06-05-2021

La Casa P2 di monovolume architecture+design come parte integrante del paesaggio

monovolume architecture + design,

Giovanni De Sandre,

Eppan, Italy,

Ville,

Pietra, Metallo,

monovolume architecture+design,

Lo studio monovolume architecture+design di Bolzano ha realizzato Casa P2 ad Appiano, in Alto Adige. La nuova architettura, multigenerazionale, si inserisce nel locale contesto paesaggistico delicatamente, diventandone parte integrante. La stessa scelta dei materiali sottolinea un tale intimo legame tra architettura e paesaggio.



  1. Blog
  2. Materiali
  3. La Casa P2 di monovolume architecture+design come parte integrante del paesaggio

La Casa P2 di monovolume architecture+design come parte integrante del paesaggio Costruire in dialogo con il contesto è uno dei grandi temi dell’architettura contemporanea, una sfida che si può affrontare con diversi approcci, sicuramente la scelta di materiali locali è uno di questi. Così è stato anche per il progetto Casa P2 di monovolume architecture+design, uno studio multidisciplinare di Bolzano, fondato nel 2003 da un gruppo di architetti che si sono conosciuti durante gli studi presso l’università di Innsbruck. 
Quando il committente li ha avvicinati aveva le idee molto chiare, ovvero al posto della vecchia abitazione, immersa tra i filari di Appiano ai piedi della Mendola, voleva costruire una casa multigenerazionale, dove tre generazioni potessero vivere sotto lo stesso tetto, ma senza compromettere la privacy di ogni nucleo familiare.
Considerato che il committente voleva mantenere l’impianto planimetrico della vecchia abitazione, incluso il seminterrato, al preciso scopo di conservare il ricordo e la storia della famiglia con i suoi attrezzi agricoli e la cantina, la preesistenza è stata demolita solo fino al piano terra. Da questo primo intervento è stato quindi ripensato il concetto stesso della casa. Per garantire la connessione, quanto la separazione necessaria per una piacevole convivenza tra nuclei famigliari di età diversa, gli architetti hanno sdoppiato la casa. E lo hanno fatto, come è visibile nelle fotografie scattate con un drone, proponendo due volumi posizionati planimetricamente a T, per un totale di 265 metri quadrati di superficie abitabile. Raccontano gli architetti che ci sono due unità abitative con rispettivi ingressi, due spazi esterni privati che si affacciano l'uno sull'altro, due giardini con relativo spazio per gli animali, gatti da una parte e tartarughe dall'altra, fino alla texture della facciata scorrevole, che si sovrappone due volte. 
Dal punto di vista funzionale, il piano terra in entrambe le ali di Casa P2 è dedicato alla zona giorno, con cucina, soggiorno e accesso al giardino, mentre al primo piano si trovano le camere con ampia terrazza. 
Per i materiali e i colori lo studio monovolume si è fatto ispirare dalla natura circostante, così per il basamento della casa e il muro di recinzione la scelta è ricaduta sul porfido di Monticolo, una pietra locale usata in architettura da oltre 2500 anni. La parte superiore, invece, presenta una facciata metallica in bronzo che, all’altezza delle terrazze, si trasforma in schermo mobile il cui disegno ricorda i filari dei vigneti. Luce filtra così attraverso questo elemento scorrevole, quasi un ricordo visivo ispirato ai masharabbya di provenienza orientale. Questo elemento può apparire come fuori contesto, ma anche nella tradizione di Appiano ha la medesima funzione: permette l'alternanza aperto-chiuso, luce-ombra e quando spalancato regala una vista impareggiabile sulle montagne all’orizzonte.
In questo modo ogni nucleo familiare può godere della propria privacy, pur non mancando spazi ed elementi condivisi. Tra questi, quello più simbolico, è certamente il cipresso al centro della nuova casa che attraversa il piano terra e cresce fino alla loggia.
Con Casa P2 monovolume architecture+design ha firmato un’architettura saldamente legata al proprio territorio, nonostante non faccia ricorso al vernacolare. Una residenza che ripensa un tema antico, ovvero l’abitazione multigenerazionale, ma con un tocco di nuova e contemporanea bellezza.

Christiane Bürklein

Project: monovolume architecture+design
Location: Eppan (Appiano), Italy
Year: 2020
Images: Giovanni De Sandre

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature