04-10-2011

Film-Obrasdearquitectura: casa Santa Rita

Film-Obras De Arquitectura,

Gustavo Sosa Pinilla,

Buenos Aires, Argentina,

Housing, Ville,

Legno,

Si inserisce nel quartiere residenziale di Santa Rita a Buenos Aires, l’abitazione monofamiliare di Film-Obrasdearquitectura, un progetto che declina il modello della residenza con piscina, copertura a terrazza e accesso diretto dall’interno al giardino. L’opera è un omaggio al legno di Guatambù, materiale di cui è costituito il pavimento di tutto il piano terra e la grande e massiccia scala, fulcro della casa.



Film-Obrasdearquitectura: casa Santa Rita Riflettendo sulle peculiarità di una casa per soggiorni cittadini, lo studio Film-Obrasdearquitectura fornisce la propria interpretazione del progetto di abitazione privata su più piani con giardino. Ispirata alla forma del lotto rettangolare, la residenza presenta una pianta regolare e sviluppata in lunghezza, a cui si affianca, secondo l’uso del quartiere, una vasca d’acqua rettangolare a sua volta. Quattro piante ad alto fusto sono collocate in quattro punti nevralgici del lotto, disegnando l’equilibrio di geometria che governa il progetto. A queste si aggiungono, l’albero che ha determinato la posizione della piscina e il cui recinto è una scusa per ricavare un punto di seduta e contemplazione del giardino e, in corrispondenza inversa, l’albero che ha determinato la collocazione della casa, che sancisce l’ingresso, emergendo dalla pavimentazione del cortile in ciotoli di porfido della Patagonia.
A questa impostazione paesaggistica non poteva che corrispondere il medesimo rigore compositivo negli interni. Sviluppata su tre piani, la casa divide nettamente la zona giorno, collocata al piano terra e la zona notte al piano primo, riservando la copertura per un’ampia e libera terrazza.
Mentre il piano primo, compatto e introspettivo, funge da protezione climatica per il livello di terra, quest’ultimo vive della relazione con il giardino, su cui si spalanca sia in direzione della piscina che in direzione del prato, grazie a finestre e porte a tutta altezza, che determinano la flessibilità dello spazio. Annuncia il dialogo con il paesaggio la presenza del parquet di Guatambù, un legno molto resistente originario del Sud America, utilizzato come un manto naturale in tutto il piano terra, nel soggiorno come nella cucina, senza alcuna interruzione, fino ai confini della casa dove inizia il prato.
Crea continuità tra il piano terra con il primo un’imponete scala in legno, impiallacciata in Guatambù come se fosse una prosecuzione del pavimento, e dalla presenza chiave perchè in grado di riportare l’equilibrio della casa, rivolta al giardino, verso l’interno. Il soggiorno a doppia altezza ne accompagna la salita, assicurando la continuità fruitiva tra stanze dedicate all’attività e stanze dedicate al riposo.
Le tre camere da letto e i due bagni del piano primo rispettano infatti la necessità di privacy, intimità e silenzio e sono caratterizzate da basse finestre a nastro che limitano lo scambio termico con l’esterno, aiutando a mantenere una temperatura ambientale gradevole anche al primo livello.
La scala conduce infine alla copertura calpestabile e completamente adibita a terrazza da cui si gode di una vista a 360 gradi sul giardino.

Mara Corradi

Progetto: Film-Obrasdearquitectura / Carlos Fernandez, Jorge Isaias, Gabriel Lanosa, Claudio Maslat
Committente: Privato
Luogo: Carlos tejedor 385, barrio Santa Rita, Boulogne, Buenos Aires
Progetto delle strutture: Pedro Gea
Superficie utile lorda: 290 mq
Area del lotto: 600 mq
Inizio Progetto: 2006
Fine lavori: 2007
Struttura in mattoni intonacati
Pavimento interno in legno di Guatambù
Pavimento esterno in porfido della Patagonia
Fotografie: © Gustavo Sosa Pinilla

www.film-obrasdearq.com.ar

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×