27-11-2019

Il "Cultural Block" di Parigi, progettato da Tolila+Gilliland con TVK

Tolila+Gilliland,

Cyrille Weiner, Julien Hourcade,

Parigi,

Cultural Center, Residenze,

Nella periferia di Parigi, a Clichy-Batignolles, sorge una nuova, grande opera, firmata dagli studi TVK e Tolila+Gilliland. Il nome, The Cultural Block, riprende l'intento di destinare ampi spazi condivisi al pubblico e alla cultura, inserendoli all'interno di un grande progetto residenziale di 342 unità. Un vero e proprio quartiere a sé stante, dotato perfino di cinema, scuola di danza e centro d'aggregazione cittadino.



Il

Tre edifici residenziali di grandi dimensioni, che offrono viste eccezionali sul landscape cittadino dal Diciassettesimo Arrondissement. Così Tolila+Gilliland e TVK definiscono la loro ultima grande fatica: un intero blocco di tre edifici nella zona di Clichy-Batignolles, realizzato grazie a un'iniziativa privata, ma sostenuta anche dalla Città di Parigi.

Il cuore del progetto, secondo gli architetti, sarebbe il centro culturale che dà anche il nome all'intero blocco, il quale ospita uno spazio concerti e alcune sale per la danza. The Cultural Block in realtà è molto più che un semplice "quartiere culturale". Infatti, su una superficie di quasi 30000 metri quadrati convivono 153 unità residenziali sociali, 80 appartamenti con locazioni calmierate e infine altri 109 appartamenti più lussuosi, venduti a prezzo di mercato. Assieme all'attività principale dell'abitare, si trova la dimensione culturale. Il centro civico con sala concerti, un cinema multisala con sette schermi, alcuni spazi commerciali, un giardino comune al centro del blocco e una serie di installazioni artistiche negli spazi comuni, sono ciò che rende culturale il "block" di TVK e Tolila+Gilliland.

Sulla vastissima superficie occupata da Cultural Block si stagliano tre edifici, alti ciascuno cinquanta metri per quindici piani abitabili. I tre mostrano una base estetica comune che riprende il razionalismo e, aggiungendo un richiamo all'architettura degli anni '70, unisce l’insieme costruito alla modellazione parametrica. I tre edifici, simili all'apparenza, sono in realtà entità distinte che costituiscono un unicum architettonico equilibrato e sfaccettato. Nell'angolo a Sud Est si trova l'edificio color sabbia che ruota in maniera progressiva la pianta, traslandola lateralmente, piano su piano. In questo modo fa prendere all'architettura stessa un forte dinamismo, in quanto sembra avvitarsi su sé stessa. Qui trovano posto le unità immobiliari di pregio e il centro civico. L'edificio a Ovest è bianco e, a differenza del primo che ruota attorno al suo asse verticale, ha un aspetto più scultoreo e statico. Grandi balconi cingono su ogni piano il perimetro smussato del palazzo, dove si trovano le residenze popolari e calmierate, mentre al livello del terreno è ospitato il grande cinema multisala.
L'ultimo edificio del distretto abitativo-culturale progettato da Tolila+Gilliland e TVK ha un colore rosato e, nelle facciate, disegna linee a zig-zag concave e convesse in continuità, collegandosi agli altri palazzi con un'armonia indipendente, nonché chiudendo il complesso del Cultural Block. Il grande parco inscritto tra i tre edifici completa, assieme alle terrazze comuni presenti su ogni edificio, la necessità di spazi verdi e aperti ai futuri inquilini.

Negli oltre 54 milioni di Euro spesi per la realizzazione, è stata inclusa una voce di budget elevata per raggiungere i più alti standard energetici. Le certificazioni di performance raggiunte sono quattro: RT2012, Paris Climate Action Plan, Label Effinergie, Profil A e CoRDEES.

La posizione e forma dei tre blocchi non è casuale, ma studiata e scolpita in modo da privilegiare le viste diagonali e l'ingresso della luce naturale in ogni spazio. Tutte le abitazioni sono inoltre dotate in media di 14mq di aree esterne, grazie alle generose balconate che spiccano su ognuno dei tre elementi formanti il Block. In questo modo si genera un panorama personale per ogni unità residenziale. La dislocazione del complesso in sé è strategica ed estremamente funzionale, posta a metà via tra il centro cittadino e le zone verdi che cingono la città.

The Cultural Block infatti è pensato per incentivare la socialità tra vicini, garantendo, a chi vorrà fruirne, una serie di servizi. Anche il carattere di novità del progetto contribuirà ad accrescere il numero di visitatori. The Cultural Block è a disposizione di tutti gli abitanti del 17° arrondissement, senza distinzioni di ceto ed educazione. Per entrare a far parte della comunità cittadina l'importante, sembrano voler dire TVK e Tolila+Galliland, è amare la cultura.

Francesco Cibati

Design Team:
TVK: Lead architect
Tolila+Gilliland: Associate architect
Praxys: Landscape architect
Elithis: MEP and Environmental engineer

Program: Seven-theatre cinema with cultural space, Community center with separate concert space and dance studios, 342 residential units (153 social, 80 controlled rent and 109 market rate), Retail space, Communal garden, Artwork
Context: Lot O8, ZAC Clichy-Batignolles – Paris, France
Address: Rue Mstislav Rostropovitch and Allée Colette Heilbronner, 75017 Paris, France
Area: 29,240 m² net
Budget: 54,300,000€ pretax
Year: 2018
Pictures: Julien Hourcade, Cyrille Weiner

www.tvk.com
www.tolilagilliland.com


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×