1. Home
  2. Architetti
  3. Biografie
  4. Daniel Libeskind

Daniel Libeskind


Biografia

Nato a Łódź in Polonia, Daniel Libeskind (1946, naturalizzato statunitense dal 1965) è riconosciuto come uno dei principali interpreti dell’architettura decostruttivista
Compie studi di varie discipline (musica, pittura, matematica) in Israele e negli USA, laureandosi in architettura alla Cooper Union di New York nel 1970.
La “costante, distruttiva critica rivolta al linguaggio architettonico contemporaneo”, spesso carica di enfasi e metafore, lo colloca come personaggio di spicco nell’ambiente degli intellettuali degli anni Settanta. 
Grazie anche alla notorietà dei suoi molti disegni, Libeskind si fa conoscere anche in Europa. Insegna alla Cranbrook Academy of Art a Bloomfield Hills (1978-1985) e vive in molti paesi, tra cui l’Italia, fondando nella seconda metà degli anni Ottanta il laboratorio didattico sperimentale Architecture intermundium.
Solo in seguito comincia la sua importante attività di progettista: viene inserito nella mostra Deconstructivist architecture al MoMA di New York (1988), dopo essersi cimentato con opere quali il padiglione Folly a Osaka e soprattutto il colossale e trasgressivo progetto City Edge a Berlino (un edificio inclinato di 450 metri, trasversale a due isolati).
Nel 1989 si aggiudica il concorso per il Museo Ebraico a Berlino: apre il suo studio nella capitale e l’opera, terminata nel 2001, diviene presto “una delle icone dell’architettura contemporanea”.
La rappresentazione della storia e delle tragedie legate alla guerra diviene una costante della sua produzione: dal museo dedicato al pittore ebreo Felix Nussbaum (1998, prima opera completata), ai musei ebraici di Copenhagen e San Francisco, fino al recente National Holocaust Monument di Ottawa. 
Il suo studio tedesco ottiene da oltre un decennio enorme successo e incarichi da parte di istituzioni e privati in tutto il mondo: tra le opere di spicco ricordiamo l’Imperial War Museum a Manchester (2002); gli ampliamenti del Victoria & Albert Museum a Londra (2006) e del Royal Ontario Museum a Toronto (2007); il Gran Canal Theatre a Dublino (2010).
Nel 2002 si aggiudica il concorso per la ricostruzione dell’area del World Trade Center a New York, con un progetto di evidente simbologia che “prevede anche una valorizzazione dell’intera Lower Manhattan”.
 
Daniel Libeskind opere e progetti famosi
 
- National Holocaust Monument, Ottawa (Canada), 2015
- Gran Canal Theatre, Dublino (Irlanda), 2010
- Wheel of conscience monument, Halifax (Canada), 2011
- Ampliamento del Victoria & Albert Museum, Londra (Gran Bretagna), 2006
- Ampliamento del Museo d’Arte, Denver (USA), 2005
- Museo ebraico, San Francisco (USA), 2005
- Jvc University, Guadalajara (Messico), 2004
- Centro Congressi Maurice Wohl, Tel Aviv (Israele), 2004
- Museo ebraico danese, Copenhagen (Danimarca), 2003
- Imperial War Museum, Manchester (Gran Bretagna), 2002
- Museo ebraico, Berlino (Germania), 2001
- Museo Felix Nussbaum, Osnabruck (Germania), 1998
- Padiglione Folly, Osaka (Giappone), 1990
- Progetto City Edge, Berlino (Germania), 1987
 
Sito ufficiale
 

Correlati: Daniel Libeskind


Correlati

19-10-2021

Architecture and Adaptation - Comunità Resilienti Biennale di Venezia

Adattamento e resilienza, sono le parole chiave per affrontare il cambiamento climatico....

More...

18-10-2021

Mario Cucinella Architects e SOS - School of Sustainability nuova sede a Milano

Mario Cucinella Architects e SOS - School of Sustainability nuova sede a...

More...

07-10-2021

Floornature unico media partner dell’evento “BUILDING NATURAL CONNECTIONS”

In occasione di COP26, la Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, il Cambridge...

More...



Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature