di un quartiere e per il benessere dei cittadini, sopperendo per molti abitanti al verde che non hanno nelle proprie abitazioni, oltre a essere luoghi di incontro e socializzazione. 
Considerato che nell’area orientale della città di Portland solo 2 su 5 residenti hanno accesso ad un’area verde, l’amministrazione, nell’ambito dell’iniziativa Park Vision 2020, ha deciso di ampliare il vecchio Beech Park, ubicato nel quartiere Argay Terrace, composto da un mix di residenti a lungo termine a cui si sta aggiungendo una popolazione diversificata di nuovi residenti. Un intervento che è stato realizzato dallo studio multidisciplinare Skylab, insieme ai paesaggisti di 2.ink Studio, entrambi di Portland, e il contributo dei residenti coinvolti attraverso workshop e incontri.
Da questa collaborazione è nato il rinnovamento e ampliamento del preesistente Beech Park, a cui è stato aggiunto un terreno non edificato adiacente alla Scuola Elementare Shaver. Inoltre, il parco è anche vicino alla Parkrose Middle School e alla Parkrose High School, offrendo quindi anche uno svago all’aria aperta per molti studenti. 
Il suo sviluppo progettuale introduce così un mix di nuove attività, tra cui un anfiteatro comunitario, un rifugio per picnic, servizi igienici, un'area per i cani, un grande parco giochi, un altro di tipo acquatico e interattivo, aree di parcheggio, percorsi pedonali e un orto comunitario. Mentre le arre dedicate alle attività sportive prevedono un’area per gli skaters, una parete per l'arrampicata, un campo da basket, ping pong e un campo da calcio. 
Il design del parco sfrutta la vista sul Columbia River e lo skyline del lontano Mount St. Helens, collegandolo visivamente al paesaggio locale. Un tale legame si ripercuote anche nel nome del nuovo parco: Luuwit. Si tratta della parola utilizzata dalla tribù dei Cowlitz per il Mount St. Helens, contribuendo così a onorare anche gli indigeni che da tempo immemorabile vivono su questa terra, nonché a riconoscere la storia complessiva della zona. 
L'elemento caratterizzante del parco, con una superficie complessiva di quasi 65mila metri quadrati, è un rifugio multiuso di ca. 163 metri quadrati. Un’architettura, disegnata da Skylab, costituita da un’interconnessione di triangoli equilateri in lamiera d'acciaio forata e zincata. La loro caratteristica forma angolare è ispirata dalle cime delle montagne circostanti, dalle case in legno dei nativi americani e dalle piattaforme per la pesca fluviale. Inoltre, è realizzato con un semplice telaio in tubo d'acciaio, il quale crea uno spazio flessibile per picnic o concerti estivi. Progettualmente però va segnalato che questa struttura, celebrando sé stessa e rivelando i sistemi costruttivi, onora anche la bellezza delle architetture tradizionali degli abitanti originari di quelle terre. 
In conclusione, i collegamenti visivi che attraversano il parco hanno qui il compito di aumentare negli utenti la consapevolezza di essere parte di un ensemble più grande. Infatti, gli elementi che costituiscono il parco, come gli alberi, sono disposti in modo da sottolineare le viste sui monti Hood e St. Helens, nonché a contribuire all’organizzazione delle microarchitetture sparse in tutto il sito, tra cui un piccolo edificio per i servizi igienici rivestito in acciaio.
Il Luuwit Park di Portland ha regalato, per la prima volta, a 1000 famiglie l’accesso al verde pubblico ed è stato insignito del prestigioso Chicago Athenaeum Museum of Architecture and Design: The American Architecture Award 2019.

Christiane Bürklein

Project:
skylab team
Jeff Kovel, Principal, Design Architect, Brent Grubb, Principal-in-charge, Jamin AAsum, Project Director, Eddie Peraza Garzon, Project Designer
Consultant team: skylab (architecture), 2.ink Studio (landscape architecture), 3J Consulting (civil engineering), Peterson Structural (structural engineering), R&W Engineering, Inc. (mechanical engineering), Northwest Geotech, Inc. (geotechnical Engineering), Mauricio Robalino of Artpeople (artist), Ambrosini Design (graphic design), Grindline Skateparks, Inc. (skatepark consulting), Architectural Cost Consultants (cost estimating), Treecology, Inc. (arborist), DEW, Inc. (water feature consulting)
Location: Portland, Oregon, USA
Year: 2017
Photography: Stephen Miller (all still photos), Brian Dalrymple (drone photo only)

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature