1. Home
  2. Architetti
  3. Biografie
  4. Frank Owen Gehry

Frank Owen Gehry


Biografia

Nato a Toronto, Frank Owen Gehry (1929) si trasferisce a Los Angeles nel 1947: compie dapprima studi artistici, quindi si dedica all’architettura, laureandosi nel 1954.
Collabora agli inizi con lo studio Victor Gruen Associates e si specializza in pianificazione urbanistica all’Harvard Graduate School of Design.
La sua opera s’inserisce nella corrente post-modernista e nel decostruttivismo, di cui è unanimemente riconosciuto come uno dei principali esponenti.

Nei suoi edifici, la caratteristica scomposizione e i ri-assemblaggi “apparentemente illogici” introducono tuttavia un costante “dialogo tra le forme del passato e quelle attuali”, rivelando “un approccio alla forma e ai materiali che si ispira alla pittura e alla scultura” (Lum).
Tra i molti tratti peculiari del suo stile c’è la leggerezza formale, le linee oblique, l’utilizzo di materiali spesso non comuni. Dopo i primi incarichi, tipicamente modernisti e “californiani”, Gehry apre il proprio studio a Santa Monica nel 1962, iniziando anche un’attività didattica in molte scuole ed università.

Tra le opere del primo periodo, si segnalano la casa e lo studio Danziger a Hollywood (1965), l’O’Neil Hay Barn (1968), l’abitazione del pittore Ron Davis a Malibu (1972).
Nel corso degli anni Ottanta Gehry trasforma “radicalmente l’idea stessa dell’abitazione unifamiliare”: ne sono esempi la sua residenza a Santa Monica, (1978) e le case Benton e Norton (1984).
La sua dichiarazione “l’architettura e l'arte sono la stessa cosa” si vede appieno nell'intervento presso il MOCA - Museum of Contemporary Art di Los Angeles (1982), la cui relazione con lo spazio urbano circostante enfatizza l'impronta artistica del progetto o in opere come la Casa Danzante a Praga (1996), realizzata in stile “neo-barocco”.

Tra gli anni Ottanta e Novanta, oltre a numerose abitazioni, realizza alcuni tra i principali musei contemporanei: il Cabrillo Marine a San Pedro (1981), il California Aerospace Museum e il California Museum of Science and Industry, entrambi a Los Angeles (1984); il Museum of Art a Santa Monica (1988); il Frederick Weisman Museum of Art a Minneapolis (1993).
Ma sono in particolare due celeberrimi musei ad assumere particolare rilievo nel contesto del suo percorso costruttivo: il Vitra Design Museum in Germania (1989), prima opera di Gehry in Europa e il notissimo Guggenheim Museum a Bilbao, Spagna (1997), uno dei 4 musei della Fondazione Guggenheim, con Venezia, New York e Berlino.

Sede della celebre azienda di design Vitra con oggetti che hanno fatto la storia del settore, il museo Vitra a Weil-am-Rhein rappresenta oggigiorno un "vero e proprio parco architettonico", grazie ai vari interventi di ampliamento attuati nel corso degli anni da Zaha Hadid, Alvaro Siza e Tadao Ando, tra gli altri.
Esempio perfetto del decostruttivismo dell'architetto, il Guggenheim Museum a Bilbao "presenta una struttura esterna completamente scolpita, che segue contorni quasi organici, mentre all’interno non esiste una sola superficie che sia completamente piana", come afferma lo stesso Gehry che l'ha anche definito un “innovativo strappo linguistico” nel personale percorso architettonico.

Esteriormente, le forme curve e brillanti del titanio, preferito all'acciaio, sono state studiate singolarmente per la specifica funzione che devono assolvere: metaforicamente ricordano le squame dei pesci e l'intera struttura di 24.000 mq. (riconosciuta come uno dei 12 tesori di Spagna) ha la forma di una nave, mentre le finestre hanno invece paradossalmente una "struttura razionale", in virtù del contrappunto architettonico tanto amato da Gehry.
In molti casi Gehry sperimenta particolari software di progettazioni, verso forme sempre più complesse. Tra i progetti compiuti nei primi anni Duemila, l’Experience Music Project a Seattle (2000); il complesso della DZ Bank a Berlino (2001); la Walt Disney Concert Hall, nuova sede della Filarmonica di Los Angeles (progetto del 1989, terminato nel 2003).

Tra i progetti più recenti, la Beekman Tower (formalmente 8 Spruce Street), maestoso grattacielo di 76 piani a Manhattan, premiato con il Emporis Skyscraper Award nel 2011. Caratterizzato esteriormente dall'ondulazione delle facciate e un "basamento di cinque piani in mattoni il cui stile architettonico rispetta quello degli edifici circostanti", la Beekman Tower è stata elogiata dalla critica per la bellezza delle sue forme che valorizzano l'intero skyline newyorchese.
Al suo interno, una scuola e un ospedale, oltre ai singoli appartamenti ognuno dei quali ha una differente configurazione interna.
Il Biomuseo di Panama City (2014), progettato fin dal 1999, è il primo lavoro di Gehry in America Latina: con le sue 8 sale arricchite da esposizioni permanenti e grandi acquari, il Biomuseo racconta non solo la storia naturale, le biodiversità e gli aspetti peculiari dell'istmo di Panama, ma anche la sua storia, le relazioni e la cultura del paese.

All'esterno, è di nuovo evidente il legame con la scultura: con i suoi volumi frammentati, i colori caldi e saturi tipici dell'America Latina, i moduli inclinati e quasi sospesi, il Biomuseo si erge come una costruzione sospesa all'entrata sud del Canale, tra l'Atlantico e il Pacifico, per un impatto visivo sorprendente ed affascinante.
Si segnalano inoltre l'istituto di salute mentale Lou Ruvo Brain Institute a Las Vegas (2009) e l'imponente sala concerti New World Center a Miami (2011).
Tra i molti premi che gli sono stati conferiti nella lunga carriera, il Pritzker Architecture nel 1989, la National Medal of Arts nel 1998, la Medaglia presidenziale della libertà nel 2016.
 
Frank Owen Gehry opere e progetti famosi
 
- Residenza privata per Michael Eisner, Basalt, Colorado (USA), 2018
- Residenza personale, Santa Monica, California (USA), 2017
- Pierre Boulez Concert Hall, Berlino (Germania), 2017
- Facebook West Campus, Menlo Park, California (USA), 2015
- Dr. Chau Chak Wing Building, Sydney (Australia), 2014
- Louis Vuitton Foundation, Parigi (Francia), 2014
- Biomuseo, Panama City (Panama), 2014
- New World Center, Miami Beach (USA), 2011
- 8 Spruce Street (Beekman Tower), New York (USA), 2011
- Lou Ruvo Brain Institute, Las Vegas, Nevada (2009)
- Rinnovamento dell’Art Gallery of Ontario (AGO), Toronto (Canada), 2008
- IAC Building, New York (USA), 2007
- Walt Disney Concert Hall, Los Angeles, California (USA), 2003
- DZ Bank, Berlino (Germania), 2001
- Museum of Pop Culture, Seattle, Washington (USA), 2000
- Nuova dogana, Dusseldorf (Germania), 1999
- Guggenheim Museum, Bilbao (Spagna), 1997
- Casa danzante (con Vlado Milunić), Praga (Repubblica Ceca), 1996
- National Nederlanden Building, Praga (Rep. Ceca), 1996
- Sede amministrativa del Team Disney, Anaheim, California (USA), 1995
- Sede della Vitra International, Birsfelden (Svizzera), 1994
- American Center, Parigi (Francia), 1994
- Center for the Visual Arts, Toledo, Ohio (USA), 1993
- Weisman Art and Teaching Museum, Minneapolis, Minnesota (USA) 1993
- Yale Psychiatric Institute, New Haven, Connecticut (SA), 1989
- Vitra Design Museum, Weil-am-Rhein (Germania), 1989
- Casa Benson, Calabassas, California (USA), 1984
- Casa Norton, Venice, California (USA), 1984
- Loyola Law School, Los Angeles, California (USA), 1984
- California Museum of Science and Industry, Los Angeles, California (USA), 1984
- California Aerospace Museum, Los Angeles, California (USA), 1982
- Cabrillo Marine Museum, San Pedro, California (USA), 1981
 
Sito ufficiale
 
www.foga.com

Correlati: Frank Gehry

Architetti più visti


Correlati

19-06-2019

SHoP Architects a SpazioFMG per l'Architettura Milano

Il 13 giugno è stato inaugurato il nono appuntamento del format The Architects Series,...

More...

18-06-2019

Architetture in Indonesia: una micro-biblioteca e una residenza

Sono due le opere selezionate in Indonesia per l'edizione 2019 dell'Aga Khan Award for Architecture...

More...

17-06-2019

DEGW di Lombardini 22 Le Village Crédit Agricole Milano

DEGW, brand di Lombardini 22 dedicato alla progettazione integrata di ambienti per il lavoro, firma...

More...



Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×