20-01-2020

Drummondville Public Library di Chevalier Morales

DMA architects, Chevalier Morales,

Chevalier Morales, Adrien Williams,

Drummondville, Canada,

Architettura e Cultura, Biblioteche,

La biblioteca pubblica di Drummondville, in Canada, è il risultato di un concorso vinto dallo studio Chevalier Morales con DMA architects, proponendosi quale nuovo centro della città, grazie al dialogo che instaura con il contesto e in particolare attraverso una la pista di pattinaggio.



  1. Blog
  2. News
  3. Drummondville Public Library di Chevalier Morales

Drummondville Public Library di Chevalier Morales Da tempo sappiamo che le biblioteche nell’era digitale hanno una funzione che va oltre al mero servizio di prestito di libri. Nel caso della biblioteca pubblica di Drummondville in Canada, a circa 105 km a nord-est di Montreal, una nuova struttura realizzata su concorso dallo studio Chevalier Morales con DMA architects, si tratta della parte di un complesso civico più grande integrato all'interno di un parco. 
Il fiume Saint-François è stato il protagonista principale del racconto storico e culturale di Drummondville, fondata nel 1815 nella regione centrale del Quebec, quale guarnigione per soldati, poi diventati agricoltori. Tutto questo è stato possibile grazie a una serie di dighe che hanno permesso alla città di sviluppare la sua economia. Ora nuovi investimenti, tra i quali rientra anche la nuova biblioteca come spazio civico dinamico nel cuore della città, sono stati programmati per ovviare a un periodo di crisi economica.
L'obiettivo principale è stato quello di rendere il progetto un catalizzatore, al preciso scopo di invertire il crescente isolamento di cui il sito sta soffrendo in quanto escluso dal principale viale commerciale e pedonale della città, Lindsay Street. Per affrontare un tale problema, gli architetti hanno usato l’asse della linea elettrica che attraversa il sito, quale riferimento per organizzare i diversi elementi come: l'edificio principale della biblioteca, sul lato a est, e la pista di pattinaggio, con tanto di edificio accessorio sul lato ovest. Inoltre, uno spazio pubblico sulla strada può essere utilizzato per eventi stagionali.
Con particolare riferimento alla storia di Drummondville, nota per la produzione di elettricità, gli architetti di Chevalier Morales, con DMA architects, sono stati quindi attenti all'illuminazione del luogo. Questo infatti include un prato elettrico nel Jardin des Voltigeurs, una serie di punti luce, lungo la linea elettrica e la passerella che porta alla Lindsay Street, e soffitti illuminati sotto lo sbalzo dell’edificio.
L'allestimento della biblioteca e degli altri elementi architettonici, come la Società Storica di Drummondville e il Dipartimento Arte e Cultura e Immigrazione, non è tradizionale, poiché gli architetti hanno deciso di far entrare liberamente gli utenti, come accade in un centro commerciale o in una stazione ferroviaria. La loro strategia prevede quindi, oltre a un caffè, la presenza di un ambiente multifunzionale usufruibile anche oltre gli orari della biblioteca. Si tratta di un imponente spazio a doppia altezza, in grado di contenere la circolazione verticale, ovvero una grande scala scultorea composta da due elicoidali decentrate. Questa inoltre apre diversi punti panoramici sulla biblioteca, sulle aree espositive e sul giardino adiacente alla sala di lettura. In fine il grande pianerottolo intermedio di questa scala può essere utilizzato per esposizioni.
Lo studio Chevalier Morales ha inoltre dato molta importanza all’involucro della biblioteca, il quale aumenta l’efficienza energetica e include riferimenti alla storia e cultura locale. 
In merito ai colori qui utilizzati, il blu ricorda le scorie di ferro e l’acciaio la struttura, quale retaggio della storia industriale di Drummondville, mentre il bianco lattiginoso dei panelli fa riferimento al ghiaccio, tipico della zona. Il tutto mitigato dal calore del legno all’interno.
La Biblioteca di Drummondville di Chevalier Morales traspone l'essenza storica, culturale e poetica della regione in una ben congeniata composizione urbana e architettonica. Un’opera che si è guadagnata il Grand Prix of Excellence 2019, assegnato dall'Ordine degli Architetti del Québec.

Christiane Bürklein

Progetto: Chevalier Morales con DMA architects
Luogo: Drummondville, Canada
Anno: 2019
Immagini: Adrien Williams, Chevalier Morales

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature