21-05-2019

Le Jardin des Portes al 28° Festival Internazionale dei Giardini a Chaumont-sur-Loire

Quentin Aubry, Vincent Jannsen, Zeger Dalenberg,

Quentin Aubry,

Paesaggio, Land Art, Installazione,

Paesaggio,

Il tema della 28a edizione del Festival Internazionale dei Giardini di Chaumont-sur-Loire è Giardini del Paradiso.



  1. Blog
  2. Landscaping
  3. Le Jardin des Portes al 28° Festival Internazionale dei Giardini a Chaumont-sur-Loire

Le Jardin des Portes al 28° Festival Internazionale dei Giardini a Chaumont-sur-Loire Il tema della 28a edizione del Festival Internazionale dei Giardini di Chaumont-sur-Loire è Giardini del Paradiso. I concorrenti all'edizione 2019 offrono una visione contemporanea di questo paradiso, tra cui Le Jardin des Portes del team degli architetti paesaggisti Vincent Jannsen e Zeger Dalenberg, in collaborazione con all'architetto e ingegnere Quentin Aubry,.


Il Festival Internazionale dei Giardini, presso la Domaine de Chaumont-sur-Loire in Francia, è un evento molto popolare tra gli amanti dei giardini. Giunto alla 28a edizione attira ogni anno oltre 400mila visitatori, curiosi di vivere in prima persona le esperienze immersive delle ultime creazioni paesaggistiche.
Quest’anno il tema è Giardini del Paradiso. Una ricerca in chiave paesaggistica in merito a quel “luogo di innocenza e di delizie a cui tutta l'umanità aspira”, ovvero la concretizzazione del sogno di felicità infinita. La connessione tra Paradiso e Giardino è vecchia quanto l’umanità, se guardiamo alle grandi religioni o semplicemente alla radice della parola paradiso. Infatti Pairidaēza, in persiano, significa proprio giardino. 
Ma come si vive nel mondo contemporaneo questo concetto di luogo da sogno staccato dalla realtà?  Che tipo di paradiso può evocare l'umanità di oggi che dispone, per plasmare la natura, di invenzioni al servizio dei valori umani e del rispetto per gli altri? Nel nostro tempo, non è forse vero che l'umanità ha bisogno di progettare un nuovo Paradiso terrestre, grazie alla connessione e integrazione di due universi: il naturale e l'artificiale? Come ai tempi dell'Umanesimo, siamo in un momento di grande transizione storica che sta dando origine a un nuovo mondo, a un “Rinascimento".
In questo senso, la proposta del giovane architetto e ingegnere francese Quentin Aubry, insieme agli architetti paesaggisti Vincent Jannsen e Zeger Dalenberg, è molto indicativa per operare una nuova interpretazione del paradiso distante dall’idea di locus amoenus, un topos letterario che definisce un luogo ideale di sicurezza o comfort. Per il loro progetto intitolato Le Jardin des Portes, il giardino delle porte, partono dalla figura del dio romano Giano, il quale, essendo a due facce, è l'incarnazione del fascino e della paura umana di fronte al destino. 
In questo giardino interattivo si trovano così delle porte girevoli in legno scuro riciclato che il visitatore può aprire, ovvero fare delle scelte. Queste a volte si spalancano su piante dominate dalle tonalità del bianco, altre su piante dalle tonalità più scure. La loro natura complementare rievoca il rapporto tra luce e buio, tra bene e male. Un rimando al fatto che la vita comporta prese di posizioni. Possiamo decidere se percorrere i sentieri meno battuti o andare per qualcosa di certo, diventando gli architetti della nostra fortuna
Il progetto Le Jardin des Portes è quindi non solo un giardino, ma anche un simbolo ludico della nostra libertà e responsabilità. Una proposta che riscuote un grande successo presso il pubblico del Festival aperto il 25 aprile e che durerà fino al 3 novembre 2019. Un tempo lungo di apertura che offrirà ai visitatori tutta la tavolozza dei colori stagionali dei giardini, dalla primavera all’autunno inoltrato. 
Per questa 28a edizione del Festival Internazionale dei Giardini, oltre alle 24 proposte temporanee, si trovano i 15 giardini permanenti della Domaine de Chaumont-sur-Loire. Un vero must per tutti gli amanti della disciplina e dell’architettura del paesaggio.

Christiane Bürklein

Progetto: Quentin Aubry, Vincent Jannsen, Zeger Dalenberg
Luogo: Domaine Chaumont-sur-Loire, Francia
dal 25 aprile al 3 novembre 2019
Immagini: Quentin Aubry
Ulteriori informazioni: http://www.domaine-chaumont.fr/en/international-garden-festival/2019-edition-gardens-paradise

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×