11-09-2019

Ppa + Encore Heureux: Pratgraussals Events Hall ad Albi

Encore Heureux architectes, ppa architectures,

Philippe Ruault, Cyrus Cornut, Hugo Segura,

Albi, France,

Architettura e Cultura, Cultural Center,

All’interno del progetto di riqualificazione della riva destra del fiume Tarn, nella cittadina francese di Albi, sorge la nuova Pratgraussals Events Hall. Vincitori del concorso nel 2016, ppa architectures ed Encore Heureux progettano una sala eventi basata su principi di modularità e flessibilità.



Ppa + Encore Heureux: Pratgraussals Events Hall ad Albi

Al principio del progetto della nuova Pratgraussals Events Hall di Albi, nel sud della Francia, c’è il confronto dialogico con l’altro importante edificio pubblico, la Cattedrale di Santa Cecilia con la sua torre campanaria, il più celebre monumento della cittadina francese. Visibile da ogni punto di accesso alla città, come anche dall’area di Pratgraussals, a nord del centro storico, la guglia doveva conservare la propria importanza anche nei confronti della nuova Salle des fêtes. Secondo ppa architectures ed Encore Heureux architects la Pratgraussals Events Hall avrebbe dovuto apparire nuovo e storico allo stesso tempo, avrebbe dovuto richiamare l’interesse e l’attenzione della gente con una struttura dal carattere radicale, ma allo stesso tempo avrebbe dovuto integrarsi nell’area urbana verde, particolarmente amata dalla gente di Albi.
Per tali motivazioni il progetto studia una struttura con tetto a 8 falde, nettamente difforme dai volumi architettonici tradizionali della campagna francese, ma sceglie il legno come materiale principale per far pensare a un immediato senso di domesticità, ricollegando quest’edificio alle architetture agricole circostanti. Lo sviluppo orizzontale poi avrebbe evitato di entrare in contrasto con quello verticale della torre campanaria, senza turbare la gerarchia di rilevanza architettonica instaurata da secoli nella cittadina.
Il concorso bandito dalla Ville di Albi evidenziava l’assenza di una destinazione specifica per l’auditorium, che avrebbe dovuto essere progettato con la massima standardizzazione costruttiva, per ridurre costi e tempi di realizzazione (solo 11 mesi), ma anche con la più ampia versatilità di utilizzo. L’evento più celebre che vi si tiene dallo scorso autunno, data in cui la struttura è stata inaugurata, è il Pause Guitar, un festival musicale che ha reso famosa la città e per cui, oltre al grande auditorium coperto, sono stati sistemati anche gli spazi verdi circostanti.
La ricostruzione di questa nuova attrezzatura, situata nel cuore di un’area naturale di 15 ettari sulla riva destra del fiume Tarn, fa parte di un più ampio progetto di rivalutazione del sito di Pratgraussals, a medio e lungo termine. Nella visione dell’amministrazione comunale, che ha in progetto anche la realizzazione di una passerella ciclopedonale lungo il ponte ferroviario esistente, Pratgraussals sarà collegata fisicamente e culturalmente al nucleo storico, ampliando il cosiddetto centro.
Costruito nel 1964, il vecchio padiglione di Pratgraussals fu adattato a spazio eventi negli anni '90, portandosi dietro negli anni problemi strutturali e attrezzature inadeguate e obsolete. La diagnosi di progetto si espresse per la demolizione.
Ppa architectures ed Encore Heureux architects hanno progettato una struttura a telaio in legno, in grado di ospitare un auditorium con una luce di 24 metri. Con lo scopo di favorire l’uso di componenti prodotti in serie, pre-assemblati in officina e posizionati sul posto, le facciate sono state rivestite con moduli in legno (della regione del Limosino), il basamento è stato realizzato in blocchi di cemento prefabbricato con ciottoli del fiume Tarn e la copertura in pannelli di zinco. Con la stessa filosofia sono stati disegnati anche gli arredi su misura in tubo metallico e pannelli di legno, utilizzabili sia come sistemi per la segnaletica che come banconi reception e bar aggiuntivi.
Alle due estremità della grande sala da 500 posti sono stati collocati rispettivamente l’ingresso principale sud verso l’area naturale di Pratgraussals e quello nord con patio, riservato al personale e agli artisti, affacciato sul Tarn. Su tre dei quattro lati si estende un portico che invita all’avvicinamento pedonale, offrendo un semplice riparo dal sole e dalla pioggia. Sul lato nord-ovest invece il percorso diventa interno, riservato alla circolazione del personale tra l’auditorium e le sue camere tecniche (spogliatoio, magazzini, cucine, uffici, locali di servizio). La pianta, semplice e regolare, è dotata di tutte le funzioni essenziali per un programma flessibile che comprenda congressi, seminari, concerti e altri generi di eventi culturali propri della vita pubblica di Albi.
Nella sala molteplici configurazioni sono possibili: l’ambiente completamente aperto per esposizioni o grandi feste serali, può essere diviso a metà o in più parti per mezzo di tendoni scorrevoli alle pareti, mentre i locali a nord possono essere aperti mediante partizioni mobili per diventare lo stage del concerto. Inoltre il patio, in corrispondenza dell’ingresso secondario, è pensato come ambiente conviviale per utenze di numero minore o correlato alla manifestazione principale.
Si segnala infine la collaborazione con l’artista Bonnefrite a cui è stato chiesto di realizzare un affresco sulla parete dell’ingresso verso la sala eventi nonché la segnaletica dell’edificio. Pensando al legno e alla singolare forma dell’edificio, egli racconta di essersi ispirato al tema della giungla, con riferimenti a Rousseau e Matisse. Per la grafica invece ha applicato lo stile che l’ha reso famoso, la sua attraente scrittura mano libera su supporto stampato.

Mara Corradi

Architects: ppa architectures + Encore Heureux architects
ppa architectures partner: Jean Manuel Puig
ppa architectures team: Laure Alberty and Ana Castro
Encore Heureux partner: Nicola Delon
Encore Heureux team: Margot Cordier and Olivier Caudal
Contest team: Clémence Durupt, Guillaume Sicard, Floriane De Roover, Romain Léal
Landspace architect: Atelier ATP
Signage and fresco: Bonnefrite
Client: City of Albi
Location: 113 rue de Lamothe, 81 000 Albi, France
Gross useable floor space: 2 400 sqm
Competition: 2016
Start of work: 07/2017
Completion of work: 07/2018

Photographs: © (01-07) Cyrus Cornut, (13) Hugo Segura, (8-12) Philippe Ruault

www.ppa-a.fr
www.encoreheureux.org
http://bonnefrites.free.fr


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×