06-10-2021

John McAslan: Lancaster University’s Health Innovation Campus

John McAslan and Partners,

Hufton+Crow,

Lancaster, Pennsylvania US,

Uffici,

John McAslan + Partners progetta l’Innovation Hub all’interno dell’Health Innovation Campus alla Lancaster University. Ambienti che stimolano la cross-fertilization si innestano a stanze laboratoriali tradizionali. Il paesaggio collinare entra negli spazi come componente del sistema di lavoro.



John McAslan: Lancaster University’s Health Innovation Campus

All’interno dell’Università di Lancaster, nel Regno Unito, è in fase di sviluppo l’Health Innovation Campus, un progetto di John McAslan + Partners che ha la valenza di un centro per l’innovazione in campo sanitario. Il masterplan si sviluppa su un’area di ben undici ettari, per la quale lo studio londinese ha già progettato e portato a termine l’edificio dell’Innovation Hub. Al piano terra di quest’ultimo, recentemente, sono transitati anche cittadini comuni per ricevere il vaccino del Covid-19 coerentemente con la missione del Campus che vuole essere un centro di eccellenza per l’assistenza sanitaria nell’ambito della prevenzione.
Non si tratta della prima collaborazione tra l’Università di Lancaster e lo studio John McAslan + Partners, che è nato a Londra ma oggi ha sedi a Edimburgo, Belfast e a Sydney, in Australia, il quale aveva già progettato nel campus il Postgraduate Statistics Centre e il Charles Carter Building and the Engineering Building. Il nuovo hub si trova a nord del nucleo principale della sede universitaria, in un’area campestre collinare, intervallata da boschi.
La richiesta da parte dell’università era di concepire un luogo in cui alla rigorosa attività di ricerca potesse coniugarsi l’apprendimento condiviso, quella che i progettisti chiamano la cross-fertilization, in grado di stimolare un dialogo, unendo approcci differenti all’assistenza sanitaria, all’innovazione e all’insegnamento. Nel programma e nei layout di John McAslan + Partners stanze standardizzate che favoriscono modalità di lavoro più formale e tradizionale sono state intervallate da ambienti più grandi e aperti, con precisa vocazione alla socialità, arredati e rifiniti con superfici lignee accoglienti e colori caldi, in grado di stimolare una collaborazione informale.
Il rapporto con il paesaggio, suggerito dall’ampio uso di vetrate reiterate e di sistemi frangisole integrati, è oggi una condizione indispensabile, sottolineano i progettisti, in qualsiasi ambiente di lavoro che ponga al centro serenità, distensione e benessere mentale.
Il progetto del nuovo hub di John McAslan + Partners è un edificio basso – il punto più alto è una “torre” di cinque piani - con due corpi lunghi e rettangolari che si estendono uno a sud, immergendosi nel bosco, e l’altro a nord verso il parcheggio delle automobili. Mentre la torre ospita spazi condivisi e di accoglienza come l’auditorium, la caffetteria, i due “rami” accolgono uffici, laboratori e spazi di insegnamento, intervallati puntualmente da sale riunioni ed eventi che, distribuiti su tutti i piani, hanno lo scopo di stimolare il confronto e il lavoro condiviso. Il volume centrale e svettante offre spazi a doppia e tripla altezza, molteplici luoghi di incontro informale arredati, e la grande scalinata in legno affacciata sul verde, utilizzabile anche come tribuna per incontri. Questi spazi sembrano ancora più ampli grazie alla terrazza esterna con pavimentazione lignea, che si allunga nel verde con un disegno irregolare, e funge da filtro tra gli interni e il parco esterno, favorendo la contemplazione, ma anche la fruizione diretta di quest’ultimo.
Quale risposta al contesto, con le sue distese di spazi verdi e l'aperta campagna, la forma architettonica a padiglione basso riduce l’impatto del volume dell'edificio, pari a oltre 8000 mq, su cinque piani. In sezione, questi piani presentano un ordine gradinato che cerca l’integrazione con la topografia.

In pianta l’architettura presenta una pianta a L, in grado di creare una corte principale e spazi di dimensioni diverse che avvicinano il verde circostante agli interni. La corte è stata disegnata in funzione di una grande quercia secolare che ombreggia così i tavoli e le sedute della terrazza esterna, creando un momento di svago nella natura. Un porticato accoglie chi arriva dal parcheggio e conduce alla terrazza e all’ingresso principale, favorendo la contemplazione del verde.
La struttura in cemento di tutti i corpi presenta prospetti vetrati scanditi da pilastri e parzialmente coperti da pannelli in alluminio anodizzato traforato, secondo un ritmo irregolare che va a interromperne il rigore geometrico. Questi rivestimenti color bronzo sono stati tagliati con macchine a controllo numerico, secondo un disegno astratto ispirato a motivi naturalistici. Lo stesso decoro avvolge parzialmente il blocco della hall trasferendone ruolo e funzione al visitatore.
Tra le misure di efficienza energetica, gli architetti hanno adottato la politica della Lancaster University che richiede che gli spazi per l'insegnamento e gli uffici non siano ventilati meccanicamente. In questo edificio l’obiettivo è stato raggiunto grazie ai bassi tassi di infiltrazione di calore. I materiali da costruzione predominanti, ovvero la struttura in acciaio e le superfici interne in legno, possono essere riutilizzati e riciclati. Queste scelte hanno permesso all’Innovation Hub di ottenere la certificazione BREEAM Excellent.

Mara Corradi

Architects: John McAslan + Partners https://www.mcaslan.co.uk
Architecture: John McAslan, Paul East (Project Architect)
Team: Jo Brown, Elliot Hill, Chris Ravenscroft, Tom Roberts, Georgina Ward
Landscape and Urbanism: John McAslan + Partners (Andy Harris, Celia Guerreiro)
Client: University of Lancaster
Location: Lancaster
Appointment: 2016
Completion: 2020
Area: 8000 sqm
Structural Engineers: WYG
Services Engineers: WYG
Site Infrastructure: WYG
Contractor: BAM Construction Ltd
Project Manager: Identity Consult
Planning Consultant: CBRE
Cost Consultant: SDA Consulting
Photography: © Hufton + Crow


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature