14-08-2019

Tabanlioglu Architects Beyazit State Library Istanbul

Tabanlioglu Architects,

Istanbul, Turchia,

Biblioteche,

Aga Khan Award for Architecture, Recupero,

Lo studio Tabanlioglu Architects ha firmato il progetto di restauro di una delle più grandi e antiche bibioteche di Instabul, la biblioteca statale Beyazit. Fondata nel 1884 all'interno di un edificio del XVI secolo e custode di oltre 25.000 volumi tra libri e rari manoscritti, la biblioteca è tra i finalisti del premio Aga Khan Award for Architecture.



Tabanlioglu Architects Beyazit State Library Istanbul

La biblioteca statale Beyazit di Istanbul è stata la prima biblioteca statale della Turchia, è la più antica e una delle più grandi della città. Custode di oltre 25.000 volumi, libri ma anche rari manoscritti, è stata fondata nel 1884 all'interno di un edificio del XVI secolo costruito dagli Ottomani. Un complesso costruito in piazza Beyazıt, la Piazza della Libertà che si trova nella parte europea della città e che comprendeva: la moschea, tuttora esistente, con annessa madrassa e caravanserraglio. La biblioteca è stata realizzata proprio nell'edificio del caravansseraglio e lo studio Tabanlıoğlu Architects se ne è preso cura come si farebbe con un libro raro e prezioso, per restituirlo alla società dopo tanti anni di abbandono. Il progetto di restauro e rinnovamento della biblioteca è rispettoso dell'antico ma con un linguaggio contemporaneo e minimalista gli architetti hanno restituito alla città un luogo pubblico importante. L'intervento non ha riguardato solo il rinnovamento delle sale dedicate ai preziosi e rari manoscritti ma, nel corso dei lavori sono state riscoperte preziose testimonianze dell'antica civiltà bizantina. Gli architetti hanno quindi realizzato un progetto che rendesse fruibili al pubblico questi importanti reperti.

Un merito riconosciuto anche da Farrokh Derakhshani, direttore dell'Aga Khan Award for architecture, che nel presentare il progetto tra i venti finalisti dell'edizione 2019 del premio ha riconosciuto la maestria con cui lo studio Tabanlioglu Architects ha inserito elementi contemporanei in una struttura storica, restaurando le sale antiche dei manoscritti e restituendo al pubblico le testimonianze di una civiltà ancora più antica.
Gli architetti hanno restituito valore all'edificio antico attuando una serie di interventi che sottolineavano le qualità dello spazio storico e ne salvaguardavano lo spirito. Hanno riorganizzato il flusso di ingresso del pubblico, ora visitatori e utenti accedono alla biblioteca passando dalla piazza esterna al cortile interno. Gli spazi dedicati all'esposizione dei volumi e le sale di lettura sono raggruppati tutti intorno al cortile e distribuiti tra i diversi piani. Nel cortile, che è ora il nuovo ingresso principale della biblioteca, gli architetti hanno eliminato il tetto in cemento realizzato negli anni '80 del XX secolo, sostituendolo con una struttura leggera e trasparente a membrana che lascia filtrare la luce naturale diurna e permette un'atmosfera controllata. L'elemento che più di tutti è però emblematico dell'intervento è una grande scatola di vetro nero, un volume monolitico realizzato per custodire i volumi più rari. Un prezioso scrigno contemporaneo e tecnologico inserito nel cuore della struttura originaria della biblioteca.
Nel corso dei lavori di restauro sono stati ritrovati i resti di una antica basilica bizantina, per renderli fruibili gli architetti li hanno coperti con un pavimento vetrato in modo da proteggerli e osservarli dall'alto nel corso degli eventi ospitati dalla biblioteca.

(Agnese Bifulco)

Projetct: Beyazit State Library Renovation
Location: Istanbul, Turkey
Client: Ministry of Culture and Tourism, Aydin Dogan Foundation, Istanbul, Turkey
Architect: Tabanlioğlu Architects, Istanbul, Turkey
Design Team: Melkan Gürsel, Murat Tabanlıoğlu
Architectural Project Team: Hande Pusat, Derya Genç, Irem Çatay, Kıvanç Cucur, Nazlı Tınaztepe, Deniz Manisalı
Interior Design: Hande Pusat, Derya Genç, Irem Çatay, Kıvanç Cucur
Restoration: Budowa Mimarlık, Yaman İrepoğlu
Structural: Celal Erdem
Survey: Budowa Mimarlık, Yaman İrepoğlu
Mechanical: GN mühendislik
Electrical: HB Teknik
Lighting: Studio Dinnebier

Design: 2006-2008
Size: 2,925 m²
Completed: 2017

Images courtesy of Aga Khan Foundation photos by © Emre Dörter Photography; images by © Tabanlioglu Architects


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×