08-12-2017

La struttura della Allianz Tower di Milano - Andrea Maffei e Associati

Andrea Maffei Architects,

Milano,

Grattacielo, Uffici, Headquarters,

Cemento, Metallo, Vetro,

La struttura della Torre Allianz di Milano, realizzata da Andrea Maffei rivela dettagli interessanti. Il ruolo del cemento armato e dell'acciaio nella versione italiana di un importante grattacielo



La struttura della Allianz Tower di Milano - Andrea Maffei e Associati I 207 metri della Allianz Tower di Milano, realizzata da Andrea Maffei e Associati, ha un'innovativa struttura in cemento e acciaio.
Il basamento della torre, completamente in cemento armato, ha una platea variabile dai 2,5 ai 3,5 mt di altezza, agganciandosi a 52 pali trivellati del diametro di 1,5 mt e lunghi 31,5, così da far elevare le otto vele di vetro e acciaio che rivestono i 43 piani del grattacielo e la cui struttura è in acciaio rinforzato con cemento (Steel reinforced with concrete).
Lo schema statico è così formato. Un cuore, che contiene i servizi primari al centro della planimetria, separa lo spazio di ogni piano, il quale è connotato da cinque pilastri per lato a base circolare di 1,50mt di diametro che ognuno annega al proprio interno una HE di acciaio. Ai lati della torre si concentrano specularmente altri servizi necessari alla vita dell’edificio, come le scale e gli ascensori pressurizzati di ultima generazione, i quali, grazie a uno specifico software, già ai tornelli d’ingresso aiutano a smistare i dipendenti indirizzandoli ai piani di riferimento. Sorprende però che lo spessore dei muri di questi due lunghi corpi ai lati della torre non superi i 50cm, rimanendo così snella e rigida allo stesso tempo.
Data la grande superficie del fronte, durante la progettazione è stata compiuta una simulazione con il modello tridimensionale nella galleria del vento, al fine di comprendere le oscillazioni e poterle quantificare in maniera adeguata, assieme ai risultati dati dal modello matematico-strutturale. Il calcolo finale, unito ai risultati di laboratorio, ha consentito di concepire e realizzare una struttura tale che le oscillazioni alla cima della torre non fossero superiori agli 80cm. Tutto questo in virtù dei quattro puntoni che irrigidiscono ulteriormente la già solida struttura in acciaio e cemento. A tal proposito queste strutture a vista, dato il loro peso, per evitare un'eccessiva freccia propria e una ridondanza causata dal vento, sono stati svuotati, tripartendoli, pur lasciandoli uniti da grossi fazzoletti d’acciaio anch’essi alleggeriti, così da evitare lo scomodo effetto vela che avrebbe avuto ripercussioni sulla torre stessa. Un'ultima particolarità sta nell’attacco a terra che da un lato è visibile al piano d’ingresso, mentre dall’altro la cerniera è posta sul tetto dei due grossi volumi di servizio che guardano le spalle della torre.

Fabrizio Orsini

Progetto: Torre Allianz località Milano programma grattacielo per uffici cliente Citylife S.p.A. / Armando Borghi - CEO, Marco Beccati
Tempi di concorso: 2004
Progettazione: 2005-2011
Tempi costruzione: 2012 - 2015
Progetto: Arata Isozaki e Andrea Maffei
Design team progetto definitivo avanzato: Pietro Bertozzi, Takeshi Miura, Alessandra De Stefani, Chiara Zandri, Davide Cazzaniga, Vincenzo Carapellese, Roberto Balduzzi, Takatoshi Oki, Stefano Bergagna, Paolo Evolvi, Elisabetta Borgiotti, Adolfo Berardozzi, Higaki Seisuke, Carlotta Maranesi, Francesca Chezzi, Giuliano Godoli, Giorgio Ramponi, Hidenari Arai, Takuichiro Yamamoto, Atsuko Suzuki, Sofia Bedynski, Antonietta Bavaro, Mauro Mazzali, Sofia Cattinari, Taro Hayashi, Haruna Watanabe, Madoka Tomita, Ayako Fujisawa
Strutture concorso: Mutsuro Sasaki, Hiroki Kume, Takeshi Suzuki / Sasaki and Partners, Tokyo;
Strutture progetto: Maurizio Teora, Luca Buzzoni, David Scott, Matteo Baffetti, Valeria Migliori, Francesco Petrella, Angelo Mussi / Arup, Milano e New York,
Strutture piastra: Holzner Bertagnolli, Cap Engineering
Facciate: Mikkel Kragh, Mauricio Cardenas, Matteo Orlandi, Maria Meizoso, Carlos Prada / Arup Milano e Madrid
Impianti concorso: P.T. Morimura, Tokyo
Impianti progettazione: Gianfranco Ariatta, Roberto Menghini, Riccardo Lucchese, Sylvia Zoppo Vigna, Andrea Ambrosi / Ariatta Ingegneria dei sistemi, Milano
Direzione artistica: Andrea Maffei / Andrea Maffei Architects
Fotografie: Alessandra Chemollo

 


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature