23-08-2019

Casa Sin Huella di Schütte e A-01, abitazione scalabile per nature selvagge

A-01, Oliver Schütte,

Fernando Alda,

Costa Rica,

Ville,

Oliver Schütte in collaborazione con A-01 ha realizzato Casa Sin Huella, un'abitazione a impatto ambientale zero. Ubicata sulla sommità della Whale Bay in Costa Rica, questa casa comprime tutti i servizi in un unico blocco centrale, attorno al quale si sviluppano gli spazi abitativi.



Casa Sin Huella di Schütte e A-01, abitazione scalabile per nature selvagge

Casa Sin Huella, o in inglese No Footprint House, è l'ultima fatica di Oliver Schütte in collaborazione con A-01. Si tratta di un'abitazione unifamiliare, tanto elegante quanto essenziale e funzionale, che nasce quale primo prototipo di una produrre industrialmente.
Sorge lungo la costa pacifica del sud, in Costa Rica, sulla sommità dell'iconica Whale Bay e immersa nelle vaste ed esotiche foreste pluviali della regione.
Essendo inserita in un clima umido e tropicale, la casa è progettata in modo da rispondere alle condizioni dell'ambiente circostante attraverso il controllo passivo, in quanto ventilazione e schermatura dal sole sono il necessario progettuale, a prescindere dalla stagione, per godere appieno di una abitazione in questi luoghi.
In un tale contesto infatti la struttura asseconda la funzionalità e l'intera abitazione è costruita attorno a un nucleo centrale, in cui si trovano tutti i grandi elettrodomestici e le linee di allaccio ai servizi, compresi bagni, cucina e zona lavanderia. Aver compresso tutte queste funzioni in un unico blocco ha reso quindi possibile costruirvi attorno un open space a un piano. E non solo, la struttura, seguendo questi principi progettuali, riduce notevolmente la difficoltà e il costo di futuri interventi, oltre ai tempi di assemblaggio, fondamentali nel mercato delle case prefabbricate.
Tutto l'arredo per il living si trova tra il nucleo centrale e l'involucro esterno. Quest'ultimo composto da un doppio strato. Quello più interno è formato da travi profilate verticali, che sorreggono le vetrate e svolgono una funzione sia portante che estetica, essendo elementi strutturali messi in vista. Invece l'involucro esterno è in legno, formato da listelli inclinati per smorzare il calore e creare ombra durante le ore centrali della giornata, quelle più torride. Tali pannelli, così come le vetrate, possono essere aperti o chiusi individualmente per regolare la vista sul panorama, l'esposizione al sole, aumentare o ridurre i flussi d'aria e, su un piano più emotivo, il livello di privacy e la sicurezza che si percepisce stando nell'abitazione. Casa Sin Huella in questo modo è interno ed esterno allo stesso tempo, in cui è possibile modificare la sensazione di essere all'aperto o al chiuso, giocando con quelle dinamiche naturali che regolano l'abitabilità delle architetture nelle zone tropicali, come ombra e ventilazione.
Casa Ojochal, così si chiama il primo prototipo disegnato da Oliver Schütte per A-01, prende il nome dalla località in cui nasce e contiene due camere da letto e un'area che combina cucina e living, arricchiti da a una serie di spazi intermedi e multifunzionali. Per volere del cliente, questa casa in particolare è costruita su una struttura metallica fluttuante di colore bianco con finiture in legno, allacciata alla rete dei servizi pubblici, alimentata da energie rinnovabili, mentre l'acqua è riscaldata mediate l'uso dell'energia solare, grazie ai pannelli situati sul tetto.
La prima Casa Sin Huella è stata realizzata in tutte le sue parti nella Central Valley del Costa Rica, spedita al sito di assemblaggio in una sola notte e con un singolo rimorchio. Come già detto, è il primo prototipo di una produzione in serie, basata su un catalogo più ampio di tipologie residenziali. Ognuna di queste sarà configurata come una serie di parti prefabbricate modulabili. In una fase iniziale, le case Sin Huella saranno disponibili in tre diverse dimensioni, le quali potranno poi essere configurate a piacere dal cliente scegliendo i materiali per le finiture, nonché quantità e qualità di servizi disponibili. Le tre dimensioni saranno: 36mq la più piccola, 81mq quella intermedia e 108mq la superficie più grande.
Nel pieno rispetto del proprio nome, la No Footprint House di Oliver Schütte e A-01 è costruita in modo da essere completamente autosufficiente, proprio per quelle località che non hanno collegamenti diretti con la rete dei servizi pubblici, condizione non rara nei paesi dell'America Latina. Come racconta l'architetto si è cercato di dare una risposta sostenibile sia dal punto di vista economico che ecologico.
Per poter fare vanto del proprio nome, A-01 ha studiato la filiera di approvvigionamento dei materiali, così da avere garanzie sulla provenienza certificata e sulla performance ambientale integrata, assumendosi realmente la responsabilità del risultato finale.
In conclusione, Casa Sin Huella azzera l'impatto ambientale, mimetizzandosi naturalmente in qualsiasi ambiente, selvaggio o meno, e può essere smontata e riassemblata, senza troppa fatica, un numero infinito di volte.

Francesco Cibati

Year: 2018
Location: Ojochal, Costa Rica
Lead architect: Oliver Schütte / A-01
Design team: José Pablo González, Mauricio Rodríguez, Misael Rodríguez, Ronald Carvajal Soto / A-01
Typology research: Marije van Lidth de Jeude / A-01
MEP engineering: Pablo Mora / Consost
Structural design: Rafael Cañas / Ingeniería Cañas
Construction: Hernán Mora / SLO Studiolocal
Photography: Fernando Alda / Fernando Alda Fotografía
Documentary: Soren Pessoa, Valeria Romero / Manduca Audiovisual
Marketing: Luuc van Wezel / Villas Gaia

www.a-01.net
www.fernandoalda.com

Video: https://www.youtube.com/watch?v=Yu8OugbG-WI


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×