16-04-2020

Camp O House di Maria Milans Studio, lavorare e vivere nella natura

Maria Milans Studio, LLC, María Milans del Bosch,

Montse Zamorano,

Claryville, NY, USA,

case vacanze,

Legno,

Camp O è una casa-studio nelle Catskill Mountains, parte della catena degli Appalacchi, nello stato di New York. Qui l’architetto spagnolo Maria Milans del Bosch, dello studio Maria Milans, ha realizzato un edificio dalle forme pulite che reinterpreta la locale architettura vernacolare per inserirsi armonicamente nei boschi circostanti.



  1. Blog
  2. Architettura Sostenibile
  3. Camp O House di Maria Milans Studio, lavorare e vivere nella natura

Camp O House di Maria Milans Studio, lavorare e vivere nella natura Le Catskills, a circa 160 km a nord di New York City, sono note nella cultura americana sia come scenario per film e opere d'arte, tra cui molti dipinti della Hudson River School del XIX secolo, sia quali luoghi amati dai vacanzieri di New York già da metà del XX secolo. Negli ultimi anni questa regione sta vivendo un revival, essendo la meta preferita da coloro che fuggono dalla metropoli alla ricerca di una vita a contatto con la natura.
Qui, nel cuore delle Catskills a 1000 metri di altitudine, troviamo la Camp O House di Maria Milans del Bosch, fondatrice dello studio Maria Milans con sede a New York e Madrid. La casa sorge su di una radura raggiungibile attraverso un sentiero tra querce, betulle e aceri ad alto fusto.
L’edificio, con una superficie calpestabile di 205 metri quadrati, è un volume stretto e lungo (7,3 x 17,6 metri) che sfrutta la pendenza e la posizione del sito, limitando la propria impronta sul terreno. La sua suddivisione in due sezioni, 7,3 metri la prima e 10,3 la seconda, ha permesso di realizzare anche il tetto inclinato a due falde. Per far fronte al 10% di pendenza Nord-Sud e al 20% di Est-Ovest del sito, Maria Milans ha ideato una soletta in cemento armato e un muro di contenimento a forma di U. Quest’ultimo in particolare si apre verso il lato opposto del viale d’accesso, offrendo una vista meravigliosa sul monte Wildcat e sulla valle.
Per l’esecuzione della casa e limitare l’impatto ambientale, l’architetto ha scelto, grazie alla sua abbondanza, al basso costo, alla leggerezza e alla facilità di manipolazione e trasporto, il legno quale principale materiale da costruzione. In facciata troviamo il cedro trattato con Shou Sugi Ban, una tecnica giapponese di carbonizzazione che lo protegge dall'acqua, dal fuoco, dagli insetti e non richiede manutenzione. Il legno acquisisce così una texture cangiante che riflette la luce e i colori in tutte le stagioni. Inoltre, invecchiando si fonde con il paesaggio circostante.
Altra soluzione progettuale sostenibile qui applicata, per massimizzare il comfort interno e ridurre al minimo il consumo di energia, è stata la distribuzione delle aperture sulle facciate est e ovest, ottenendo una ventilazione trasversale, un'esposizione ottimale alle radiazioni solari e la protezione dai venti. E non solo, è stato applicato anche un isolamento tra il rivestimento esterno in grado di eliminare i ponti termici. Una scelta progettuale che ha permesso di lasciare esposta la struttura all’interno, un tratto caratterizzante di Camp O House. 
In questa abitazione il dialogo tra esterno e interno non avviene solamente attraverso le finestre che incorniciano la vista, ma anche a livello formale, in quanto Maria Milans nella distribuzione degli interni imita l'approccio al sito. E lo fa attraverso un ambiente a doppia altezza con soggiorno, sala da pranzo, cucina aperta e uno studio che riprende il concetto della radura. Mentre uno spazio stretto e lungo con luce indiretta, proveniente dalla scala, fa da eco al sentiero. In quest’area della casa troviamo quattro camere da letto e tre bagni suddivisi su due piani.
Questa abitazione, che possiamo ammirare negli scatti della fotografa Montse Zamorano, è una cassa di risonanza che intensifica l'esperienza dell'esterno all'interno, infatti il suo inserimento nel sito, la sua volumetria e la sua materialità, sono gli stessi della tradizione rivisitata in chiave contemporanea. E il tutto per un soggiorno memorabile in un paesaggio dal fascino centenario.

Christiane Bürklein

Architect: Maria Milans Studio, LLC, María Milans del Bosch
Project team: Jocelyn Froimovich
Structural Engineering: LIA Engineering, LLC, Luke Amey
Sustainability Consultant: I + I Studio, Ignacio Medina e Isabel Silvestre
Location: Claryville, NY, USA
Year: 2018
Photographer: Montse Zamorano

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature