17-09-2019

Pierattelli Architetture interior di ex casa colonica in Toscana

Pierattelli Architetture,

Iuri Niccolai,

Toscana, Italia,

Ville,

Interior Design, Recupero,

L'immagine di ex casa colonica immersa nella campagna toscana non è stata alterata dal progetto dello studio Pierattelli Architetture. Gli architetti hanno ripensato l'interior di una importante villa rustica, Maison Ache, in Toscana per trasformarla in una residenza contemporanea ed eclettica ma nel rispetto dell'architettura e dello stile rurale del luogo.



Pierattelli Architetture interior di ex casa colonica in Toscana

La Toscana è una regione dell'Italia centrale, apprezzata e nota in tutto il mondo. Deve la sua fama non solo all'immenso patrimonio artistico, alle sue città e ai siti UNESCO ma anche ai suoi straordinari panorami dal litorale costiero all'entroterra, dove la bellezza del paesaggio naturale, costituito da dolci colline e piante centenarie, si fonde con la presenza dell'uomo segnalata da campi coltivati, borghi e castelli medievali, antiche pieve e suggestive abbazie, senza dimenticare piccoli e grandi edifici rurali disseminati nella campagna.
Lo studio Pierattelli Architetture, fondato proprio in Toscana a Firenze nel 1980 dall'architetto Massimo Pierattelli, ha accettato la sfida proposta da una famiglia francese che ha deciso di fare di un ex edificio rurale immerso nella campagna toscana il proprio rifugio di pace e relax. La richiesta rivolta agli architetti dello studio Pierattelli era quella di realizzare una residenza contemporanea ed eclettica ma nel rispetto dell'architettura e dello stile rurale del luogo.

Maison Ache, questo il nome della residenza, ha tutte le caratteristiche di quelle costruzioni rurali, molto spesso isolate, che costituiscono e contraddistinguono il paesaggio toscano. Lo studio Pierattelli Architetture ha quindi predisposto un progetto con cura sartoriale, modellandolo non solo sulle esigenze della famiglia committente ma anche sul contesto naturale in cui la casa colonica è inserita.
Gli stessi architetti hanno spiegato che “il carattere dell’edificio è stato preservato nel rispetto dell’architettura e dello stile rurale tipico del luogo, mentre gli spazi interni sono stati reinterpretati secondo un equilibrato mix tra tradizione e contemporaneità, genius loci e suggestioni etniche, per rispondere alle esigenze della vita familiare rimanendo fedeli alla natura e al fascino del territorio”. È stato conservato l'impianto generale dell'ex casa colonica, una costruzione in muratura su tre piani, con facciate intonacate e copertura a falde inclinate rivestita da coppi e tegole tipici. Si tratta di una costruzione realizzata originariamente nella prima metà del 1900 e che a partire dagli anni '70 è stata trasformata quando, persa la sua funzione agricola, è diventata esclusivamente edificio residenziale. Oggi si presenta come un volume dalla geometria tradizionale, semplice con ampio portico e costruito in piano su un’ampia aia in cotto. L'aia a sua volta poggia su uno spazio usato in passato come limonaia e oggi trasformato dagli architetti in palestra. A completare le dotazioni sportive e di relax della Maison Ache, a poca distanza dalla costruzione principale, è una grande piscina a sfioro da cui si può godere di un panorama mozzafiato sulla vallata. L'intonaco bianco della casa, coronato dai suoi laterizi rossi, si distingue immediatamente dalle altre strutture rustiche presenti che, come i muretti di contenimento, sono tutte in pietra faccia a vista.

Nella definizione dell'interior design gli architetti hanno conservato e valorizzato alcuni elementi esistenti e attualizzato quelli obsolenti. Lo scopo, raggiunto, era creare ambienti razionali ed eclettici in cui potessero convivere armonicamente materiali locali, memorie della famiglia provenienti da Paesi lontani, arredi progettati su misura dallo studio Pierattelli Architetture e oggetti – icone del design contemporaneo. Il tutto in un dialogo visivo costante con il contesto naturale della campagna toscana che è presente in ogni spazio grazie alle aperture, dalle finestre ai grandi archi del portico, sapientemente valorizzate.

(Agnese Bifulco)

Client: Private
Studio: Pierattelli Architetture https://www.pierattelliarchitetture.it/
Project: Arch. Massimo Pierattelli
Design team: Arch. Andrea Pierattelli, Arch. Antonio Saporito, Arch. Erica Bonaccorso
Total surface area: 1200 sq.m.
Date: 2016 -2018
Location: Tuscany, Italy

Images courtesy of Pierattelli Architetture, photo by Iuri Niccolai


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×