13-07-2021

Design Office di Clayton Korte, una trasformazione a Austin, Texas

Clayton Korte,

Chloe Gilstrap, Casey Dunn,

Austin, Texas,

Uffici,

Interior Design, Recupero,

Lo studio Clayton Korte (ex Clayton & Little) di Austin/San Antonio in Texas ha trasformato un edificio del 1963 nella sede di due studi di design, cioè del proprio e di Word + Carr Design Group, uno studio di architettura del paesaggio. L’intervento incarna l'impegno di Clayton Korte nella collaborazione interdisciplinare e nella promozione di un dialogo all’interno della comunità del design.



  1. Blog
  2. Design
  3. Design Office di Clayton Korte, una trasformazione a Austin, Texas

Design Office di Clayton Korte, una trasformazione a Austin, Texas Quando uno studio di architettura firma la propria sede viene sempre travalicato il mero progetto architettonico, in quanto è l’occasione per mostrare la propria filosofia progettuale. Per questo motivo il progetto dello studio Clayton Korte (ex Clayton & Little) ad Austin, Texas, è particolarmente interessante. La preesistenza su cui hanno lavorato, del 1963, è sorta come un edificio per uffici con una struttura in acciaio e pareti in mattoni. Situata su North Lamar Boulevard, appena a nord del centro di Austin e di fronte a Pease Park, nei suoi due piani, di quasi 1000 metri quadrati, presentava una serie di uffici tetri e bui. Lo studio Clayton Korte, consapevole del lavoro che lo aspettava ha così colto la possibilità di acquistarla. Vi ha infatti identificato, negli spazi grezzi ancora non sfruttati, il potenziale per poterli condividere con un altro studio di architettura del paesaggio dalle idee affini: il Word + Carr Design Group. In questo modo è nato un ambiente aperto che simbolicamente e fisicamente sfuma i confini tra i due studi creativi, rafforzandone i valori condivisi. 
Operativamente, dopo la stabilizzazione del sito in pendenza con sessantacinque pilastri strutturali, l'interno è stato sventrato, lasciando un guscio vuoto in cui i progettisti hanno ricavato un insieme minimale di spazi. Le piccole finestre perimetrali esistenti, tipiche degli anni ’60, sono state invece ingrandite e raddoppiate, proprio per aumentare la luce naturale, al fine di favorire anche un dialogo con l’esterno, nonché offrendo una bella vista sull'adiacente Pease Park.
Sempre negli interni, i muri perimetrali sono stati puliti, rivestiti e ricoperti di feltro industriale, trasformando virtualmente ogni parete in una bacheca, al preciso scopo di incoraggiare gli scambi e la collaborazione progettuale. I pochi uffici privati presenti sono stati invece posizionati verso gli angoli, dando così forma a una pianta aperta e con un ampio spazio tra le postazioni di lavoro. 
Sempre strutturalmente, la vecchia scala interna è stata rimossa e sostituita da una nuova dal grande impatto visivo rivestita in legno e dalle pedate in rovere, arricchita da un longherone d'acciaio e giunti saldati a vista. Le tavole di quercia finita a olio, raccolta dopo una grave siccità nel 2011, oltre agli interni si estendono fino a rivestire anche parte della scala. 
I soffitti e i pavimenti invece sono stati lasciati al grezzo, con uno strato di isolante bianco sul soffitto a vista e del cemento lucidato a terra. Semplici tende semitrasparenti modulano a loro volta la luce solare che entra dalle grandi finestre, mentre le porte interne in acciaio e personalizzate sono state fabbricate in-house. Per concludere gli interni la cucina e le aree di supporto sono stati pensati come luoghi condivisi, in modo da favorire ulteriormente l’interazione fra i due studi conviventi in un unico spazio.
Clayton Korte ha completato il proprio intervento di trasformazione con una nuova facciata in vetro e acciaio, mentre il mattone esterno è stato imbiancato a calce con una finitura semplice e durevole tradizionalmente usata nella zona.
In conclusione, Design Office è molto di più di un ufficio, in quanto ingloba pure uno spazio espositivo per l’arte, fungendo così anche da forum per il design. In definitiva è un luogo di scambio creativo che riattiva una preesistenza per darle lustro e una nuova vita.

Christiane Bürklein

Architecture: Clayton Korte
Interior Designer: Clayton Korte
General Contractor: Burnish & Plumb
Landscape Architect: Word + Carr Design Group
Structural Engineer: Scott Williamson, P.E.
Metal Fabrication: Drophouse Design 
Location: Austin, Texas, USA
Year: 2020
Photography: Casey Dunn, Chloe Hope Gilstrap

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature