31-07-2020

Intervista a Diego Granese: Uffici Caffè Motta a Salerno

Granese Architecture Design Studio,

Fabiana Marinò,

Salerno,

Uffici,

Interviste, Iris Ceramica Group, Iris Ceramica, FMG Fabbrica Marmi e Graniti,

L’architetto Diego Granese racconta della collaborazione tra Granese Architecture Design Studio e Iris Ceramica Group per la nuova sede di uffici del marchio Caffè Motta a Salerno. Emerge la grande versatilità del gres porcellanato nel settore commerciale e negli ambienti di rappresentanza.



Intervista a Diego Granese: Uffici Caffè Motta a Salerno

Floornature intervista l’architetto che ha progettato la nuova palazzina di uffici per e presso lo stabilimento del marchio Caffè Motta, nella zona industriale di Salerno. Con una ricca esperienza nello sviluppo di interni legati alla ristorazione, ai servizi e al retail, l’architetto Diego Granese, fondatore nel 2000 di Granese Architecture Design Studio con sede sul lungomare di Salerno, si è occupato degli interni del nuovo complesso per uffici. Lo studio del marchio committente, noto produttore italiano di caffè tostato, e la necessità di trasferire per mezzo dell’architettura valori e atmosfere legate alla corporate, avviano la collaborazione con l’azienda di rivestimenti Iris Ceramica Group.
L’esigenza di pavimentare e rivestire ampie superfici con materiali di grande resistenza, ma anche di forte impatto visivo e spaziale, portano alla scelta, in particolare, delle grandi lastre in ceramica tecnica a marchio FMG Fabbrica Marmi e Graniti. Le cromie delle superfici guardano al mondo del caffè e alle molteplici sfumature storicamente associate a questo prodotto.
L’edificio, completamente vetrato, presenta una pianta regolare e una distribuzione su due piani. La hall d’ingresso al piano terra fa da filtro tra gli ambienti operativi a sud, in collegamento con lo stabilimento, e quelli dirigenziali e di rappresentanza nell’ala nord. Il piano terra presenta laboratori, sala degustazione, sala conferenze, servizi e bar aziendale, mentre il primo livello è riservato agli uffici e alle sale riunioni. Qui gli ambienti sono scanditi verticalmente da pareti a tutta altezza in vetro fumè bronzo e orizzontalmente dalle lastre in ceramica tecnica Lavica Dark di FMG nella grande dimensione di 3x1 metro. Lo spazio del piano, aperto e permeabile, risulta così dotato di grande profondità di campo. Al piano terra invece le superfici a pavimento effetto marmo Gaudi Stone 3 metri x 1,5, dialogano da un lato con le grandi vetrate delle pareti perimetrali e dall’altro con scaffali e boiserie in legno di palissandro nelle sale. Di particolare suggestione qui la scelta delle texture Sahara Noir con riflessi dorati, utilizzate, con lavorazione personalizzata, anche per i piani dei tavoli quadrati nella “sala del gusto”.

Caffè Motta, uno storico produttore di caffè di Salerno, vi ha chiamato per progettare la sua nuova sede. Quali sono state le sue prime riflessioni?
Ci eravamo già occupati di allestimenti fieristici per il brand Caffè Motta, lavorando sulla valorizzazione dell’immagine aziendale. Eravamo partiti da colori scuri caldi, come nero e marrone, a cui negli anni abbiamo aggiunto anche il crema, il verde, il bronzo, avvicinandoci così alle atmosfere che tipicamente rimandano al caffè. Il progetto dei nuovi uffici è nato da queste riflessioni. Di conseguenza, abbiamo immaginato per gli interni delle luci d’ambiente, di atmosfera, mai troppo nette e dirette, come esito di una ricerca che il mio studio sta conducendo con successo nel settore dell’office design. Il brand Caffè Motta è molto forte, rappresenta una capacità produttiva, ma anche l’importanza di un rito, quello del caffè, che nel Sud d’Italia e nei Paesi Arabi è ritenuto sacro: le nostre scelte si sono fondate su questo.

La richiesta era per la concezione di un nuovo edificio o si concentrava solo sugli interni?
Come propaggine dello stabilimento, la struttura prefabbricata in cemento in cui avrebbero trovato sede gli uffici richiedeva una nuova pelle, la sistemazione dell’area esterna e tutti gli interni. Come involucro abbiamo sperimentato l’uso dei vetri fumé con serramenti in bronzo, recuperando toni e materiali utilizzati negli anni Settanta e portandoli a nuova vita, accostandoli per contrasto alla pavimentazione esterna in Basalto Bianco di FMG. In corrispondenza dell’ingresso, l’ampiezza della superficie pavimentata è di 6 metri e l’effetto che scaturisce è quello di un grande basamento su cui spicca il blocco essenziale e nero degli uffici e che oggi è ampiamente vissuto come luogo di sosta, di conversazione. L’andamento verticale dei grandi vetri è stato accostato a quello delle querce prospicienti, creando un esterno ispirato a una tipica piazza urbana.

Come è stato pensato invece il layout interno, dal punto di vista degli spazi e del programma?
All’interno le atmosfere calde si accentuano. Era desiderio della committenza avere ambienti non esclusivamente riservati al personale, ma aperti al pubblico per la degustazione e la condivisione delle opinioni. Quindi noi abbiamo progettato la cosiddetta “sala del gusto”, che attraverso una parete mobile dà direttamente nella sala meeting, creando all’occorrenza uno spazio unico molto grande per eventi di formazione o come salone delle feste. Nel desiderio di aprire la sede alla clientela, al piano terra è stata progettata una caffetteria, per i rivestimenti della quale abbiamo scelto le cromie May Brown, un materiale con vari decori di piccole dimensioni di Iris Ceramica, ispirato ai toni e al calore del caffè. L’obiettivo ben chiaro era la coerenza d’insieme.

Per questo tipo di ambienti, operativi ma anche di rappresentanza, quali aspetti vi hanno fatto decidere per un materiale come il gres e per le grandi lastre?
Per me il primo valore di queste lastre sta nello spessore, ridottissimo rispetto al marmo naturale, a fronte di un effetto estetico altrettanto alto. Potendo poi avere giunzioni quasi impercettibili, le superfici che si realizzano possiedono un effetto architettonico di grande impatto. Inoltre, in questo come in altri progetti di spazi per uffici o commerciali, c’è stata l’esigenza di differenziare funzioni e utilizzi. Il grande vantaggio di lavorare a livello industriale con il gres è avere a che fare con un’azienda dal catalogo molto ampio che è possibile consultare per ogni tipo di esigenza. Questo ci ha consentito di declinare il piano terra, che ha ambienti di rappresentanza, con lastre più preziose e di abbassare i costi al piano superiore, più operativo, pur confermando la scelta delle grandi lastre e quell’effetto monolitico che dona respiro agli spazi. Il valore del prodotto si associa così anche a un costo globale accessibile per il committente.

Come è nata poi l’idea di progettare pezzi speciali, su misura, con funzione di elementi d’arredo?
Approfondendo le caratteristiche tecniche e le possibilità d’uso dei materiali più avanzati di FMG Fabbrica Marmi e Graniti, abbiamo capito che avremmo potuto sviluppare una serie di declinazioni di utilizzo, come il rivestimento del banco reception o delle porte raso muro dei bagni, grazie ai ridottissimi spessori, quindi al minor peso sulle cerniere, e alla resistenza all’usura. Questo ha portato alla creazione di una serie di dettagli unici che oggi contraddistinguono il progetto. Per esempio, i tavoli della “sala del gusto” hanno piani quadrati realizzati con un’unica lastra Sahara Noir di FMG, un prodotto che avevo già conosciuto in occasione di altre realizzazioni di interni e che trovo straordinario dal punto di vista estetico. L’abbinamento dei suoi riflessi dorati con il legno di palissandro, che riveste alcune pareti dell’ambiente, ha prodotto quell’atmosfera elegante che stavamo cercando per questo tipo di spazi. Con gli uffici di Caffè Motta credo di essere riuscito a realizzare quel progetto totalizzante che nasce dall’architettura, passa per gli interni e tocca anche il design. Insomma, di essere riuscito davvero a trasmettere l’idea di fare “un tuffo nella tazzina del caffè”.

Architetto: Granese Architecture Design Studio
Luogo: Salerno, via Roberto Wenner (Italy)
Completamento: 2019
Cliente: Caffè Motta

FMG Fabbrica Marmi e Graniti:
Pavimentazione uffici piano terra e corpo scale: Gaudi Stone lucidato, 150x300
Pavimentazioni e rivestimenti uffici piano primo: Lavica Dark, 100x300
Banco reception: Eramosa lucidato, 150x300
Tavoli “sala del gusto”: Sahara Noir 150x150
Bagni uffici piano terra: Gaudi Stone lucidato 100x300
Bagni uffici piano primo e rivestimenti porte: Lavica Dark 100x300
Pavimenti esterni: Basalto Bianco r11 (antiscivolo), 60x120

Iris Ceramica:
Caffetteria rivestimento May Brown 10x20, pavimento Calx Moka 20x45

Fotografie: © Fabiana Marinò


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature