05-08-2021

Moussafir Architectes & Nicolas Hugoo Architecture Edifici a uso misto a Parigi

Moussafir Architectes, Nicolas Hugoo Architecture,

Hervé Abbadie, Luc Boegly,

Parigi,

Residenze, Edifici Commerciali, Housing,

È stato recentemente completato il blocco G, un edificio multifunzionale progettato dai due studi parigini Moussafir Architectes & Nicolas Hugoo Architecture, che fa parte del grande piano di rigenerazione urbana Chapelle International, in corso nella zona Nord-Est di Parigi nel 18° arrondissement. Nel nuovo edificio sono presenti anche alloggi realizzati con l'innovativo concetto SOHO, Small Office Home Office.



Moussafir Architectes & Nicolas Hugoo Architecture Edifici a uso misto a Parigi

Nella zona Nord-Est di Parigi, nel 18° arrondissement, è in corso un grande progetto di rinnovamento urbano sull'antica area logistica ferroviaria non più utilizzata. Il programma generale riguarda una superficie complessiva di 7 ettari e porterà alla realizzazione del nuovo quartiere Chapelle International dedicato all'innovazione urbana, sociale, ambientale e tecnologica. Il progetto è in corso da alcuni anni, ma già nel 2019 il quartiere ha potuto accogliere circa 1500 nuovi residenti e nuove attività commerciali, il completamento generale è previsto entro il 2030. I blocchi che compongono il grande piano di Chapelle International sono stati assegnati, attraverso concorsi di progettazione, a diversi studi d'architettura. Nelle pagine di Floornature abbiamo, per esempio, già presentato le torri del blocco E progettate dagli studi Brenac & Gonzalez & Associés e MOA Architecture. Recentemente è stato completato il blocco G progettato dagli studi parigini Moussafir Architectes & Nicolas Hugoo Architecture.
Rispettando alcune caratteristiche comuni anche ad altri blocchi, il progetto realizzato da Moussafir Architectes & Nicolas Hugoo Architecture offre diversi tipi di unità abitative, compresi alloggi atipici rivolti a studenti, ricercatori e più in generale a giovani lavoratori o piccolissime imprese. Si tratta di abitazioni realizzate secondo un concetto definito SOHO, Small Office Home Office, unità ibride che combinano nello stesso luogo gli spazi abitativi e quelli di lavoro.
Il blocco G è costituito da tre volumi principali che condividono alcuni principi architettonici comuni come la compattezza e il rigore geometrico, la differenziazione e l'identificazione degli appartamenti. I tre volumi sono: un basamento comune per tutto il blocco dedicato ai SOHO e agli spazi commerciali, che come raccontato dagli architetti risponde all'idea di "un mondo inferiore unitario" e che integra il complesso nel suo contesto, da questa base si innalzano due torri residenziali descritte come "un mondo superiore altamente diversificato".
I SOHO progettati dagli architetti nel basamento, sono unità abitative a doppia altezza che richiamano le case a schiera, hanno tutti spazi esterni privati come terrazze e piccoli patii, la disposizione sfalsata tra le diverse unità permette alla luce naturale di penetrare nel cuore del nuovo isolato.
La torre G1 è stata definita dallo studio Nicolas Hugoo Architecture e la torre G2 dallo studio Moussafir Architectes. Diversi per soluzioni di facciata e altezza, i due volumi rispondono a uguali criteri distributivi. Gli architetti hanno infatti concentrato i collegamenti verticali nel nucleo centrale dei due volumi, da questo centro le funzioni abitative si dispongono secondo ideali cerchi concentrici. Dal cuore degli edifici si accede agli appartamenti dove gli ambienti di servizio, e in generale tutti gli spazi di dimensioni inferiori, sono distribuiti in prossimità dell'ingresso. Gli ambienti di dimensioni maggiori, come le camere da letto e il living, sono invece disposti secondo un ideale cerchio successivo e quindi lungo le facciate. In questo modo agli spazi principali, quelli dove si trascorre la maggior parte del tempo vissuto in casa, viene assicurato un contatto diretto con il contesto e il paesaggio nonché le migliori condizioni di illuminazione naturale e comfort grazie alle ampie aperture.

(Agnese Bifulco)

DATA SHEET

Address: Secteur d'aménagement Chapelle International, 75018 Paris, lot G
Program: 105 apartments of which 40 are social housing (G1) and 65 intermediaries (G2), 18 SOHO (small office/home office), 2 shops and 83 parking spaces.
Surfaces: 8,947 m² SDP (G1 2,839 m² + G2 4,815 m² + Shops and SOHO 1,293 m²)
Calendar: Competition won in 2014, delivery in 2021
Architects:
Moussafir Architectes (leading architect, designer of the SOHOs and Block G2: Jacques Moussafir with Jérôme Hervé, Amélie Brulé, Ary Justman, Amélie Rigaud and Marty Ilievsky)
Nicolas Hugoo Architecture (associate architect, designer of Block G1, of the façade of the base and of the Infras: Nicolas Hugoo with Julie Vinois, Sylvie Nguyen and Louise de Chatellus)
Co-contractors: BMF (economist), Batiserf Ingénierie (structure), Louis Choulet Ingénierie (fluids and HQE), Point d’Orgue (acoustician)
Labels and certifications: RT2012 – Plan Climat Ville de Paris, H&E profil A option performance, Effinergie+
Urban planning: l’AUC
General building company: Léon Grosse
Photo credits: © Luc Boegly (01, 03-07) and © Hervé Abbadie (02, 08-19)


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature