14-04-2020

NextLandmark International Contest la nona e nuova edizione: un giardino educativo a Fiorano Modenese

Fiorano Modenese,

Asilo,

Evento, Iris Ceramica Group, Paesaggio, NextLandmark,

NextLandmark il contest internazionale per architetti e designer promosso da Floornature, il portale di architetture e design edito da Iris Ceramica Group, è giunto alla nona edizione. Innovandosi anno dopo anno, il contest internazionale propone per l'edizione 2020 una nuova formula legata al concorso di idee. Ai partecipanti è infatti chiesta una proposta ideativa per le nuove aree esterne dell'asilo infantile “Casa Coccapani” a Fiorano Modenese (MO).



NextLandmark International Contest la nona e nuova edizione: un giardino educativo a Fiorano Modenese

Prende il via oggi NextLandmark International Contest 2020: “Un giardino educativo a Fiorano Modenese.
Il contest internazionale promosso da Floornature, il portale di architetture e design edito da Iris Ceramica Group, per questa nona edizione innova la sua formula legandola a un concorso di idee. Ai partecipanti, giovani professionisti e neolaureati nell'ambito delle discipline del design, dell’architettura, della progettazione urbana e del paesaggio, è infatti richiesto di elaborare un'idea per la riorganizzazione delle aree esterne dell’asilo infantile “Casa Coccapani” di Fiorano Modenese (MO).
Se nell'edizione 2019, i partecipanti erano chiamati a presentare nuovi modi di vivere lo spazio pubblico e urbano come opportunità economica, ambientale e di consolidamento dell'appartenenza collettiva. Per questa nuova edizione si vogliono raccogliere idee inedite per ripensare allo spazio pubblico e aperto, come luogo per la crescita e l'apprendimento dei più piccoli, dove si crei un rapporto tra individuo, comunità e spazio naturale. Dove quindi si gettano i semi per quel percorso individuale e in comunità che ha come fine la cura e la conservazione di tutte le creature viventi.

Il luogo prescelto per il concorso di idee è l'area esterna dell’asilo infantile “Casa Coccapani” di Fiorano Modenese (MO). L'edificio è stato recentemente oggetto di un intervento di adeguamento sismico e recupero edilizio, la sistemazione delle aree esterne diventa quindi un ideale completamento degli interventi già realizzati. Un problema concreto e reale con cui i giovani architetti e designer sono chiamati a confrontarsi attraverso la proposizione di idee secondo determinate specifiche sia tecniche che di budget, contenute nel regolamento. È, per esempio, richiesto di elaborare idee che non comportino l'abbattimento della vegetazione esistente o modifiche sostanziali delle aree carrabili. Interventi poco invasivi, ma che diano importanza alla qualità e materialità delle superfici, con configurazioni flessibili e multiuso. Spazi che stimolino all'inclusività, alla cooperazione, all'accoglienza e alla coesione sociale, per contribuire allo sviluppo di un senso civico di comunità.

A tal fine il bando richiama l'attenzione non solo sugli aspetti architettonici, ma anche su precise qualità e caratteristiche del progetto, come: Bellezza e semplicità/ Benessere fisico e mentale/ Inclusività e accessibilità / Condivisione, accoglienza e diversità / Flessibilità e adattabilità / Economicità dell’intervento. Arrivando fino all'individuazione di tipologie di spazi ben precise e indispensabili come: la “community zone”, un'area priva di ostacoli per il movimento libero degli utenti; l'”outdoor zone” dedicata all'esplorazione della natura con essenze e varietà adatte ai bambini. A cui si aggiungono eventuali altre aree con precise vocazioni esperienziali.

Il bando del contest non manca di porre l'accento sulla responsabilità sociale che per un progettista rappresenta il progetto di spazi destinati alla crescita e all'apprendimento delle future generazioni. È noto infatti che l'esperienza diretta è la migliore forma di apprendimento, in questo ambito quindi la qualità degli spazi ha un ruolo fondamentale per la crescita del bambino, che notoriamente vive il contesto urbano e ambientale in modo molto più fisico e senza sovrastrutture rispetto all'adulto. Come da tradizione al NextLandmark International Contest possono partecipare i giovani progettisti e creativi delle discipline dell'architettura e del design laureatisi a partire dal 2010, la partecipazione è ammessa solo in forma individuale. Date limite per l'invio degli elaborati è il 30 maggio 2020 . A insindacabile giudizio della giuria sarà scelto un solo vincitore che riceverà come premio: una borsa di studio per la partecipazione al Master in Sustainable Design di SOS- School of Sustainability, la scuola di sostenibilità fondata a Bologna dall'architetto Mario Cucinella, il viaggio di andata per la città di Bologna, la diffusione del progetto sui media di Iris Ceramica Group e l'attestato di vittoria del NextLandmark International Contest 2020.


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature