1. Home
  2. Architetti
  3. Biografie
  4. Sou Fujimoto

Sou Fujimoto


Biografia

Tra i più noti architetti giapponesi contemporanei, Sou Fujimoto (1971) si laurea in Architettura alla Facoltà di Ingegneria dell’Università di Tokyo. 

La maggioranza dei suoi lavori (ad inizio carriera caratterizzati da progetti su piccoli spazi) si concentra in Giappone, dove nel 2000 fonda la Sou Fujimoto Architects

La sua fama inizia qualche anno dopo, quando si aggiudica per 3 anni di fila il premio Architectural Review Awards, assegnato alle personalità emergenti nel mondo dell’architettura.

Come docente insegna alle università di Tokyo, di Kyoto e di Minato (Keio University). 

Nella sua recente lettura all’Architectural League of New York (2014) dal titolo “Between Nature and Architecture” è individuato il cardine della sua riflessione teorica, ispirata alle strutture organiche e naturali (tra le quali le foreste e le grotte) dalle quali Fujimoto trae gli spunti per una “lettura ambigua di spazi e forme”.

Per Fujimoto, nella complessità dell’ambiente naturale “viene iniettato l’umano senso dell’ordine (e viceversa), portando avanti una nuova definizione di spazio che risponde ai tempi che cambiano”

In questo luogo tra “natura e artificio umano” si collocano le sue opere, come evidenziato nelle molte case giapponesi: la T House (2005), dalla planimetria floreale composta da un’unica grande stanza che si irradia in tensione verso il centro: l’House N (2008), dalla struttura concentrica a conchiglia; la Final Wooden House (2008), con enormi travi di legno che costituiscono muri, pavimenti e tetto; la casa trasparente NA (2010), dalle pareti in vetro e ispirata alla vita su un albero.

La riflessione sull’integrazione tra elementi naturali e architettonici rimane centrale anche nei futuristici progetti fuori dal Giappone, tra i quali l’affascinante struttura a reticoli che richiama una nuvola, realizzata per la Serpentine Gallery di Londra (2013) e il progetto per la torre di 10mila mq Albero bianco, premiata come “follia architettonica del 21° Secolo” (2014).

Nel 2012 Fujimoto fa parte del team che viene premiato col Leone d’oro alla Mostra di Architettura di Venezia.

Sou Fujimoto opere e progetti famosi

- Progetto di Grattacielo Albero Bianco, Montpellier (Francia), 2014
- Padiglione della Serpentine Gallery, Hyde Park, Londra (Gran Bretagna), 2013
- Progetto di estensione del Museo Kunsthalle Bielefeld, Bielefeld (Germania), 2013
- House K, Nishinomiya (Giappone), 2012
- Museo della Musashino Art University, Tokyo (Giappone), 2011
- Biblioteca della Musashino Art University, Tokyo (Giappone), 2010
- House NA, Tokyo (Giappone), 2010
- Final Wooden House, Kumamoto, isola di Kyushu (Giappone), 2008
- House before House, Utsunomiya (Giappone), 2009
- Installazione L-finesse - Crystallised wind, Milano (Italia), 2009
- House H, Tokyo (Giappone), 2009
- House N, Oita (Giappone), 2008
- Appartamento, Tokyo (Giappone), 2007
- House O, Tateyama (Giappone), 2007
- Centro infantile di riabilitazione psichiatrica, Date (Giappone), 2006
- Casa di cura per anziani, Noboribetsu (Giappone), 2006
- 7/2 house, isola di Hokkaido (Giappone), 2006
- House T, Gunma (Giappone), 2005

 

Sito ufficiale

www.sou-fujimoto.net

Correlati: Sou Fujimoto

Architetti più visti


Correlati

22-03-2019

Weiss Manfredi Olympic Sculpture Park Seattle

Il progetto dell'Olympic Sculpture Park realizzato a Seattle dallo studio Weiss Manfredi è...

More...

21-03-2019

Mjøstårnet il più alto grattacielo in legno del mondo

In Norvegia si è raggiunto un importante record nell'ambito degli edifici in legno, il...

More...

20-03-2019

Francesco Venezia riceve il Piranesi Prix de Rome alla carriera

Il 15 Marzo 2019 alla Casa dell’Architettura – Acquario Romano di Roma l'architetto...

More...



Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×