21-01-2019

InSitu Garden, verde sostenibile nel Connecticut di Land Morphology

Land Morphology,

Rob Cardillo Photography, Takacs Photography,

Redding, Connecticut, USA,

Paesaggio, Land Art,

Paesaggio, Landscaping,

Lo studio di architettura del paesaggio Land Morphology, di Richard Hartlage con sede a Seattle, ha realizzato InSitu Garden, un’area verde privata che parte dalle particolarità del sito per realizzare un progetto intrinsecamente sostenibile.



  1. Blog
  2. Landscaping
  3. InSitu Garden, verde sostenibile nel Connecticut di Land Morphology

InSitu Garden, verde sostenibile nel Connecticut di Land Morphology Lo studio di architettura del paesaggio Land Morphology, di Richard Hartlage con sede a Seattle, ha realizzato InSitu Garden, un’area verde privata che parte dalle particolarità del sito per realizzare un progetto intrinsecamente sostenibile.


Pensare che il progetto di un giardino sia già di per sé sinonimo di sostenibilità, in quanto “verde”, è ben lontano dalla realtà. Troppo spesso prevalgono ancora i desideri dei committenti, i quali poco conoscono delle piante autoctone e di quanto un progetto paesaggistico possa incidere sull’impatto ambientale, positivo o negativo che sia.
In tal senso InSitu Garden dello studio Land Morphology di Richard Hartlage, con sede a Seattle, per un’area verde privata a Redding, Connecticut, a circa 100 km a nord di New York City, è un esempio virtuoso che integra strutture paesaggistiche ricche di piante. Ovvero hanno creato un giardino che ispira spiritualmente ed emotivamente.
Su una superficie complessiva di 32mila metri quadrati i progettisti di Land Morphology hanno potuto creare ambienti formali diversi tra di loro. Racconta Richard Hartlage: “…abbiamo cercato di catturare l'essenza del paesaggio del Connecticut, utilizzando materiali locali e piante autoctone del nord-est, creando così una profonda unità nel giardino e allo stesso tempo un luogo che parla alla bellezza unica della regione”. 
Un processo lungo e complesso, infatti la progettazione è avvenuta in più fasi, per un periodo di tredici anni, consentendo così di valutare bene la resa e la sostenibilità delle scelte effettuate. Proprio per questo l'intento progettuale e la manutenzione sono monitorati regolarmente, al fine di assicurare una gestione impeccabile di quello che è stato definito uno dei giardini più significativi del Connecticut.
Tra i vari elementi connotanti di InSitu Garden troviamo oltre il viale alberato d’ingresso e una piscina, otto giochi d'acqua, una cucina all'aperto, strutture ricreative, pergole, mura a secco, portali, terrazze e passeggiate. Il tutto abbellito ulteriormente da una collezione di arte figurativa inserita con grande effetto nel giardino, nonché in continuo dialogo con i vicini boschi e le colline in lontananza.
Tutte le mura sono costruite con pietra locale e il Bluestone proviene da una cava a circa 120km dal sito. Per ogni pergolato è stata utilizzata la quercia bianca tagliata e fresata localmente. Per i lavori edili, tra cui le grandi terrazze e la cucina estiva, sono stati chiamati artigiani locali per sottolineare le strategie di sviluppo sostenibile. L'enfasi però è qui puntata sulle piante autoctone, infatti oltre il 75% della vegetazione del giardino fornisce resistenza ambientale, permettendogli di inserirsi perfettamente nella campagna del Connecticut. 
InSitu Garden di Land Morphology, pur non rinunciando a una proprio identità quale risultato di un’attenta progettazione, è veramente una parte del paesaggio locale che invita alla sua stessa contemplazione. In conclusione questo è un manifesto paesaggistico che ha per motto: “Bisogna dar tempo al tempo”. 

Christiane Bürklein

Progetto: Land Morphology
Luogo: Redding, Connecticut, USA
Anno: 2005-2018
Immagini: vedi leggende. Rob Cardillo Photography, Takacs Photography, Land Morphology

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×